Passa ai contenuti principali

COME SEMPRE PER LA DIVERSITA'

Pubblico questo video con intervista finale a Fabrizio De Andrè.

A volte, forse anche in maniera stupida, mi definisco un'anima Rom di questo sistema: una persona che viaggia alla ricerca della sua dimensione, non stanca di pensare e apprezzare ricchezze che il mondo ancora riserva.Oltre le diversità, avanguardia di culture lontane e millenarie consapevole che la storia in continuo divenire potrebbe riservare a noi le stesse discriminazioni.

Io sono Rom, perchè non sono italiano come chi nei campi lascia morire extracomunitari senza un minimo di umanità.
Io sono Rom,perchè come ho sentito non prenderei mai a legnate un indiano per fargli eseguire un lavoro assegnatogli.
Io sono Rom, perchè non mi riconosco nalle maggior parte delle paure che attanagliano i miei connazionali.
Io sono Rom, perchè non mi riconosco nella maggior parte dei valori nei quali è sprofondata la mia nazione.
Io sono Rom, perchè il pensiero deve essere lasciato libero di volare oltre le discriminazioni, le paure, i falsi interessi.
Io sono Rom, perchè riesco a capire che c'è ancora qualcosa più importante del mercato.

Commenti

SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Questo post, è uno sfogo dopo aver ieri sentito cose da far venire il vomito.
Anonimo ha detto…
Mi associo: anch'io sono rom.
Franca ha detto…
Siamo tutti un po' rom...
Pietro ha detto…
troppe cose fanno vomitare ultimamente...
natalibera ha detto…
Ciao...io sono Rom perchè mi riconosco nelle tue parole.
il mio cuore rallenta,la testa cammina e io vengo da marco in un
una sabato pomeriggio noioso e altamente "sventolazzato"e cosi girovago per webBolggher amici,
e vado ascoltanto canzoni magnifiche-
che bella Marco,era un bel po che non l'ascoltavo
Che grande persona De Andre..........[[ una persona che viaggia alla ricerca della sua dimensione]]NON puo' MAI essere una persona stupida,semmai è una grande anima e io cosi ti vedo :-)
Andiamo un po' in giro insieme:-)
Un abbraccio amichevole e strizzolante al dolce marco Gabry(=..=)babelle
progvolution ha detto…
"Prima vennero per i comunisti,
e io non dissi nulla
perché non ero comunista.
Poi vennero per i socialdemocratici
io non dissi nulla
perché non ero socialdemocratico.
Poi vennero per i sindacalisti,
e io non dissi nulla
perché non ero sindacalista.
Poi vennero per gli ebrei,
e io non dissi nulla
perché non ero ebreo.
Poi vennero a prendere me.
E non era rimasto più nessuno che potesse dire qualcosa".
Sussurri obliqui
Anonimo ha detto…
Toc toc, posso entrare? :) Arrivo veicolata da Babellina, visto che ti ha dedicato un post :), devo darle ragione sul fatto che il tuo blog sembri un luogo dove fermarsi un attimo e rigenerarsi...sono rom anche io, perchè mi riconosco in ciò che hai detto nel tuo bellissimo post.
ciao.
Nicola ha detto…
Mio caro,ti ci è voluto tutto questo tempo per capire che siamo tutti rom?
Un abbraccio
Anonimo ha detto…
Carissimo,
condivido, come puoi immaginare, il tuo post, avrei solo sotituito la parola Uomo a Rom perchè trovo offensivo verso il genere umano che gli organismi viventi di cui parli e colpevoli di certe azioni o pensieri sono definiti tali. Occorre rimarcare la differenza tra noi Uomini e loro, esseri indistinti che non si possono chiamare bestie per non offendere gli animali.
il Russo ha detto…
Io, come te, come Gap e come tutto le persone di buona volontà, sono Rom, sono gay, sono nero, sono ebreo, comunista: sono uomo.
Elsa ha detto…
mi sento anche io tante cose...
Una Rom, una donna di colore, un bimbo del Congo, un monaco tibetano, una nativa d'america in riserva.
ma come dice qualcuno troppe volte oramai si da di stomaco...sarebbe bene e ora... che il problema lo abbiano altrove.
l'incarcerato ha detto…
"Il cuore rallenta la testa cammina
in quel pozzo di piscio e cemento
a quel campo strappato dal vento
a forza di essere vento"
De Andrè


Bravo Marco, siamo tutti un po' Rom, anzi ti dirò di più. Se uno conoscesse un pochino la loro cultura, ci sarebbe anche molto da imparare e condividere...

Un gage che, come te, ha sempre cercato di difendere questo bellissimo popolo sempre disprezzato. E diventato nomade a forza di essere cacciati da noi.
riri ha detto…
Ciao Marco,un abbraccio.
Io sono meridionale....ed anche tutto il resto.
Buona domenica
Anonimo ha detto…
sono rom anche io e tutto ciò che la società discrimina....

ciao,
aria

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…