Passa ai contenuti principali

FISCHIA IL VENTO


Vergogna!




FISCHIA IL VENTO
Fischia il vento, urla la bufera
scarpe rotte eppur bisogna andar
a conquistare la rossa primavera
dove sorge il sol dell’avvenir.

Ogni contrada è patria del ribelle
ogni donna a lui dona il sospir
nella notte lo guidano le stelle
forte il cuore e il braccio nel colpir.

Se ci coglie la crudele morte
dura vendetta sarà del partigian
ormai sicura è già la dura sorte
del fascista vile traditor.

Cessa il vento calma è la bufera
torna a casa il fiero partigian
sventolando la rossa sua bandiera
vittoriosi, alfin liberi siam

Quel vento ritorna sempre più impetuoso.
Quel vento, non è mai stato placato da questi sciocchi italiani.
Quel vento, viene addirittura rimpianto da questi ignoranti di italiani.

Essere italiani, non è ne un merito, e neanche una colpa: è la naturale conseguenza dell'essere nati in una determinata area geografica. Perchè allora provo questo senso di svilimento?

A pensarci bene vivo in una nazione, dove le 4 più alte cariche dello stato sono al di sopra delle leggi.
A pensarci bene, vivo in una nazione dove la mafia è la prima azienda per fatturato.
A pensarci bene, vivo in una nazione dove abuso edilizio e devastazione ambientale sono all'ordine del giorno.
A pensarci bene, vivo in una nazione che non ha una legge contro le torture.
A pensarci bene, vivo in una nazione che affonda nell'immondizia.
A pensarci bene, vivo in una nazione che ha la legge 30.
A pensarci bene, vivo in una nazione che con un governo detto di di centrosinistra, ha stanziato circa 27 miliardi per armamenti.

Detto questo, cosa mi spinge a restare ancora in questo paese che sembra non avere più speranze? Ma.. forse un pizzico di masochismo, il fatto di sapere che non tutti gli italiani sono uguali o più semplicemente, perchè credo in questa frase:

« L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l' inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. »
(Italo Calvino, Le città invisibili, 1972)

Io ho scelto la seconda ipotesi: "...cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio."

Commenti

nespolina ha detto…
"...cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio."
anche io scelgo la seconda...
♥gabrybabelle♥♥ ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
♥gabrybabelle♥♥ ha detto…
SAI MARCO,in qst giorni sto pensando cose brutte,molto brutte,che solo le bimbe cattive possono pensare,ma tantè sono LORO che ci costringono a fare questi "pensieri cattivi"spero tu capisca che cosa intendo,essendo blog pubblici NON si puo' essere piu espliciti,LORO ci costringono a pensare male,visti i prossimi passi che hanno in atto di compiere....ciao Marco,gabrybabelle
il Russo ha detto…
E te ne sei dimenticate altre come la legge 40, l'intrusione sistematica del vaticano ecc.ecc.
Si resta, anche perchè quel che c'é di bello in questo paese é che basta essere normodotati per passare da geni in mezzo a tanti idioti...
Gap ha detto…
D'accordo con il post e con i commenti.

Cara Gabry,
non ti preoccupare tanto sei già schedata, sanno chi sei , dove abiti, ciò che pensi già prima che tu abbia formulato i pensieri. Quindi scrivi pure tutte le verità che vuoi.
A sedici anni avevo un amico il cui padre era appuntato dei carabinieri e vivevo in un paese del Lazio. Eravamo già dei piccoli rompicoglioni e parlando con questo carabiniere, molto paterno che sicuramente non avrebbe fatto nulla di ciò che è stato fatto a Genova, ci disse candidamente che potevamo continuare a fare tutto ciò che volevamo tanto eravamo già schedati.
Io ho preso in parola quel suggerimento e ho continuato a dire e fare le cose che ritenevo giuste come te e come tutti gli amici e compagni che ci leggono.
Gap
l'incarcerato ha detto…
Per fortuna ci sono tante persone che
quotano il tuo svilimento. Noi siamo l'unico filo d'erba del deserto...è un buon inizio!

ps Gabrybabelle, io ho sempre "latitato", non mi spaventa nulla.
Gatta bastarda ha detto…
già anche i8o credo che non serva andarsene anche se tante volte il mio istinto mi suggerisce quello... sarebbe uitle restare e lottare...
perchè anche io scelgo la seconda frase

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…