Passa ai contenuti principali

LE VOSTRE IDEE CAMMINANO SULLE NOSTRE GAMBE. MA DI CHI?

Caro Paolo, innanzitutto scusa se ti do del tu. Lo so, sono matto a scrivere ad una persona che non c'è più, ma sappi, che sei una delle poche figure che mi rende ancora orgoglioso di essere italiano. Pensa... nonostante tu sia dell'opposta corrente politica, ti scrivo per chiederti aiuto, perchè tu possa indicarmi una strada che permetta di risvegliare questo popolo caduto nella più profonda immoralità. Si...perchè ormai non è più solo questione di destra o sinistra, qui c'è in ballo la tenuta della democrazia, il rispetto delle istituzioni sempre più latitante in chi le rappresenta e un popolo che ha fatto dell'indifferenza e dell'egoismo il suo cavallo di battaglia. Sai qual è l'ultimo provvedimento del governo? Rendere immuni alla legge le prime quattro cariche dello stato. Ti rendi conto? Pensando a questo, i tempi delle tue lezioni contro la mafia sono lontani anni luce; quando dicevi che non importa se la magistratura accerti o meno il reato, chi rappresenta incarichi pubblici deve essere al di sopra di ogni sospetto. Ricordi? Adesso ci ritroviamo addirittura un premier con 7 reati prescritti, senatori a vita assolti per prescrizione, e l'immunità parlamentare per le cariche più rappresentative. Ma io allora mi chiedo: " Chi te lo ha fatto a fare di donare la tua vita per uno Stato che non vuole cambiare? Chi?" Ricordo dopo la tua morte quel bel striscione sul quale c'era scritto: le tue idee camminano sulle nostre gambe. Le gambe di chi? A distanza di 16 anni dalla tua morte, la mafia è ancora la prima azienda in Italia per fatturato . Oggi leggevo addirittura un articolo, in cui si diceva che solo la Colombia e il Messico sono paragonabili a noi per collisione Stato mafia. Lo so, forse ti scrivo così solo perchè lo sconforto è tanto, perchè sembra non esserci via di uscita ma in realtà ho una profonda ammirazione per il tuo senso di giustizia e il tuo saper essere uomo di stato. Quello che mi dispiace però, è vedere quanto queste persone non meritino quel gesto, quanto ci siamo ridotti a fare schifo. Ora ti lascio ma concludo dicendoti, perchè è una cosa che mi sta molto a cuore essendo il problema principale, che resteresti molto deluso soprattutto dalle persone che compongono l'attuale società. Una società dove l'egoismo, il non rispetto altrui e il disinteresse al bene comune sono ormai all'ordine del giorno.
Quanto ci mancano le persone come te?!
Ciao Paolo. Ciao Giovanni

No Rosaria, non posso perdonare chi, lentamente ma inesorabilmente, sta distruggendo lo Stato in cui vivo.

Commenti

elena ha detto…
Grazie anche per questo post.
OT: sì, il blog da linkare, se vuoi, è quello dove sei approdato. :)
Io ti linko subito.
il Russo ha detto…
Neanch'io perdonerò. Mai.
Gap ha detto…
io lo dico sempre che voi giovani sarete la salvezza di questo paese, e quando leggo il tuo blog e quello del russo e quello dell'incarcerato e quello di ricciolo e tanti altri mi convinco che finchè ci siete voi certe idee hanno ed avranno gambe per camminare. e non ci siete solo voi, ci sono tanti ragazzi che non hanno un blog ma hanno idee da difendere e portare avanti. io sono qui a leggervi e a rincuorarmi con le vostre parole e il vostro impegno.
Silvia ha detto…
Che belle, profonde, sentite parole, caro! Queste idee, grandi idee, questi insegnamenti inestimabili, questi valori cui non si può vivere senza, questa grande lezione di coraggio e spirito di abnegazione camminano sulle nostre gambe. Non delle istituzioni che sono i colpevoli di tale strage, ma sulle gambe di coloro che non accettano di piegarsi e accettare a capo chino questo sistema. Ci sono molti, Marco, che non accettano una vita di paura e di codardia... e che a dispetto di tutto decidono consapevolmente di ribellarsi! Tutti coloro che non perdonano chi sta distruggendo il nostro Paese, portano avanti le loro idee.

E' vero, abbiamo realmente così bisogno di loro. Il vuoto c'è ed è palpabile... eppure i loro valori sanno rimpire quel vuoto, specie grazie a chi ha preso la loro eredità.

Io ricordo assieme a te.
♥gabrybabelle♥♥ ha detto…
a fronte di giovani,migliaia e migliaia di giovani,presi dal Berlus(cx)onismo sfrenato,anch'io come Gap,spero,mi auguro dal piu profondo del cuore che ci siano altrettanti che siano l'esatto contrario di quelli li,se cosi non fosse saremmo messi veramente male.Ricordi quanti anni e quanti morti è durata la dittatura di PINOCHET,ma sopratutto dopo gli anni di massacri, le migliaia e migliaia di giovani desaparesidos,la beffa d'averla scampata,lui con la famiglia ha chiuso definitivamente la vita terrena nella Adora e Dorata Londra,non certo in un galera come meritava.Anch'io spesso mi domando "a che pro"?si deve rischiare la vita,per quattro soldi e milioni di inetti truffaldini senza nessun valore,poi ci ripenso e so' che se ci lasciamo sopraffare non avremmo piu storia.ciao Marco bellissima lettera aperta,Gabrybabelle
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Grazie a tutti voi per aver apprezzato questa lettera.

Elena: Grazie a te per essere passata. ti linko subito. Grazie ancora

Il Russo: no, perdonare è impossibile.

gap: Grazie di cuore. Speriamo e facciamo il possibile,per riuscire a cambiare le cose. Anche tu in ogni caso sei prezioso.

Silvia: il nostro compito è unire tutti coloro che non riescono più a vivere in questo sistema. La sua mancanza è tanta, ma dobbiamo essere noi ad impossessarci del nostro futuro. Solo uniti possiamo riuscirci. Grazie per le tue parole.

Gabry: Lo so, ma non possiamo fare altro che provare a lottare. Tanto, in ogni caso ne pagheremo le conseguenze... Pinochet avrebbe meritato certo un' altra sorte. Grazie per le tue parole gabry. Ciao
l'incarcerato ha detto…
Una bellissima lettera dedicata ad un uomo che ci manca, ma ricordati che non è morto invano! Basta pensare che ancora c'è gente che prende lui come esempio!E come dice GAP certe idee avranno sempre gambe per camminare, se fosse il contrario non avrebbe senso stare in questo mondo e batterci, nel nostro piccolo, contro tutte le ingiustizie!

Un abbraccio!
Luz ha detto…
E' molto bello il tuo post e hai ragione, sembra non ci siano speranze, ma voglio spronarti, ancora una volta.

Dal libro "Lettere dei condannati a morte della resistenza italiana"
(una a caso)

Regina Coeli, 16 gennaio 1944
Cara adorata madre,
non avrei mai creduto di darti tanto dolore, ma il destino ha voluto così, quindi ti chiedo perdono a te come pure ai miei cari fratelli, sorelle e amici. Mamma cara, tu sola mi comprendi e sostieni questo terribile momento e non mi resta che dirti addio e farti auguri per una vita migliore della mia. Auguro pure che la nuova Italia sia più forte, degna e libera per le nuove generazioni. Mi sento veramente un italiano, contento di andare alla morte invocando la tua benedizione.Ti bacio e vi bacio tutti il vostro
Romolo
P.S. L'orologio l'ho consegnato al reverendo padre che te lo darà personalmente, parlandoti ancora di me. Per il portafoglio contenente L.2200, si trova sempre a Via Tasso presso il comando, dove andrai a ritirarlo.

Ecco, per tutta questa infinita fila di morti, nel loro nome, lottiamo ancora.
Luz
Alessandro Tauro ha detto…
Post stupendo!
Io non dimentico. Io non faccio finta di non vedere. Anch'io non perdono...
il ricciolo ha detto…
l'altra mattina mi è capitato di vedere uno speciale di minoli su "Paolo e Giovanni". anche il seminarista polacco che era con me non è riuscito a staccarsi dalla tv. quanto servirebbe uno come lui anche a castel volturno...

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…