Passa ai contenuti principali

PERCHE' NON RIUSCIAMO A CAMBIARE

Ho notato in questi giorni, che molti blog si sono occupati, anche in maniera eccellente, della manifestazione di Roma a piazza Navona. Le discussioni che sono nate, sono state di grande spessore sotto ogni profilo dimostrando una grande voglia di partecipazione. La domanda che però mi è balzata all'occhio è: " Perchè dopo tutto questo non cambia niente?"
Premetto che per me uno come Beppe Grillo, da dopo le elezioni, dovrebbe solo informare senza nessun diritto di critica. Chi fa una campagna elettorale a predicare l'astensionismo dicendo che sono tutti uguali, di cosa si lamenta? Poi non capisco perchè Rita Borsellino in Sicilia andava bene, e al Senato con l'arcobaleno no, ma...
Detto questo, quello che a me interessa, non è chi era sul palco, ma quelli sotto ad ascoltare. Il problema è il continuo bisogno delle persone di avere idoli, di avere il Grillo o il Travaglio di turno al quale poter scaricare le proprie responsabilità. Non possiamo continuare a delegare a qualcuno, continuare a idolatrare vip per fare quello che dovremmo fare noi. Ormai quelle persone, potrebbero dire che il sole gira attorno alla terra e qualcuno li seguirebbe ancora. La dimostrazione sono le elezioni, predicare l'astensionismo è stato deleterio, è sembrato quasi un modo per tirare la volata a Berlusconi e aiutare Veltroni ad escludere la sinistra. Chi aveva interesse a cambiare è andato a votare, eccome!!! Questi sono i risultati. Puoi portare in piazza anche 1 milione di persone, ma se quando arriva il momento di incidere per poter cambiare le cose predichi l'esatto contrario, la piazza ha un valore poco più alto di una semplice adunata militare. Inizio a credere che venga usato veramente come una valvola di sfogo, un modo per dare almeno una speranza che qualcosa possa cambiare. Io dico, ragazzi... iniziamo a prendere in mano noi la nostra vita, noi dobbiamo essere i Grillo e i Travaglio, tutti i giorni deve essere una piazza. Il sistema non lo combatti scendendo in strada a idolatrare qualcuno o donando soldi all'Unicef per la fame nel mondo. Questi sono modi per salvarsi almeno in parte la coscienza. Il sistema lo vinci, se ogni gesto è improntato alla sua distruzione riuscendo così a scardinarlo nelle sue contraddizioni. Per carità, la piazza è magnifica, ma l'impegno deve esserci anche il giorno dopo.

Italiano:
Non puoi lamentarti dei politici, e non andare a votare.
Non puoi lamentarti dello strapotere delle banche, e accendere mutui per un toast pane.
Non puoi lamentarti dell'informazione, e poi programmi spazzatura fanno ascolti record ( loro ti vendono anche ciò che guardi).
Non puoi lamentarti della corruzione, e dire che al suo posto faresti uguale.
Non puoi lamentarti dello stato sociale, e poi evadi le tasse.

Questo bisognerebbe dire. Iniziare a responsabilizzare, far capire che se abbiamo questa classe politica, è perchè rispecchiano una società sempre più povera di valori. La dimostrazione è da vedere: un V day fatto per i parlamentari pregiudicati a cosa è servito? Niente, siamo peggio di prima. La società forse cambierà, quando inizieremo a prendere in mano la nostra vita, le nostre scelte, smettendola di scaricare continuamente le colpe. Detto questo diventa fondamentale guardarsi allo specchio e chiedersi: " Cosa faccio io, più o meno consciamente, per avvantaggiare il sistema?" Solo così il potere reale avrà paura di noi perchè avremo imparato ad usare la nostra testa senza il bisogno di nessuno. Fino a quando seguiremo qualcuno, loro non si preoccuperanno mai essendo manipolabili da qualsiasi persona che dispensa sogni.
Concludo dicendo, che la chiave del cambiamento è dentro di noi.

Commenti

Lucia Cirillo ha detto…
Concordo pienamente. Sensibilizzare le masse è una priorità. I veri leaders, le guide illuminate, generose e disinteressate ormai sono pura utopia. Il sistema è troppo inquinato e l'unico cambiamento reale può partire solo dal basso.
Anonimo ha detto…
a vita mi ha insegnato che si il fango dell'invidia lo lascio ai falliti..
se berlusconi é arrivato dove é arrivato..avrà pure qualche merito....
non sará uno stinco di santo ..ma migliaia di famiglie vivono grazie alle sue qualità, alla sua onestà intellettuale, al suo sacrificio per tutti noi.

anche gesù fu crocifisso dopo essere stato criticato e infangato non commettiamo lo stesso peccato capitale.

in un certo senso Berlusconi è la sola luce in questa buia italia comunista.
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
Lucia: Hai colto perfettamente quello che volevo dire.
Benvenuta nel blog.

Anonimo: AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH. Quando vedremo la moltiplicazione dei pani e dei pesci? Italia comunista? AHAHAHAHAHAHAHAHAH.
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
ANONIMO: Anche Socrate è stato punito ingiustamente. Sai... paragonarlo a Socrate è meglio, è un po' più reale, perchè proprio come lui apre le menti. AHAHAHAHAHAHA
nespolina ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
nespolina ha detto…
Ma l'anonimo è Bondi per caso?

@SCHIAVI O LIBERI e tu? da dove sei partito o partirai?
Fiordaliso ha detto…
Come puoi immaginare sono daccordo con te e credo, nel mio piccolo, che il mio impegno sia sulla strada giusta. Dobbiamo essere in tanti e insieme perchè separati non contiamo niente e non abbiamo nessuna forza.
Unknown ha detto…
Concordo pienamente, facile scaricare la colpa agli altri, cominciamo noi a prendere in mano le redini del nostro destino. E poi sinceramente non mi farò mai rappresentare da nessuno, figurati di un Travaglio o di un Di Pietro che sono di destra.

Anche perchè un giorno Berlusconi non ci sarà più, poi come la mettiamo con la politica? Con chi ce la prendiamo?

La politica non è una partita di pallone facendo il tifo per un partito o un altro.

Riappropriamoci noi della politica e cominciamo a darci una svegliata! Che fine ha fatto quel grande movimento che faceva paura a tutti! E che non aveva bisogno assolutamente di grillo o di Travaglio...
Anonimo ha detto…
voi bolscevichi non vi smentite mai. Non lasceremo l'Italia al massimalismo marxista statene certi.
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
Nespolina: io ho iniziato qualche anno fa, chiedendomi a cosa era dovuta quella senzazione di costante malessere. Siamo poveri, pur avendo tutto. Con questa domanda, ho iniziato ad intraprendere un nuovo cammino fatto di più consapevolezza e impegno.

Fiordaliso: si è necessario unirsi, fare un fronte comune di idee e valori. Soli non siamo proprio niente.

Incarcerato : proprio... riappropiamoci della potica,quelle seria però! Quella fatta di impegno, dibattito e passione.

Anonimo: la cosa vale per me. L'italia dai valori Partigiani, non merita il fascismo.
Anonimo ha detto…
ho appena letto il rapporto sui primi mesi del governo berlusconi nel sito di azione giovani e vi scrivo di seguito i risultati raggiunti.

1. diminuzione dell'inflazione negli ultimi 3 mesi

2. diminuzione dei prezzi al consumo

3. minore criminalità

4. maggior sicurezza e diminuzione dei reati

5. è rientrata l'emergenza rifiuti. Napoli e dintorni ora ne sono totalmente privi

6. aumento esponenziale di stipendi e salari di statali e operai

7. la mafia non esiste più

8. la camorra ha subito un grave colpo.

9. la crescita del sud ora è una realtà

10. la disoccupazione è ai minimi storici

11. la povertà è diminuita sensibilmente

malgrado ciò continuate a dire che berlusconi sta facendo male.

ma come fate?
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
ANONIMO FIRMATI CHE E' MEGLIO.
DIMMI... IL TUO RAPPORTO DICE ANCHE BABBO NATALE ESISTE?
Fiordaliso ha detto…
@anonimo
mi auguro che il tuo sia un intervento ironico!
O magari vivi sulla luna?!
Ora lentamente di racconto quale e' la realta' sulla terra, spero che non sia per te troppo scioccante
1. l'inflazione e' aumentata e non e' nemmeno tutta colpa di Berlusconi
2. i prezzi sono alle stelle e Berlusconi non sta facendo neanche quel poco che aveva cercato di fare Prodi
3. ora i crimini li possono fare le piu' alte cariche dello stato perche' tanto hanno l'impunita' anche se stuprano un bambino
4. Tu starai pure piu' sicuro ma gli stranieri e i rom nel nostro paese vivono nel terrore. Devo dire che anche io non mi sento tanto bene quando vedo i militari in giro per le citta'
5. Napoli soffoca ancora nei rifiuti e neanche i militari stanno riuscendo a gestire la situazione.
6. forse frequenti ancora l'asilo altrimenti sapresti che i salari e gli stipendi non si sono mossi e i precari sono sempre piu' precari anche perche' sono stati tagliati i fondi per le stabilizzazioni
7. la mafia non e' piu' fuorilegge e hanno anche evitato qualche processo
8. La camorra gode ancora di ottima salute
9. al Sud stanno ancora ridendo per la tua affermazione sulla loro crescita
10. la disoccupazione è ai minimi storici ma anche l'occupazione
11. la povertà è diminuita sensibilmente: quella di Berlusconi e dei suoi amici sicuramente la mia e'aumentata

Mi dispiace di averti dato queste delusioni. Se hai bisogno di me sono qui!!!!
Gatta bastarda ha detto…
passa da me...c'è un premio che ti aspetta
Silvia ha detto…
Come sempre, hai ragione, caro! Come sempre hai centrato pienamente il problema: bisogna smettere di lamentarsi di continuo di questo o quello... e poi NON muovere nemmeno un dito per cambiare le sorti di questo Paese! E' facile idolatrare certi personaggi "da piazza", partecipare alle più disparate manifestazioni per poi ritornare nella comodità del nostro salotto a lanciare anatemi contro la Politica! Dobbiamo smetterla di farci abbindolare dai falsi miti e cercare di capire con la NOSTRA TESTA quello che si può fare, le azioni da portare avanti per cambiare realmente le cose. Credo che il male di questa società sia proprio quello di farsi abbindolare troppo facilmente da falsi profeti che seppur "contro" a un determinato pensiero... facendoti seguire il loro di pensiero... sempre a una schiavitù morale ti condannano...

Abbiamo bisogno di fatti e azioni concrete... e soltanto NOIALTRI possiamo farle. Smettendo di lamentarci per qualsiasi cosa che non va! Hai ragione, viva la piazza... ma ci deve essere un seguito alla piazza, la manifestazione di indignazione fine a se stessa, soprattutto se esageratamente mediatica, serve a poco o nulla.

Cito quanto detto dall'incarcerato: "La politica non è una partita di pallone facendo il tifo per un partito o un altro", la politica fondamentalmente siamo noi, è il nostro futuro, è il nostro benessere... e per questo non possiamo fregarcene! Ma agire con consapevolezza...
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
FIORDALISO: il tuo commento descrive in pieno la verità c' è poco da aggiungere. grazie

GATTA BASTARDA: grazieeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!!!!

SILVIA: i tuoi commenti sono ogni giorno più belli e completi.......grazie
Anonimo ha detto…
mi dimenticavo di aggiungere che ho sentito proprio oggi che il debito pubblico è diminuito molto da aprile ad oggi, questo certo non lo dobbiamo a Prodi.
vedrete che entro breve diventeremo una potenza mondiale.
il Russo ha detto…
Dimmi la verità Schiavi o Liberi, l'anonimo sei tu per alzare l'audience, vero? No, perchè uno che dice che il debito pubblico é diminuito quando Studio Aperto di oggi delle 12.30 (STUDIO APERTO!!!!!, mica un telegiornale vero) diceva che é aumentato, non può esistere realmente.
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
RUSSO: ti confermo che non siamo noi a scrivere delle cagate così, è proprio l' anonimo che poverino non ci arriva o è deviato.
Alessandro Tauro ha detto…
Sul sito http://chediconodinoi.blogspot.com/ hanno pubblicato un ottimo articolo di El Pais sulla manifestazione di Piazza Navona (all'estero ci sono giornalisti che si occupano di ciò che accade in tutto il mondo, non solo di ciò che accade nelle nostre mura di casa, come accade invece da noi).
Un intero articolo sulla manifestazione, su quanto detto dal palco, sulle motivazioni di base, sulle emergenze del nostro paese, senza una sola parola sulle stupide polemiche Grillo-Guzzanti che stanno tenendo ancora banco qui da noi...
Il miglior giornalismo, sempre fuori dalla porta di casa nostra!
NADIA ha detto…
hola finchè non cambiera la mentalità dell'italiano non si potrà migliorare, non mi sento rappresentata da un Grillo, che diciamolo anche lui ha tirato l'acqua al suo mulino, ne da Travaglio, che peccato sia molto lontano dalle mie idee politiche , dice la sua ma non la mia......
io mi rappresento da sola!!
Ma forse nel futuro i giovani riusciranno a cambiare qualcosa, io ci credo, e per questo che ancor dobbiamo lottare!!!!!!!

Ma l'anonimo di che si è fatto?????
Un'altro che crede ai miracoli, o se fumato il crack, scusa ma vorrei sapere chi sono le sue fonti!
Però mi ha fatto veramente ridere!!!Ah ah ah ah ah ah ah uaaaaaaaA
Di la verità te lo sei scritto da solo, per farci divertire??!!!!!;-)
Se non è così sta messo proprio male!!!!!!!Pensa che la maggioranza degli italiani la pensano così................
AZZ la vedo proprio dura!!!!!!!!!
hasta siempre!!!!!!!!!!!
NADIA ha detto…
HOLA LO PURE RILETTO "BERLUSCONI è LA SOLA LUCE IN QUESTA BUIA ITALIA COMUNISTA"
"NON LASCEREMO L'ITALIA AL MASSIMALISMO MARXISTA"
"IL DEBITO PUBBLICO E' DIMINUITO"
"DIVENTEREMO UNA POTENZA MONDIALE"

ANONIMO ma te posso tocca???????
ma come te chiami, ma che fai lavori giochi, campi te rendita,sei il figlio di Berlusconi, ma fammi il piacere....
mi sembri un pappagallo che ripete la lezioncina!!!!!!!!!!!!

P.S.scusami marco ma non potevo farne a meno!!!!!!!!
un abbraccio!!!!!!!!!!!!!
Alessandro Tauro ha detto…
Ci sono buoni pusher in giro... davvero ottimi!!

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…