Passa ai contenuti principali

IL MIO CUORE SOFFRE CON I PALESTINESI

Fra poco meno di due settimane cercherò di entrare a Gaza.
Con una quarantina di attivisti per i diritti umani provenienti da 15 paesi diversi, compresi palestinesi e israeliani, e un carico di aiuti umanitari abbiamo deciso di sbarcare sulle coste della Palestina.
Il primo di agosto ci ritroveremo a Cipro, e il 5 salperemo su alcune barche che abbiamo acquistato verso Gaza, laddove ci attendono i rappresentati di una decina di ONG che ci hanno invitato. (fra cui the Palestinian Red Crescent Society in the Gaza Strip, the Palestinian Medical Relief Society, the Palestinian Centre for Human Rights and the Gaza Community Mental)

La condizione umanitaria di un milione e mezzo di palestinesi, uomini donne e bambini incarcerati illegalmente in Gaza è catastrofica,
la peggiore degli ultimi 40 anni di occupazione israeliana.
Nonostante Israele dichiari che Gaza non è più occupata, di fatto nega alla vasta maggioranza della popolazione l'accesso al lavoro, agli spostamenti, all'educazione, alla sanità, e al diritto di ricevere visitatori.

Abbiamo provato a ritornare in Palestina per terra.
Ci abbiamo riprovato per aria. Nonostante io come i miei compagni siamo tutti pacifisti che professano la non violenza, siamo stati arrestati, incarcerati e ingiustamente processati dinnanzi alle corti israeliane.
Adesso ci siamo fatti seri, via mare salperemo per Gaza.

Navigando su acque internazionali,
ed essendo invitati dai palestinesi,
non abbiamo ritenuto doveroso informare Israele.

Le leggi internazionali dichiarano esplicitamente che abbiamo tutti i diritti di andare a visitare Gaza.

Il parlamentare palestinese al-Khudari ha sottolineato che "ricevere la nave che arriva per rompere l’assedio è un diritto del popolo palestinese. Essa giunge attraverso le acque nazionali, e nessuno potrà intromettersi, né Israele né altri".

Il nostro obbiettivo è quello di rompere l'assedio israeliano di Gaza, dimostrando tutta la nostra solidarietà alla popolazione palestinese.
Importando a Gaza contemporaneamente ai beni di prima necessita noi stessi,
insegnanti, medici, operatori umanitari e attivisti per i diritti umani.

Con noi ci saranno alcuni sopravvissuti della nakba,
la "catastrofe" palestinese,
e Hedy Epstein, 84enne sopravvissuta all'olocausto.

I premi Nobel per la pace Desmond Tutu, Jimmy Carter e Mairead Maguire hanno ufficialmente espresso il loro sostegno alla missione (link: il supporto di Desmond Tutu), così come diversi parlamentari inglesi (. In the UK, MPs Jeremy Corbyn and Lynne Jones, MEP Caroline Lucas, and retired MP Alice Mahon have all expressed support for this project. )

Il regista inglese Ken Loach ci ha inviato un suo contributo in sterline e ha espresso il suo supporto.

Sappiamo a quali notevoli rischi andiamo incontro,
ma siamo al contempo parecchio stanchi e frustrati dell'inerzia della comunità internazionale,
è ora che qualcuno si muova per cercare di frenare il lento genocidio di un milione e mezzo di innocenti.

Non ne possiamo più di far finta di niente,
di girarci dall'altra parte dinnanzi alle stragi quotidiane,
alla vista di quell' immensa prigione a cielo aperto che oggi è Gaza.

Cercando di rompere l'assedio,
vogliamo restituire ai palestinesi una parte della loro libertà negata. Quella sovranità della Palestina sancita dall'Onu e dalle leggi internazionali.
Porteremo con noi delle reti,
e se riusciremo a sbarcare per prima cosa porteremo a pescare con noi i pescatori palestinesi,
oggi ridotti a bersagli galleggianti per i cecchini sulle navi da guerra israeliane.
Sulla via del ritorno verso Cipro, vogliamo portare con noi tutti quei palestinesi che necessita di cure mediche urgenti ed immediate.

Qualunque sia l'esito della nostra missione,
che il nostro gesto, il nostro determinato sacrificio,
possa smuovere ulteriormente le coscienza di un mondo adulterato dall'arroganza dell'indifferenza.

Ci sono terribili catastrofi naturali a questo mondo, come terremoti e uragani, inevitabili.
A Gaza è in corso una catastrofe umanitaria perpetrata da Israele ai danni di un popolo che vorrebbe ridotto alla più completa miseria, sottomissione.
Il mondo intero non può ignorare questa tragedia, e se lo fa, non includeteci in questo mondo.
Chiediamo solo che alcune semplici imbarcazioni approdino a Gaza con il loro carico di pace, amore, empatia,
che a tutti i palestinesi siano concessi gli stessi diritti di cui godono gli israeliani,
e qualsiasi altro popolo del pianeta.

Soffiate sulle nostre vele, remate con noi,
la giustizia e la libertà sono diritti spogliati di cittadinanza,
riguardano l'intera comunità di esseri umani senza esclusione alcuna.

Restiamo umani,
Vittorio Arrigoni
(attivista per i diritti umani e blogger)

blog: http://guerrillaradio.iobloggo.com/
website della missione: http://www.freegaza.org/

Ringrazio il blog IL SONNO DELLA RAGIONE per avermi dato la possibilità di partecipare a questa iniziativa.

Commenti

SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Non mi piace la sua politica.Il popolo palestinese è stato usurpato della sua terra: questo non mi piace.La sofferenza di un intero popolo non mi piace come di un solo uomo. Adesso vado a letto che domani io lavoro. Ciao buonanotte.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
ELIA: ADESSO CHE CI PENSO TI CENSURO. NON MI SEMBRA PROPRIO IL CASO DI VENIRE A COMMENTARE UN POST CONTRO ISRAELE CON LA CROCE CELTICA. QUINDI TI CENSURO.
♥gabrybabelle♥♥ ha detto…
Non è questione di non farsi piacere gli Israeliani caro elia,è che tanti di noi,milioni e milioni e ancora milioni, si è contro ogni sopruso,ogni usurpazione di territorio altrui,ma sopratutto contro chi ammazza,magari in nome di un Dio che "gli avrebbe dato"quel territorio per discendenza divina,tutte balle,la realta' si puo fare con un es.semplice semplice,lo faccio sempre ,tanto per capirsi,per intendersi.Che ne dici se a casa tua viene un giorno un tizio dicendoti"Carino,da qui,da oggi tu smammi,perchè questa casa era di un mio avo,di un avo,di un mio avo e via via indietro nei secoli ,anzi nei millenni.Sono perchè tutto si abbia una casa,un propio territorio,delle radici,ma quello che gli Israeliani hanno fatto al popolo Palestinese non si puo' sopportare,cosi come era fuori dla mondo un certo HITLER,che magnificava la "sua razza"che poi tanto sua non lo era,anzi esattamente il contrario e in nome di quell'odio ammazzo
6 milioni di ebrei, e milioni di zingari,di gay,di diversi di hanicappati e via via,in nome di una perfezione di razza,lui che er alo schifo dello schifo come essere.Tutti i soprusi,specie quelli fatti in nome di un Dio sono schifosi,cosi come è schifoso chi professa tali idee.spero che il mio es. semplice ,semplice ti faccia capire il concetto,visto che NOI Italiani siamo il popolo con il piu alto indice al mondo di"PROPIETA' PRIVATA"ehhhhh,eh!!!!!
no che NON ti piacerebbe che qualcuno ti dicesse di sloggiare da casa tua,vero Elia????
Ciao Marco,scusa lo sfogo,
Gabrybabelle
♥gabrybabelle♥♥ ha detto…
ciao marco,ho letto tutto e ho lasciato l'impronta e secondo me(come faccio io) dovevi lasciare li il commento..a futura memoria e per far capire che l'ignoranza NON ha fine, gabry
Cesco ha detto…
Non ho letto il commento di Elia, ma credo di non essermi perso molto. Quoto prepotentemente gabrybabelle, perchè spesso ci dimentichiamo che gli uomini, da qualunque parte provengano, sono individui come noi. La colpa delle sciagure e delle guerre in quella sfortunata zona, non è del popolo palestinese, e non è colpa del popolo israeliano, e mi riferisco agli esseri umani che nulla hanno a che fare con decisioni sciagurate, prese in nome di una politica malata e intollerante, che mai si è cercato di debellare seriamente, nè da una parte nè dall'altra. Chi rimane schiacciato da guerre e carestie? Non certo i potenti, al sicuro nei loro bunker a spartirsi i frutti del sangue altrui, chi ne subisce le conseguenze è la gente normale come noi, che vorrebbe un mondo giusto e libero dal razzismo e da qualsiasi forma di intolleranza o inutile e futile patriottismo, o orgoglio di appartenenza a una determinata "razza", tanto cara agli ideali fascisti che poi invocano Dio a sproposito, dimenticando i veri valori morali che una religione dovrebbe infondere, tra i quali non rientra nè l'odio verso gli altri nè la guerra verso chi è "diverso" da noi. Ogni volta che un ingiustizia viene perpetrata, non mi importa di chi sia, e mi fanno incazzare i leghisti che usano la regola del contrappasso, secondo la quale siccome alcune persone si sono rese responsabili di crimini ignobili, i loro connazionali debbano subirne le conseguenze.

Colgo l'occasione per rammentare, se non si fosse capito, che i fascisti/nazisti sono banditi anche dal mio blog, tanto è tutto fiato sprecato, per loro sono valori quelli che per noi sono orrori, quindi non c'è nulla di valido sul quale instaurare un dialogo costruttivo.
Renata ha detto…
Voto e mi unisco a Gabribabelle. Senza riserve. Buona nanna a tutti.
Fiordaliso ha detto…
Grazie per essere passato da me.
So che gli ultimi post del mio blog sono stati un po' pesanti ma mi sembravano cose importanti da segnalare e non ho avuto molto tempo di fare elaborazioni accattivanti... D'altra parte anche tu non scherzi e la questione palestinese è veramente una catastrofe umanitaria di cui non riesco a vedere la soluzione.
Sembra che a Luglio il lavoro triplichi o sono le mie forze che sono dimezzate?! L'unica cosa che rimane sempre uguale è lo stipendio..Per fortuna?! o purtroppo?
Elia Pirone ha detto…
Schiavi o Liberi, vergognati! Proprio bravo a censurare la gente. Questa è la TUA democrazia? Andiamo bene (anzi male). Sei il primo intollerante qua dentro!
pansy ha detto…
Mi piace molto il tuo blog. Ripasserò presto. Pansy
Cesco ha detto…
Elia, non si può essere tolleranti con gli intolleranti. Appoggio la censura di schiavi o liberi.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
ELIA: PUò DARSI CHE IERI SERA ERO UN Pò ALTERATO E MAGARI NON DOVEVO CENSURARE, IL PROBLEMA è CHE MI BATTO TALMENTE TANTO PERCHè L' UOMO POSSA ESSERE LIBERO E VIVERE DIGNITOSAMENTE CHE QUANDO GENTE COME TE VUOLE VIOLENZA O CHE UN UOMO PREVALICHI L' ALTRO PERDO UN Pò IL BUON SENSO..........
PERò SICURAMENTE IO NON HO NIENTE DI CUI VERGOGNARMI.......
Elia Pirone ha detto…
E neppure io, se è per questo. Leggo nei commenti di Cesco e nei tuoi che è presente il preconcetto del fascista violento e intollerante. Io non ho problemi a definirmi fascista, ma non accetto che la gente mi consideri "violento e intollerante", oltretutto dietro a uno schermo e senza neanche conoscermi di persona!
Cesco ha detto…
Io non faccio preconcetti, elia, ho dato un'occhiata ai tuoi blog, e se quello che scrivi è quello che pensi, allora la mia definizione di intollerante è corretta. Io non ti ho definito violento, ma i princìpi sui quali basi la tua difesa del fascismo non sono condivisibili in democrazia, anche senza ricorrere a manganelli.
Fiordaliso ha detto…
Sai Elia
la violenza e l'intolleranza non si esprimono solo con gesti violenti e intolleranti.
Il fatto che tu possa definirti fascista per me è segno che nessuno ti nega di pensarla come vuoi ma nei confronti dei fascisti e del fascismo io ho un preconcetto ed è fondato sulla storia. Non a caso alcuni simboli che tu usi sono vietati da leggi della nostra repubblica. L'antifascismo è uno dei principi che mi ispira nel mio vivere politica.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
ALLORA ELIA: Tendenzialmente sono un tipo buono, rispettoso delle opinioni altrui ma adesso stai veramente superando ogni limite. Io ho provato a dialogare ma è inutile. Non è proprio un periodo idilliaco per me e quindi posso farmi prendere troppo dalla mano. Però...con il tuo modo di pensare la società ritorniamo veramente alla preistoria. Camerata, autoritarismo, per me sono concetti obsoleti a dir poco. Già la democrazia rappresentativa ha i suoi limiti figurati tu l'ossequioso rispetto ad una persona. Poi, dici di voler rispettare le leggi e non rispetti la Costituzione: anche questa è una contraddizione. ADESSO MI INCAZZO DICENDOTI CHE SE TI HO CENSURATO NON E' PER LE CAZZATE CHE DICI, MA PER QUEL SIMBOLO CHE TI PORTI A DIETRO CHE HA CAUSATO LA DISTRUZIONE DELL'EUROPA. Capito? Vergognati tu prima di tutto.Come si fa a concepire una società con sottomissione ad una autorità, razzismo e tutta la merda che ne consegue come migliore?! Dimmi?
gap ha detto…
la giovane età di elia lo fa sentire nel giusto e invincibile, e forse tra i tanti libri che dice di aver letto manca qualcuno che lo renda edotto della storia d'italia e di ciò che sono state le idee che dice di professare.
forse non ha ben chiaro ciò che fecero nazisti e fascisti contro gli ebrei, non ha ben chiaro che anche in italia ci furono dei campi di concentramento, forse non ha ben chiaro che ancora paghiamo gli errori di un ventennio sciagurato a meno che non faccia parte dei negazionisti, spero che almeno questo lo conosca.
comunque un fascista non violento e tollerante ancora lo devo conoscere, specialmente quelli che si presentano con una croce celtica
Elia Pirone ha detto…
L'esperienza mi dice che è impossibile cercare un dialogo con i post-comunisti, però io continuo testardamente a provarci. Evidentemente mi sbaglio, visto le reazioni di cui sopra. Addio, ma ricordate che siete incivili e intolleranti, proprio ciò che non vorreste essere!
Gap ha detto…
ma non erano quelli come elia che dicevano boia chi molla.
elia ha mollato, evidentemente non aveva molti argomenti per poter controbattere ed è tornato nella fogna (non è un'offesa è il suo blog che si chiama "topi di fogna")
Gap

ps. non post-comunisti, comunisti
l'incarcerato ha detto…
io invece adesso vi sorprenderò, io voglio cercare di dialogare con i tipi come Elia. Avvolte ci comportiamo in maniera quasi razzistica nei confronti di questi ragazzi che si definiscono con orgoglio fascisti. Pasolini ci insegna queste cose e diceva"Ma ci avete mai provato a parlare con questi ragazzi?"

Forse un dialogo ci vorrebbe e magari scopriremo che sono ragazzi come noi, lavorati come noi, vittime di questo sistema globalizzato come noi e che come noi lo contrastano.
Ma loro confondono gli obiettivi, che non sono gli stranieri.

Non dimentichiamoci che forse abbiamo più cose in comune con questi ragazzi che magari con quelli che si definiscono moderati.

Forse un dialogo ci vorrebbe, senza insulti. Io a questi ragazzinon me la sento di identificarli con il male. Il male è altro e questo lo sappiamo benissimo.
Ma deve essere un riconoscimento reciproco.


Inutile dire che io sono un antifascista convinto, conoscete tutti i miei pensieri. Ma bisogna ammettere che due o tre cose buone il fascismo l'ha fatto, lo stato sciale(il welfer) l'ha costruito lui in Italia. Ed è quello che noi di sinistra difendiamo con giusto orgoglio.
Non a caso molti comunisti come Dario Fo,, Giorgio Bocca ecc erano stati i ragazzi di Salò.

Allora forse un diaologo dovremmo continuare a farlo..anche se la vedo dura!
Subcomandante1928 ha detto…
ELIA PIRONE, caro sionista dei miei cxxxxxxi.

Lascia stare la censura, che in questi casi usate per parare l'abissale ingnoranza in cui siete immersi.

Non tirare in ballo l'intolleranza ed il pregiudizio, altro paravento che usate per mascherare l'ignoranza di cui sopra.


Parla piuttosto dei fatti, di come lo stato di Israele è nato 60 anni, delle stragi che da 60 compie (vedi Desir Yasin, Sabra e Chatila, Cana uno e due ecc ecc ecc). Informati, e usa la logica.

Alla fine, ci troveremo d'accordo. Sempre che tu non sia un infiltrato del Mossad, non me ne stupirei.


SCHIAVI O LIBERI,
ti ringrazio per avere rilanciato e per essere partecipe in questa battaglia.

Sub
gap ha detto…
Per poter dialogare occorre essere in due e avere una base di partenza, un argomento. In questo momento non vedo argomenti che si possano sviluppare. Avete saputo che il governo ha chiesto lo stato di emergenza per l'immigrazione?
O loro sanno cose che ci tengono nascoste, tipo sbarchi di migliaia di immigrati, o continuano con il portare questo stato verso una militarizzazione senza fine, una compressione delle libertà di movimento delle masse dei diseredati che non cercano altro che un pezzo di pane per poter mangiare come noi italiani abbiamo sperimentato nei secoli scorsi. ecc.
Caro Incarcerato so che abbiamo le stesse idee, ma alcuni paletti occorre tornare a metterli, se ci lamentiamo del governo di destra come potremmo trovare argomenti da discutere con la frangia più estrema della destra?
Elia o chi per lui vengano qui a discutere di cose serie con proposte serie e senza simboli che richiamano la violenza, o ciamo già dimenticati il morto di Verona, le piccole aggressioni giornaliere su tutto il territorio italiano.
Se poi vogliamo fare autocritica sullo spazio che abbiamo ceduto ben venga. Ma ciò non vuol dire che si debba discutere con fascista dichiarato non pentito arrogante e direi anche incolto, forse data la giovane età ma che ha due indirizzi che la dicono tutta sul suo grado di tenere una discussione seria.
Gap
l'incarcerato ha detto…
Caro GAP, i paletti è giusto metterli ma io sono convinto che un dialogo bisogna farlo sopratutto per evitare fatti terribili come a Verona.

GAP, tu hai detto bene, questi ragazzi sono incolti, forse arroganti. Ecco perchè Pasolini ci esortava a parlargli con questi ragazzi.
Io rimango convinto che sbagliamo a identificarli con il male.
Parlo ovviamente dei ragazzi, non dei dirigenti di partito come Fiore di Forza Nuova che sono persone che nascondono un passato molto oscuro.
Non parlo di queste persone doppiogiochiste che lavorano per la CIA e fanno finta di essere antiamericani, e sono semplicemente strumenti per compiere le stragi.
Ma è un altra storia...
sole ha detto…
ciao!
grazie per essere passato!!!
per me entrare nel tuo blog è molto difficile perchè il mio computer si blocca...forse perchè c'e la faccia di berlusca...!!!
certo che puoi linkarmi!!!
appena riesco ricambio!!!
passa a trovarmi quando vuoi!
certo che per fare questo,di entrare in palestina ci vuole molto coraggio!!!
ma cmq è per una buona causa!!!
ciao ciao!!
p.s.:posso farti na domanda???
ma te quanti anni hai???
risp sul mio blog,grazie!!
bradipa ribelle ha detto…
quello che sta succedendo in palestina SOTTO GLI OCCHI DI TUTTA LA COMUNITà INTERNAZIONALE è una cosa incredibile.... incredibile che vengano usurpati i diritti fondamentali dell'uomo, incredibile che attorno a tutto ciò ci sia il silenzio!
calendula ha detto…
Non arrenderti così velocemente...guarda attentamente la foto ( la storia delle bevande sarde era per ridere !!!) dai dai dai
calendula ha detto…
Non arrenderti così velocemente...guarda attentamente la foto ( la storia delle bevande sarde era per ridere !!!) dai dai dai
Elia Pirone ha detto…
Schiavi o Liberi, apprezzo la tua nuova presa di posizione nei miei riguardi che mi hai comunicato sul mio blog. Pur essendo giovane, penso di avere ben chiari i meccanismi della vita e mi reputo convinto di quanto dico e faccio. Buona serata.
calendula ha detto…
evviva sono lenticchie era talmente assorto nei suoi pensieri che le ha versate nel bicchiere !! una scena indimenticabile
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Elia : Credimi che non è così. Non lo dico per voler fare il saggio, ma alla tua età si è ancora troppo giovani. Lo dico semplicemente per esperienza.Adesso vedo il mondo con altri occhi, Sicuro....
Comunque l'importante è cercare di migliorarsi, sempre. A 20 anni uno mi disse di non dare mai nulla per scontato; ora quello è diventato il mio motto. Ciao
Ciao
alfa ha detto…
Grazie per la segnalazione... molto interessante... ora vado a farmi un giro sul sito della missione!

P.S. Promesso, la prossima volta in cui parlerò di Libero ti faccio sapere così eviti di passare. :-D
Silvia ha detto…
Il mio cuore soffre con i Palestinesi...

E con tutti, tutti, tutti quelli che sono vittime di oppressioni indegne... laddove ogni oppressione è indegna.

Il mio cuore soffre con loro e spera che il buonsenso e la misericordia investano presto tutti gli indegni...

***

Hai tutto il mio appoggio, come sempre, Marco!!!
sole ha detto…
SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!
c'è l'ho fatta ad entrare!!!
e non si è bloccato tutto l'apparecchio...insomma sto coso!!

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!
sei stato proprio a Merano!?!?!?
bella merda!!
e quanto ci sei riamsto un'ora???e poi sei scappato via???
ma visto che c'e sei venuto,dimme na cosa,anzi due...1,che tè piaciuto de merano? 2.che cosa ti ha spinto a venire proprio quì...un paese per vecchi,e visto che te non sei vecchio...non so darme na spiegazione...

grazie per il titolo...

i tuoi hanni li avevo azzeccati...QUASI!!

ORA TE SALUTO!!!
SE NON MI VEDI PIù IN GIRO è PERCHè NON SONO RIUSCITA AD ENTRARE NEL TUO BLOG,E QUINDI SE MI LASCI DEI COMMENTI TE LI RISPONDO SUL MIO!!!

non so se hai capito cosa volevo dirti ma spero di si!!

CIAO CIAO!
Beh volevo chiederti di farlo...... mi hai anticipato!

Ciao
Daniele

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…