Passa ai contenuti principali

ACCORDO FALLITO.

Troppo grandi le distanze fra Usa, Cina e India sulle misure rivolte a tutelare l'agricoltura dei paesi poveri.

GINEVRA: Ancora un fallimento per il ciclo di negoziati lanciato a Doha nel 2001 per la liberalizzazione del commercio internazionale. Dopo nove giorni di discussioni, le sette principali potenze commerciali (Stati Uniti, Unione europea, Giappone, Brasile India, Cina e Australia) non sono riuscite a raggiungere un compromesso sul meccanismo di salvaguardia delle importazioni agricole, in particolare per le forti divergenze tra Stati Uniti e India, facendo fallire la discussione.
Fonte La Stampa.

Cosa è il WTO acronimo dell'inglese World Trade Organization?
E' un'organizzazione internazionale, composta da più di 152 stati membri, che rappresenta circa il 97% del commercio mondiale di beni e servizi.

Obiettivo generale del WTO è quello dell'abolizione o della riduzione delle barriere tariffarie al commercio internazionale; a differenza di quanto avveniva in ambito GATT, oggetto della normativa del WTO sono, però, non solo i beni commerciali, ma anche i servizi e le proprietà intellettuali.
Fonte Wikipedia

A cosa serve questa organizzazione, se ogni anno nel mondo muoiono circa 6 milioni di bambini con 900 milioni di persone che soffrono di fame e malnutrizione?



L'altra faccia è questa:



Serve solo a far affogare le persone da un versante nella fame, e dall'altro nell'inutile e nel troppo.
Infatti liberalizzando l'economia, i paesi poveri non riuscendo ad avere sufficientemente fondi e forza per poter competere, sono tenuti in scacco dalle super potenze.

Commenti

l'incarcerato ha detto…
hai messo due video che fanno vedere il vero volto di questa globalizzazione, scusami ma quando ritorna quel favoloso movimento che denunciava tutto ciò e che molte speranze e che veramnete tutti noi credevamo che un altro mondo è possibile? Possibile che sia durato così poco?

L'accordo è fallito? Ma cosa dobbiamo spettarci dal WTO(chi ah più soldi, più decide), da questa organizzazione non democratica che prima del movimento no global non ne eravamo nemmeno a conoscenza della sua esistenza?

ps questi giorni stanno tutti criticando rifondazione per aver mantenuto la sua dicitura essere comunisti, ma nessuno critica tutti gli altri partiti che si ostinano a sostenere questa economi NEIliberista? Nessuno gli dice che osannano l'ideologia(quella del libero mercato) più vecchia del mondo? E che ci fanno credere che è una novità?
calendula / trattalia ha detto…
Non mi apsettavo nulla di diverso, questa sorta di associazioni formate da tanti paesi ( e anche quelle con solo 8 stati se per quello )partono da punti di vista completamente diversi, da situazioni economiche opposte, e quelli più potenti che potrebbero e dovrebbero occuparsi di aiutare gli altri a crescere, invece vogliono solo e sempre aumentare ancora di più entrate economiche, è un circolo vizioso, se guadi tutti questi summit ( di qualsiasi argomento si tratti ) arrivano alla fine con un nulla di fatto e con proroghe infinite su decisioni che si sarebbero dovute prendere 5 anni prima...guarda Kioto sulle emissioni, si sono fatti un ulteriore deroga ....
pansy ha detto…
Hai messo due video molto veri.purtroppo. Non capisco come davanti a tanta evidenza si possa far finta di nulla? Basta davvero chiudere gli occhi? E la coscienza? Tutto questo è molto triste. Non trovo altre parole.
Anonimo ha detto…
Le contraddizioni del 21° secolo sono tante, primo fra tutti il fatto che milioni di bambini muoiono affinche i nostri figli possano ingozzarsi come maiali quanto vogliono. A questi non interessa nulla della fame nel mondo, e c'è chi vorrebbe isolare l'Italia dalla comunità mondiale con un senso irrresponsabile di inutile nazionalismo (qualcuno di qualche post addietro si sente toccato, per caso), in modo da porre barriere e dire "che si arrangino", salvo poi scoprire che le nostre aziende approfittano della miseria di quei luoghi, che del capitalismo vedono solo il lato che viene nascosto ai cittadini occidentali. Ma tanto in TV si parla solo di prostitute famose e di Berlusconi. Talvolta unendo i due argomenti...
Beh il WTO è lo stesso organo che non riesce ad imporre alla Cina un minimo rispetto delle regole figuriamoci se riesce a funzionare tout court per il bene dell'uomo.

Poi la sigla chiara :Organizzazione per il Commercio Mondialie (tradotto dall'inglese ovviamente) per cui avete mai visto che il commercio fosse fatto per scopi umanitari?
Silvia ha detto…
"A cosa serve questa organizzazione, se ogni anno nel mondo muoiono circa 6 milioni di bambini con 900 milioni di persone che soffrono di fame e malnutrizione?"

Questa organizzazione... serve a far morire ogni anno nel mondo circa 6 milioni di bambini con 900 milioni di persone che soffrono di fame e malnutrizione. E a far ingozzare quella minuscola, infinitesimale minoranza che poggia la sua ricchezza sulla povertà e la disperazione della stragrande maggioranza che non ha nulla ed è puntualmente ignorata. Da tutti.

Ma presumo che mettersi FINALMENTE d'accordo per il bene dei più poveri e sfortunati della Terra... sia un impegno troppo gravoso...

Si vergognino di questo!

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…