Passa ai contenuti principali

FASCISMO

Tempo fa, nel blog del RUSSO, lessi questa lettera di Giorgio Bocca che ripropongo molto volentieri ritenendola una descrizione molto fedele alla realtà.

"Il risultato delle recenti elezioni, il successo dei ricchi e potenti che si autodefiniscono liberali, fa sì che da noi ci si chiede se stiamo ritornando al fascismo. E non valgono a tranquillizzarci le precisazioni degli storici sulla unicità irripetibile del medesimo.Perché gli italiani temono un ritorno di qualcosa di molto simile al fascismo? Perché si conoscono, perché dai rapporti di ogni giorno con il loro prossimo sanno di essere una somma di piccoli autoritari in potenza. Qual è il modo di pensare e di essere che presto assume ognuno di noi che arrivi al comando di un'azienda, metal- meccanica o editrice, profit o non profit, cooperativa o padronale? In 90 casi su cento arriva la megalomania, l'alzabandiera quando è in azienda, il nome scritto in caratteri cubitali sulla facciata, le cento fotografie sull'house organ, meglio se con pretese culturali e collaborazioni ben pagate agli intellettuali cortigiani.Fin qui vizietti quasi accettabili. Meno accettabile, ma inevitabile, il controllo di ciò che dicono e pensano i dipendenti. Nella mia lunga carriera ho capito, tardi e inutilmente, che qualsiasi critica tu faccia al padrone, anche se confidata all'amico sicuro, all'orecchio del padrone ci arriva. Con la tecnologia moderna dei controlli microfonici o telematici, solo un ingenuo può pensare di sfuggire al controllo, ma siccome la maldicenza e la critica sono diffuse, il risultato è che la megalomania padronale si può mutare in mania di persecuzione. Non c'è padrone che, in nome della necessità e dell'efficienza, non arrivi prima o poi a una richiesta di obbedienza del sottoposto. Non assoluta, non immediata, ma se il sottoposto dice no a una richiesta del padrone un numero intollerabile di volte, il padrone non si dimenticherà il suo nome, tra i non collaborativi o tra i riottosi.Le riunioni aziendali, presto assurte a cerimonia religiosa, a Pentecoste, si modellano presto sul padrone - maestro che insegna e ordina ai dipendenti - allievi che ascoltano e annuiscono. Il padrone-maestro a volte presenta i suoi ordini come paterni consigli, ma anche qui, se il dipendente li rifiuta per una, due, al massimo tre volte, finisce, se non tra i reprobi, tra i rompiscatole, che per il padrone è la stessa cosa.In gioventù, quando ero forte e presuntuoso, elaborai una teoria rarissimamente vincente e spessissimo per me micidiale. Dissi e scrissi che per fare carriera, per salire nella scala del potere era necessario contraddire il padrone, per affermare la propria decisa volontà a diventarlo. Ma è un gioco alla roulette russa. E infatti, lo avrete notato, quelli arrivati in alto sono tra i più prudenti e ossequienti.Evitare le critiche al padrone è possibile, anche se impone un forte autocontrollo. Ma come evitare le lodi al padrone dei cortigiani, per cui servire e genuflettersi è un piacere?Con questi la partita è comunque persa, perché il padrone li disprezza ma non può farne a meno, a volte li strapazza ma mai se ne libera. A ben guardare, il fascismo è questa normalità, quando le si aggiunge la galera o l'esilio."

Leggendo questa lettera, non posso fare altro che domandarmi se è anche per colpa mia che accade tutto ciò. Qui inizio a credere, che basti alzarsi la mattina e iniziare a respirare per favorire questo assurdo sistema. Perchè forse è già sbagliato vendere la propria forza lavoro a un sistema che si fonda su ingiustizie, è già sbagliato vendere la propria forza lavoro a un sistema che trova il suo vigore nella distruzione dell'uomo, della sua individualità e dell'ambiente. Poi, l' ingiustizia e la prevaricazione, con la scusa della meritocrazia, sono all'ordine del giorno assieme al disinteresse dei sentimenti altrui nel mondo del lavoro d'oggi. Per meritocrazia ho sempre inteso la capacità delle persone di saper aiutare gli altri. Come diceva Albert Einstein : " Un uomo vale nella misura in cui sa donare agli altri." Detto questo posso dire, con abbastanza certezza, che la maggior parte delle persone al giorno d'oggi non vale niente. Ecco perchè il fascismo in Italia è ancora un pericolo, perchè l'italiano medio non sa guardare oltre il suo naso e tutto ciò che può impedirgli una vita tranquilla, anche se tutto intorno sta andando a rotoli, viene considerato nemico da annientare, un rompiscatole. Questa indifferenza, questo disinteresse al bene comune portano al fascismo.

Pubblico questo video di Giogio Gaber che non finirò mai di ringraziare.




"Il nemico della democrazia non è la dittatura, ma l'indifferenza alla politica e al prossimo."

Commenti

Silvia ha detto…
"... Questa indifferenza, questo disinteresse al bene comune portano al fascismo..." ed è per questo che dobbiamo evitarlo: proprio perché è già avvenuto e nulla impedisce che possa tornare di nuovo. La pochezza, la miseria morale che sta investendo (drammaticamente) questo Paese minaccia un ritorno al passato... e, già, e come possiamo evitarlo, Marco? Non vendendo la nostra anima al sistema, permettendogli appunto di disporre della nostra vita, dignità, volontà a suo piacimento; non accettando passivamente la situazione... Mi domando: è davvero così sbagliato, così esecrabile quantomeno contestare il padrone? Questo non di certo per sostituirsi a lui (se si fosse spinti da questo... beh, sarebbe infinitamente triste), ma nel tentativo di imporsi come individuo dotato di dignità. Pare comunque che contestare il padrone sia un errore, così come lodare il padrone (e anche i suoi cortigiani??) e che tali comportamenti si risolvano inevitabilmente con ricatti morali che somigliano in maniera preoccupante al regime... e allora? Non rischiamo di finire comunque (o di esserci già) nel pieno del regime, senza averne coscienza?? E' tutto molto contorto, è tutto molto preoccupante...
NADIA ha detto…
hola sono convinta che tutto questo porti al fascismo, ma in fondo ci siamo già, e non perchè abbiamo al governo codeste persone, ma proprio nell'indifferenza del popolo, che a quanto pare è più interessato a se stsso e al proprio benessere che a quello della comunità,oltretutto se nomini "comunità" intorno a te si può creare il vuoto....
si è troppo presi dal proprio interesse figuriamoci a contraddire il padrone, che da che mondo e mondo a sempre ragione avendo il coltello dalla parte del manico....lui può decidere se tenerti o sbatterti fuori (esperienza personale).
Il padrone vuole essere lodato, mai contraddetto, in fondo pensa al suo interesse non a quello del lavoratore!!!!!!!!
Quando si è vicino al miele si leccano le dita e purtroppo noi Italiani siamo così, a volte dimentichiamo chi siamo e da dove siamo venuti, siamo sempre pronti a lodare qualcuno perchè in fondo lo sai meglio di me siamo un popolo di pecoroni!!!!!!!!!!!!!!!
infatti guarda da chi siamo governati!!!
Bossi non si è affatto vergognato di alzare il dito medio sentento l'inno!!!!!!!!
Berlusconi ormai è senza vergogna nelle sue esternazioni!!!!!!!
potrei farti un elenco ma in fondo lo sai già!!!!!!
Noi invece siamo quelli dietro il pagliaio, direbbe mia nonna, quelli che nessuno se li fila ma che pagano per tutti!!!!!!!
hasta siempre!!!!!!!!!!!!!!!!
il Russo ha detto…
La democrazia ce la dobbiamo meritare giorno per giorno, troppo spesso noi che siamo nati in periodo di pace l'abbiamo scordato....
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Silvia: si, è tutto molto troppo preoccupante.Forse ci siamo già al fascismo. Lo dimostra la violenza e òa scarsa democrazia della società in cui viviamo.

Nadia: Io il padrone lo combatterò sempre, sempre. Nessuno dovrebbe fare i miliardi apprpiandosi della vita altrui.

Il Russo: questo è purtroppo l'enorme problema.
Gatta bastarda ha detto…
concordo... ed è anche per questo motivo che ho scelto l'educatore come lavoro... farmi sfruttare per farmi sfruttare almeno aiuto gli altri! e poi giorno per giorno cerco di cambiare me prima degli altri a essere sempre più coerente con le mie idee... spero di farcela decentemente
Renata ha detto…
Per Giorgio Gaber...sempre
Ip Ip Ip ..URRA'

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…