Passa ai contenuti principali

PER CHI NON VUOLE VEDERE

Quasi 7 milioni gli stupri di cui 74mila nel 2006.
Il 6,6% sotto i 16 anni
Oltre il 90% non denuncia i soprusi. Pollastrini: "E' un dramma rimosso"

Tre donne su 10 hanno subito violenza Indagine Istat: più di 14 milioni le vittime
Il 36,9% ha subito violenza psicologica da parte del partner
Molto frequenti anche i comportamenti persecutori
Tre donne su 10 hanno subito violenza

Indagine Istat: più di 14 milioni le vittime " ROMA - Oltre 14 milioni di donne italiane sono state oggetto di violenza fisica, sessuale o psicologica nella loro vita. La maggior parte di queste violenze arrivano dal partner (come il 69,7% degli stupri) e la grandissima maggioranza (oltre il 90%) non è mai stata denunciata. Solo nel 24,8% dei casi la violenza è stata ad opera di uno sconosciuto, mentre si abbassa l'età media delle vittime: ben un milione e 400mila (il 6,6%del totale) ha subito uno stupro prima dei 16 anni. Inquieta il quadro che emerge dalla prima indagine sulla violenza e i maltrattamenti contro le donne realizzata dall'Istat, su commissione del Ministero dei diritti e delle pari opportunità. L'indagine, presentata oggi a Palazzo Chigi dal ministro Barbara Pollastrini, è stata realizzata su un campione di donne di età compresa fra i 16 e i 70 anni. Dai dati raccolti emerge che sono 6.743.000 le donne vittime di violenza fisica o sessuale (il 31,9%), 5 milioni di violenze sessuali (23,7%), 3.961.000 di violenze fisiche (18,8%). Ben 6.092.000 donne hanno subito solo violenza psicologica dal partner attuale (36,9% delle donne che vivono al momento in coppia). Un milione e centomila hanno subito 'stalking', cioè comportamenti persecutori. Solo negli ultimi 12 mesi, il numero delle donne vittime di violenza ammonta a 1.150.000 (5,4%). Nel 2006 si sono registrati 74mila tra tentativi e strupri veri e propri. Di questi il 69,7% da partner o ex-partner. Molto diffusi infatti i soprusi tra le mura domestiche. Questi però spesso non vengono percepiti come tali. Solo il 18,2% è consapevole che quello che ha subito è un reato, mentre il 44% lo giudica semplicemente 'qualcosa di sbagliato' e ben il 36% solo 'qualcosa che è accadutò.

Tra tutte le violenze fisiche rilevate è frequente l'essere spinta, strattonata, aver avuto i capelli tirati (56,7%), l'essere minacciata di essere colpita (85,2%), schiaffeggiata, presa a pugni, a calci o a morsi (36,1%). Tra la violenza sessuale, la più diffusa è la molestia fisica, ossia essere stata toccata sessualmente contro la propria volontà (79,5%), l'aver avuto rapporti sessuali non desiderati accettati per paura (19%), il tentato stupro (14%), lo stupro (9,6%) e i rapporti sessuali degradanti ed umilianti (6,1%). La violenza psicologica è stata subita da 7.134.000 donne, il 43,2% con partner attuale. Di queste, 3.477.000 l'hanno subita spesso o sempre (21,1%). Questo tipo di violenza si esprime con l'isolamento o il tentativo isolamento (46,7%), il controllo (40,7%), la violenza economica (30,7%), la svalorizzazione (23,8%), le intimidazioni (7,8%). "I dati confermano che nella fascia di età 16-50 anni, le donne muoiono più per violenza che per malattia o incidenti stradali. La violenza sulle donne è un dramma rimosso", ha commentato il ministro dei diritti e delle pari opportunità, Barbara Pollastrini, chiedendo al parlamento di "discutere in tempi rapidi" la proposta di legge del governo sulla violenza alle donne che, fra l'altro, affronta il tema delle minacce continuative e persecutorie. "Siamo aperti al dialogo per migliorare il testo - ha precisato la Pollastrini sottolineando la gravità del fenomeno sulla base dei risultati dell'indagine - ma di questa legge c'è bisogno". Oggi è stato presentato anche uno spot tv nell'ambito della Campagna antiviolenza del ministero. Lo slogan, "La violenza sulle donne non ha più scuse", invita a chiamare il numero verde 1522 per chi è soggetto o testimone di violenza. Protagonista dello spot una giovane donna con un viso livido che giustifica questo incidente a causa del lancio di un tappo di spumante.
Fonte Repubblica

Una società così, non me ne frega niente di che colore politico sia: fa pietà!

Donna si impicca dopo violenza

Torino,suicidio dopo sei anni da stupro
Erano trascorsi sei anni da quel giorno in cui aveva subito una violenza sessuale. Ma non aveva mai dimenticato quell'incubo. Così, Valentina, 29 anni, si è impiccata al soppalco del monolocale, a Torino, in cui viveva da tre mesi. A scoprire il corpo sono stati i genitori che erano andati a trovarla, non sentendola da qualche giorno. La giovane, che si stava per laureare, era stata stuprata in centro a Milano. La madre: "E' morta due volte"La giovane non ha lasciato alcun biglietto di addio. Ma i genitori hanno subito capito tutto. La ragazza si stava laureando in neuropsichiatria e sembrava che gli studi le avessero occupato i pensieri ed in parte rimosso l'incubo di sei anni prima. Ma la depressione, negli ultimi tempi, l'aveva rimessa a terra. Valentina non riusciva a dimenticare quella notte in cui venne stuprata da tre balordi nel quartiere Brera. Era assieme ad un ragazzo: fecero violenza anche su di lui. Non servirono né gli arresti né le condanne di quei tre per riportare Valentina alla serenità. Tutto era finito quella notte, nonostante gli sforzi per gli studi, nonostante la speranza di uscirne, di ripartire. I vicini di casa e i commercianti della zona si dicono increduli. Sembrava una ragazza serena, come tante. Ma dietro l'apparente calma si celava l'inferno. "Mia figlia è morta due volte""Ho visto morire mia figlia due volte: la prima, quando hanno abusato di lei, quella maledetta sera di giugno di sei anni fa. La seconda stamattina quando si è tolta la vita perche' neanche la psicoterapia l'aveva salvata dal senso di vuoto per non avere più un'anima e un corpo suo". Lo ha dichiarato in un colloquio con il quotidiano La Stampa Bruna, madre di Valentina. "E' giusto che la gente sappia cosa vuol dire aver subito una violenza sessuale - continua la madre di Valentina - perché non sono solo lacrime e botte, quello purtroppo è solo l'inizio. Poi c'è tutto il resto, che è ancora peggio. Per Valentina, ma anche per noi che le vogliamo bene, è stata una tortura. 'Mamma, sai cos'é che mi sconvolge di più?', mi domandava. 'E' che quelli non mi hanno neanche chiesto scusa, non sembrano pentiti' ". "Pensi che ai suoi aguzzini non augurava neppure il carcere - conclude Bruna - perché, mi diceva mia figlia, 'la prigione non li aiuterà a rendersi conto della brutalità che hanno commesso. Hanno bisogno di un percorso interiore per rendersi conto del male che mi hanno fatto'".
Fonte TGCOM

'Mamma, sai cos'é che mi sconvolge di più?', mi domandava. 'E' che quelli non mi hanno neanche chiesto scusa, non sembrano pentiti' ". "Pensi che ai suoi aguzzini non augurava neppure il carcere - conclude Bruna - perché, mi diceva mia figlia, 'la prigione non li aiuterà a rendersi conto della brutalità che hanno commesso.

Scusa per questa società creata da maschi: per il profitto predicano la proprietà privata, e poi ti hanno rubato l'anima.

Austria, reclusa in cantina 24 anni
Violentata dal padre, ha avuto 7 figli

La casa ad Amstetten dove la donna è rimasta segretata 24 anni

VIENNA - Ritorna alla luce dopo un sequestro lungo 24 anni. Nel 1984 suo padre l'aveva segregata nella cantina di casa ad Amstetten, in Austria, a 120 chilometri da Vienna. Da allora, nessuno aveva saputo più nulla di lei, della sua reclusione, delle violenze sessuali cui veniva sottoposta, dei bambini nati dalla relazione incestuosa. L'orrore è emerso quasi per caso, dopo il ricovero in ospedale di una delle ragazze nate durante il sequestro. Arrestato il padre-nonno, oggi 73enne. Sua figlia, che ha compiuto 42 anni, e i sei nipoti, sono stati affidati a una equipe di psicologi.

Fonte Repubblica

Questo è un padre? Cosa c'entra l'etnia, la nazionalità, la religione in tutto questo?




"...Ma ho scoperto con il tempo
E diventando un po' più dura
Che se l'uomo in gruppo è più cattivo
Quando è solo ha più paura..."
Mia Martini

Quanto hai ragione: la maggior parte è forte con i deboli... e cala i pantaloni con i forti.

Voglio dire a chi non è in grado di indignarsi nemmeno difronte a questo tipo di cose, strumentalizzandole a fini politici, che queste vicende imporrebbero almeno il silenzio, l' intelligenza nell'ammettere che se la società fa così pena, è principalmente colpa dell'uomo inteso come maschio.

PER CHI NON VUOLE VEDERE, PER CHI NON SA CHIEDERE SCUSA, PER CHI CREDE CHE ESSERE UOMO, SIGNIFICHI POTER POSSEDERE TUTTO.

SAPPIATE CHE L'UOMO E' UN'ALTRA COSA.

Commenti

Gatta bastarda ha detto…
eccomi a piangere anche qui... non resisto a questo argomento senza mettermi a piangere, per la paura, per lo schifo, per il fatto che chi lo fà non prova schifo di sè, poentimento niente... come se lo avesse fatto con una bambola gonfiabile... come se fosse naturale come se la donna fosse lì per questo .. a cos'altro può servire no?!
bè grazie per questo post è per uomini come te che le mie speranze di una vita dignitosa per una donna un giorno sia possibile.
emanuela ha detto…
Non abbassiamo la guardia. Questi dati, questi fatti vanno continuamente ricordati
il ricciolo ha detto…
buona giornata, caro amico. solo per dirti che anch'io continuo a seguirti anche se non lascio mai i miei commenti. stammi bene
Gap ha detto…
Oggi mi riposo. Tenterò di non commentare e mi terrò distante dagli anonimi. La mia razione di insulti presi ha raggiunto il limite massimo ieri.
Su l'argomento ho già detto.
Un saluto a tutti
Gap
alfa ha detto…
Perchè davvero c'è qualcuno, sano di mente, che riesce a non indignarsi davanti a tutto questo schifo?
l'incarcerato ha detto…
no alfa, c'è più di uno che dice che sono le donne a cercarseli gli stupri.
Enormemente schifato!
Elia Banelli ha detto…
Ciao, ti ho conferito il premio "Weblog 2008".
Passa da me per vedere di che si tratta ;-)
Silvia ha detto…
Caro, a nome di tutte le donne del mondo, a nome di tutte, specialmente di quelle costrette ai peggiori abusi fisici e psicologici, a nome di tutte le ragazze e bambine che non conoscono il sorriso, il gioco, l'innocenza, a nome di tutte le donne schiavizzate, mutilate, stuprate e vittime di un sistema patriarcale arretrato e meschino, a nome di tutte le donne cui nascere femmina è stata la condanna della loro natura, a nome di tutte le donne assassinate e che NON HANNO GIUSTIZIA, a nome di tutte le donne che non si confidano, che non raccontano la loro esistenza di abusi, violenze e umiliazioni... a nome di tutte le donne: GRAZIE!

GRAZIE PER AVER FATTO QUESTO POST, GRAZIE PER LA TUA SENSIBILITA', GRAZIE PER IL TUO IMPEGNO A CONDURRE QUESTO MONDO VERSO UNA DIREZIONE MIGLIORE, GRAZIE SEMPLICEMENTE PER QUELLO CHE SEI!!!

***

Per ultimo, grazie da parte mia...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Gattina: non dovresti essere tyu a piangere ma chi commette queste cose.

Emanuela: si non abbassiamo la guardia.

Il ricciolo: è un piacere averti qui. ciao amico.

Gap: riposati pure per oggi.

Alfa e incarcerato: Vi siete risposti da soli.

Silvia: troppo gentile come sempre. Per tutte quelle donne cui accenni tu, purtroppo questo mio post serve a ben poco. Mi piacerebnbe poter fare molto di più....
Grazie a te.
il Russo ha detto…
E' logico che in un paese latino come il nostro dove il premier si bulleggia delle sue trombate e tratta tutte le donne come impalmabili uno voglia fare un post come il tuo, ma é bene mettere le cose in chiaro: chi rispetta le donne considerandole persone e non "trombabili o cesse" in questo paese é minoranza...
Silvia ha detto…
Lo so che questo serve a poco... ma vale già tantissimo. Ci sono molti uomini che negano questa verità... ebbene questi uomini umiliano e violentano le donne due volte...

Perciò GRAZIE!

***

Quello che dice il russo è purtroppo tragicamente vero...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Di niente cara Silvia
alfa ha detto…
Ma infatti io ho detto "qualche sano di mente"... chi pensa che sono le donne a cercarsi gli stupri, evidentemente non lo è poi molto...

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…