Passa ai contenuti principali

COME SEMPRE PER LA DIVERSITA'

Pubblico questo video con intervista finale a Fabrizio De Andrè.

A volte, forse anche in maniera stupida, mi definisco un'anima Rom di questo sistema: una persona che viaggia alla ricerca della sua dimensione, non stanca di pensare e apprezzare ricchezze che il mondo ancora riserva.Oltre le diversità, avanguardia di culture lontane e millenarie consapevole che la storia in continuo divenire potrebbe riservare a noi le stesse discriminazioni.

Io sono Rom, perchè non sono italiano come chi nei campi lascia morire extracomunitari senza un minimo di umanità.
Io sono Rom,perchè come ho sentito non prenderei mai a legnate un indiano per fargli eseguire un lavoro assegnatogli.
Io sono Rom, perchè non mi riconosco nalle maggior parte delle paure che attanagliano i miei connazionali.
Io sono Rom, perchè non mi riconosco nella maggior parte dei valori nei quali è sprofondata la mia nazione.
Io sono Rom, perchè il pensiero deve essere lasciato libero di volare oltre le discriminazioni, le paure, i falsi interessi.
Io sono Rom, perchè riesco a capire che c'è ancora qualcosa più importante del mercato.

Commenti

SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Questo post, è uno sfogo dopo aver ieri sentito cose da far venire il vomito.
XPX ha detto…
Mi associo: anch'io sono rom.
Franca ha detto…
Siamo tutti un po' rom...
Pietro ha detto…
troppe cose fanno vomitare ultimamente...
natalibera ha detto…
Ciao...io sono Rom perchè mi riconosco nelle tue parole.
il mio cuore rallenta,la testa cammina e io vengo da marco in un
una sabato pomeriggio noioso e altamente "sventolazzato"e cosi girovago per webBolggher amici,
e vado ascoltanto canzoni magnifiche-
che bella Marco,era un bel po che non l'ascoltavo
Che grande persona De Andre..........[[ una persona che viaggia alla ricerca della sua dimensione]]NON puo' MAI essere una persona stupida,semmai è una grande anima e io cosi ti vedo :-)
Andiamo un po' in giro insieme:-)
Un abbraccio amichevole e strizzolante al dolce marco Gabry(=..=)babelle
progvolution ha detto…
"Prima vennero per i comunisti,
e io non dissi nulla
perché non ero comunista.
Poi vennero per i socialdemocratici
io non dissi nulla
perché non ero socialdemocratico.
Poi vennero per i sindacalisti,
e io non dissi nulla
perché non ero sindacalista.
Poi vennero per gli ebrei,
e io non dissi nulla
perché non ero ebreo.
Poi vennero a prendere me.
E non era rimasto più nessuno che potesse dire qualcosa".
Sussurri obliqui
Luana ha detto…
Toc toc, posso entrare? :) Arrivo veicolata da Babellina, visto che ti ha dedicato un post :), devo darle ragione sul fatto che il tuo blog sembri un luogo dove fermarsi un attimo e rigenerarsi...sono rom anche io, perchè mi riconosco in ciò che hai detto nel tuo bellissimo post.
ciao.
Nicola ha detto…
Mio caro,ti ci è voluto tutto questo tempo per capire che siamo tutti rom?
Un abbraccio
gap ha detto…
Carissimo,
condivido, come puoi immaginare, il tuo post, avrei solo sotituito la parola Uomo a Rom perchè trovo offensivo verso il genere umano che gli organismi viventi di cui parli e colpevoli di certe azioni o pensieri sono definiti tali. Occorre rimarcare la differenza tra noi Uomini e loro, esseri indistinti che non si possono chiamare bestie per non offendere gli animali.
il Russo ha detto…
Io, come te, come Gap e come tutto le persone di buona volontà, sono Rom, sono gay, sono nero, sono ebreo, comunista: sono uomo.
Elsa ha detto…
mi sento anche io tante cose...
Una Rom, una donna di colore, un bimbo del Congo, un monaco tibetano, una nativa d'america in riserva.
ma come dice qualcuno troppe volte oramai si da di stomaco...sarebbe bene e ora... che il problema lo abbiano altrove.
l'incarcerato ha detto…
"Il cuore rallenta la testa cammina
in quel pozzo di piscio e cemento
a quel campo strappato dal vento
a forza di essere vento"
De Andrè


Bravo Marco, siamo tutti un po' Rom, anzi ti dirò di più. Se uno conoscesse un pochino la loro cultura, ci sarebbe anche molto da imparare e condividere...

Un gage che, come te, ha sempre cercato di difendere questo bellissimo popolo sempre disprezzato. E diventato nomade a forza di essere cacciati da noi.
riri ha detto…
Ciao Marco,un abbraccio.
Io sono meridionale....ed anche tutto il resto.
Buona domenica
Anonimo ha detto…
sono rom anche io e tutto ciò che la società discrimina....

ciao,
aria

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…