Passa ai contenuti principali

CAPIRE LA VERITA'

Ora posterò questo articolo che, oltre voler spezzare una lancia in favore dei napoletani, offre uno spunto per riflettere su quanto sia mistificata la vicenda di Napoli e i rifiuti.

Psicologi della monnezza
Marco Cedolin

La notizia era già trapelata nelle scorse settimane, ma ha trovato conferma oggi in occasione dell’ennesima visita di Silvio Berlusconi in quel di Napoli. Il commissario per l’emergenza rifiuti Guido Bertolaso ha deciso che oltre ai bersaglieri, agli alpini ed ai volontari della Protezione civile, “scenderanno” nella città partenopea anche 300 psicologi reclutati rigorosamente nelle regioni del centro-nord con il compito di sensibilizzare i napoletani riguardo alla necessità di praticare la raccolta differenziata.Ogni responsabilità dell’emergenza rifiuti, costruita ad arte dalla politica per continuare a maramaldeggiare in completa libertà, è stata a questo punto scaricata sulla schiena dei cittadini napoletani, dipinti come villici riottosi che occorre educare alle pratiche virtuose utilizzando qualsiasi mezzo. Dove non dovesse bastare la forza dell’esercito, l’opera di convincimento potrà così essere portata avanti tramite la psicoanalisi dei discepoli di Sigmund Freud, coadiuvati come annunciato oggi da Berlusconi, da una corposa campagna di spot da mandare in onda sulle sue TV, naturalmente a spese dei contribuenti. Quale napoletano posto di fronte ad un simile spiegamento di forze, tanto fisiche quanto intellettuali, potrà ancora rimanere inchiodato nel suo bozzolo marcescente fatto d’ignoranza e scarso senso civico e rifiutarsi di abbracciare il vento del progresso che arriva dal Nord? In tutto questo teatro dell’assurdo nel quale si è trasformata l’intera vicenda non si riesce davvero più a comprendere quante volte sia stato superato il limite della decenza. La gravità delle offese patite dai cittadini napoletani, bollati come trogloditi da emancipare, fa il paio con la supponenza di un governo sordo e miope che pur avendo programmato di riempire la Campania di forni inceneritori si finge paladino della raccolta differenziata che inevitabilmente quegli stessi inceneritori uccideranno prima ancora che sia nata. Forse gli unici ad avere veramente bisogno dell’aiuto degli psicologi sarebbero proprio Bertolaso e la consorteria politica da cui prende gli ordini, non occorrerebbe neppure cambiare la qualifica, psicologi della monnezza calzerebbe a pennello anche per loro.

Il classico esempio di come l'inefficienza della classe politica, venga scaricata sulla popolazione.

Commenti

Silvia ha detto…
Sai cosa inizio a pensare? Che alla suddetta classe politica la crisi napolatana sia parsa quasi la manna dal cielo per poterla utilizzare ignobilmente come campagna mediatica per ingraziarsi la comunità elettorale! A quelli di Napoli non gliene può fregare di meno! Che se avessero voluto risolvere la situazione era da tempo che l'avevano fatto... ma no, loro devono perderci tempo... temporeggiare! Certo, naturalmente facendo passare i napoletani come dei sottosviluppati cui bisogna insegnare l'abc della differenziata come lo si insegnerebbe ai bambini dell'asilo, ma che bravi insegnanti ci toccano in sorte! Dei bravi psicologi (padani??) spediti direttamente dal Nord per portare civilizzazione e buonsenso al "buzzurro" partenopeo! Ammazza, siamo proprio in buone mani, allora! Che gentaglia, che porci ipocriti! Che schifosi! Ma non si vergognano??

Ahhh, ma per rendere meglio il tutto... provvederanno a rievocare lo spirito di Freud???

***

Caro, ho visto l'immagine che hai messo: posso offrire anch'io un dito a quel "bravo" ragazzo di Maroni?????!!!!!!!
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Silvia: La questione di Napoli, è il classico modo per utilizzare l'emergenza in favore delle lobby. Cosa fanno... creano l'emergenza, e poi con la popolazione ormai esausta e stremata, offrono la soluzione naturalmente a vantaggio dei grandi gruppi di potere.
Si vede come hanno risolto il problema i padani! Abbiamo un'incidenza di tumori dovuta all'inquinamento impressionante.

Certo cara,puoi offrire anche tu il dito a quel bravo ragazzo di Maroni. Anzi è un consiglio, anche alla luce dell'emergenza rifiuti.
NADIA ha detto…
HOLA anche questa volta hanno trovato un'idea geniale, ma faranno un test d'intelligenza prima delle elezioni??????
il genio stavolta è andato oltre, prima hanno mandato la maggior parte dei rifiuti tossici al sud, in seguito gli mandano gli psicologi, tanto per farli sentire dei poracci che non sanno psicologicamente come suddividere la monnezza, e chiaramente tutto a carico dei contribuenti...........
e che dire mio caro si commentano da soli......................
hasta siempre!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Silvia ha detto…
Hai ragione, Marco: probabilmente - come sempre - la crisi napoletana è stata studiata per creare un "caso" che andasse ad arricchire le tasche di quei porci che con queste cose ci creano i loro ignobili imperi! Creano tutto questo senza minimamente pensare alla popolazione e ai suoi problemi! Ma che bravi! Poi dopo aver creato il caos piombano come supereroi dei miei stivali e pretendono di salvarci dal tracollo! (naturalmente a salvarci nel senso di fingere di salvare NOI quando in verità stanno solo facendo il gioco dei sopracitati ignobili imperi...).

Ma caro! L'efficienza padana è proverbiale! Come la si può mettere in dubbio!!! Non hai visto che Eldorado sanno creare i nostri "verdi amici"???!!!! Insomma, vengono in nostro soccorso per salvarci, mica cotica!!!!!! ;-)))

***

Ok, caro, allora mi immolerò anch'io e offrirò le mie dita a quel bravo ragazzo di Maroni-verde leghista!!!!!! ;-))))
Sapevo di questa cosa, mi sono chiesto per chi sono.

Per la popolazione o forse per quei soldati che frustrati dal fatto che intanto non risolveranno nulla avranno bisogno di essere ricostruiti sul piano della convinzione in loro stessi?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Nadia: sarebbe utilissimo un test prima delle elezioni. Davvero senza pariole!!

Silvia:l'efficienza padana ha creato una conca dove, per la maggior parte dell'anno, le polveri sottili superano la soglia massima. Nei pressi dell'inceneritore di Brescia hanno trovato diossina; e poi dicono che non ne produce! Dovrebbero mandarli qui gli psicologi, agli imprenditori del nord che con un modello di sviluppo schifoso, stanno distruggendo una pianura che altrimenti sarebbe bellissima. E tutto il sistema produttivo ad essere marcio.

Daniele: Bella domanda, allora sarvirebbero anche a quei politici che stanno distruggendo il paese...
il Russo ha detto…
Il problema é che Berlusconi considera (spesso ahinoi a ragione) l'elettorato medio composto da persone con una cultura e maturità medie da tredicenni, e quindi agisce di conseguenza...
Sub ha detto…
'tramite la psicoanalisi dei discepoli di Sigmund Freud,'

Questa frase da sola basta a dimostrare l'ignoranza di chi ha scritto l'articolo e ancor più di chi ha pensato il piano. Un ignorante, solo un ignorante, potrebbe pensare che con un team di psicologi si risolva il problema. Te lo dice uno che sta studiando proprio psicologia.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Sub: conoscendo e seguendo chi ha scritto l'articolo, credo lo abbia detto in modo ironico.
luce ha detto…
Sono stata contattata come psicologa per offrire il mio contributo gratuito ai cittadini di Napoli mi dispiace per loro ma ho rifiutato.
stellastale ha detto…
da cittadina della provincia di napoli ringrazio di cuore luce

sul resto evito di esprimermi perchè sarebbero solo contumelie!!!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…