Passa ai contenuti principali

TEMA DELICATO

Pubblico questa storia fortunatamente finita bene, per introdurre un argomento molto grave come può essere la scomparsa di un bambino..

LA STORIA DI ESTHER E ANA SCOPERCHIA IN GUATEMALA IL TRAFFICO DI ADOZIONI ILLEGALI
Gennaro Carotenuto(25 luglio 2008)

La piccola Esther, figlia di Ana Escobar, ad appena sei mesi di età era stata sequestrata da banditi armati che l’avevano strappata dalle braccia della madre a Città del Guatemala per alimentare il traffico multimilionario delle adozioni illegali verso gli Stati Uniti. Sono stati necessari un anno e mezzo di battaglia e due esami del DNA per ottenere giustizia.In Guatemala le adozioni per anni sono state informali e facilissime. Quasi un supermercato di bebè che alimentava un traffico intenso quasi tutto diretto verso gli Stati Uniti, 5.000 bambini solo nello scorso anno, al secondo posto al mondo dopo la Cina. Ana Escobar era ed è una giovane casalinga della capitale. Nel negozio di scarpe della famiglia entrò, era l’inizio del 2007, una banda di sequestratori armati, la picchiarono e le strapparono Esther dalle braccia per sparire nel nulla. Ma Ana non si è arresa. Ha continuato per mesi a cercare la figlia disperatamente. Quando l’ha trovata, un anno fa, sua figlia era in compagnia di due donne statunitensi nella sede del Consiglio Nazionale delle Adozioni. La bambina era sul punto di essere portata fuori dal paese. Per un breve momento pensò che il suo calvario fosse finito ma non era così. Le fu presentata una prova del DNA falsificata che apparentemente accertava che Esther non fosse sua figlia. C’è voluto un altro anno estenuante di ricerca della giustizia, senza alcuna collaborazione da parte delle autorità fino ad ottenere un secondo esame del DNA che ha finalmente certificato quello che Ana sapeva da sempre: che quella bambina dichiarata adottabile era la sua Esther.Il caso ha scoperchiato le complicità anche ad altissimo livello del traffico di adozioni in Guatemala. Sebbene dal dicembre 2007 sia entrata in vigore una legge più restrittiva in materia, a partire da maggio 2008 è stato necessario congelare tutte le adozioni internazionali.Per la prima volta con Esther è stata dimostrata la relazione diretta tra il sequestro di bambini e il sistema di adozioni in Guatemala. Per un bambino legale, o meglio legalizzato attraverso il Consiglio Nazionale delle Adozioni, negli Stati Uniti sono disposti a pagare fino a 40-50.000 dollari. Una somma che per metà finisce ai mediatori statunitensi, la tariffa è di circa 25.000 dollari, e per l’altra metà serve a corrompere funzionari locali o pagare addirittura i sequestratori o giovani madri povere che cedono i loro bambini appena nati. Girano dunque cifre importanti in grado di alimentare l’industria dei sequestri e l’intera industria delle adozioni muoverebbe 200 milioni di dollari l’anno. Per un paese povero come il Guatemala sarà difficile estirparla.
Fonte: http://www.giannimina-latinoamerica.it/



Come avete visto dal video, anche in Italia la situazione è gravissima.

I bambini scompaiono. Svaniscono come fantasmi. E talvolta non ritornano.Nell'anno 2006, fino al 7 dicembre, 1.687 minori (MILLESEICENTOTTANTASETTEMINORI) “risultano ancora da cercare” in Italia secondo la Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato. 385 (TRECENTOTTANTACINQUE) sono tra gli 0 e i 10 anni di età, di cui 107 italiani (lo scorso anno 52) e 278 stranieri. E’ un fenomeno (un business?) in continua crescita dal 2004.
Fonte Beppe Grillo.

Scusate... ma dopo aver visto il video, e postato questi dati, non ho nessuna voglia di scrivere altro.
Resta solo la mia voglia di portare alla luce e continuare a ricordare, l'ennesimo dramma silenzioso che affligge la nostra società.

Commenti

il Russo ha detto…
o.t. Un grazie veramente di cuore per aver testimoniato la tua vicinanza in un momento per me speciale, non so come vista la rivoluzione che mi aspetta, ma spero di continuare a meritare la tua amicizia nella blogosfera con il mio piccolo spazio di Resistenza.
Il tuo amico Russo
Silvia ha detto…
Ma dico, come diavolo è concepibile che ci sia un orribile traffico di creature che si sviluppa sotto ai nostri occhi, senza che si possa (voglia??) fare qualcosa di concreto per fermarlo?? Rapire bambini, venderli... ma che diavolo di mondo è mai questo?? E' follia, è contronatura. E poi il fatto che dietro a questo traffico ci sia sempre qualche Paese del "ricco/civilizzato/esportatore di democrazia" Occidente, beh, mi fa ancora di più incazzare! Sborsano 50 mila dollari per comprarsi il "diritto" ad avere un figlio rubato, strappato alla famiglia e destinato a una vita di menzogna e inganno, ritenendola una cosa normale??

E' abominevole.

Tutti coloro che ritengono "giustificabile" comprare un bambino dovrebbero essere cancellati.

E' una vergogna il solo pensarlo.

E sì, qui in Italia quanti ne sono spariti?? Angela Celentano, Denise... e molti, molti, troppi altri... bambini spesso venduti per pochi spiccioli... Ma con che cuore si può fare??

Se si ha il coraggio di rubare/vendere/comprare una creatura... beh, non c'è più limite alle aberrazioni che si possono compiere.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Russo: il piacere di esserti amico è tutto mio. Goditi almeno questi momenti di felicità che nemmeno il sistema può intaccare. Grazie.

Silvia: è semplicemente lo schifo di un sistema, dal quale purtroppo neppure i bambini sono esenti. Tutto si vende e tutto si compra. Che pena!!!!!
Silvia ha detto…
Tutto si vende, già...

:*-(

... persino la vita umana, persino le creature, persino le donne, persino... la dignità...

Questo sistema merita di essere cancellato.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Silvia: Annientato!!! Non dovrebbe rimanerne più nemmeno la testimonianza.Grazie.
Silvia ha detto…
No, non dovrebbe rimanerne nemmeno la scia... e in quel caso... non sarebbe comunque ancora abbastanza...

***

Prego!
riri ha detto…
è inconcepibile,per me un bambino è sacro,proprio perchè indifeso,alle brutture non c'è più limite,Silvia ha espresso le mie stesse angosce,è un mondo pazzesco...voglio andare sulla luna...voglio scendere,chiudere gli occhi e pensare che sia stato solo un brutto sogno..
Un caro saluto e buon inizio settimana a te ed ai tuoi/nostri amici.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Riri: si è pazzesco.Grazie cara, buon inizio settimana anche a te...
E questo quando non si tratta di traffico illegale di organi di esseri umani ed anche in quel caso soprattutto di bambini!

Il dramma è che hanno mercato, anche qui da noi, perchè le attese per adottare in Italia sono eterne.

Il problema è che molti aspiranti genitori non capiscono il danno e la gravità del gesto che compiiono in quel caso.

Questo quando quei bambini sono fortunati perchè sappiamo in realtà quanti vengono rapiti non certo per fini adottivi invece....
Ovviamente "fortunati" (le virgolette sono d'obbligo
(trattasi di ERRATA CORRIGE questa che leggi :-))) )
l'incarcerato ha detto…
Questo è un sistema che nuoce in primis i bambini, basta solo questa motivazione per cambiarlo...

Ottimo l'articolo che ripreso dal sito di Minà, questo è uno dei rari giornalisti che stimo perchè ha una grande passione conoscenza del sudamerica!!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…