Passa ai contenuti principali

COME SEMPRE PER LA DIVERSITA'

Pubblico questo video con intervista finale a Fabrizio De Andrè.

A volte, forse anche in maniera stupida, mi definisco un'anima Rom di questo sistema: una persona che viaggia alla ricerca della sua dimensione, non stanca di pensare e apprezzare ricchezze che il mondo ancora riserva.Oltre le diversità, avanguardia di culture lontane e millenarie consapevole che la storia in continuo divenire potrebbe riservare a noi le stesse discriminazioni.

Io sono Rom, perchè non sono italiano come chi nei campi lascia morire extracomunitari senza un minimo di umanità.
Io sono Rom,perchè come ho sentito non prenderei mai a legnate un indiano per fargli eseguire un lavoro assegnatogli.
Io sono Rom, perchè non mi riconosco nalle maggior parte delle paure che attanagliano i miei connazionali.
Io sono Rom, perchè non mi riconosco nella maggior parte dei valori nei quali è sprofondata la mia nazione.
Io sono Rom, perchè il pensiero deve essere lasciato libero di volare oltre le discriminazioni, le paure, i falsi interessi.
Io sono Rom, perchè riesco a capire che c'è ancora qualcosa più importante del mercato.

Commenti

SCHIAVI O LIBERI ha detto…
Questo post, è uno sfogo dopo aver ieri sentito cose da far venire il vomito.
Anonimo ha detto…
Mi associo: anch'io sono rom.
Franca ha detto…
Siamo tutti un po' rom...
Pellescura ha detto…
troppe cose fanno vomitare ultimamente...
natalibera ha detto…
Ciao...io sono Rom perchè mi riconosco nelle tue parole.
Gabryella Costa Fdd ha detto…
il mio cuore rallenta,la testa cammina e io vengo da marco in un
una sabato pomeriggio noioso e altamente "sventolazzato"e cosi girovago per webBolggher amici,
e vado ascoltanto canzoni magnifiche-
che bella Marco,era un bel po che non l'ascoltavo
Che grande persona De Andre..........[[ una persona che viaggia alla ricerca della sua dimensione]]NON puo' MAI essere una persona stupida,semmai è una grande anima e io cosi ti vedo :-)
Andiamo un po' in giro insieme:-)
Un abbraccio amichevole e strizzolante al dolce marco Gabry(=..=)babelle
progvolution ha detto…
"Prima vennero per i comunisti,
e io non dissi nulla
perché non ero comunista.
Poi vennero per i socialdemocratici
io non dissi nulla
perché non ero socialdemocratico.
Poi vennero per i sindacalisti,
e io non dissi nulla
perché non ero sindacalista.
Poi vennero per gli ebrei,
e io non dissi nulla
perché non ero ebreo.
Poi vennero a prendere me.
E non era rimasto più nessuno che potesse dire qualcosa".
Sussurri obliqui
Anonimo ha detto…
Toc toc, posso entrare? :) Arrivo veicolata da Babellina, visto che ti ha dedicato un post :), devo darle ragione sul fatto che il tuo blog sembri un luogo dove fermarsi un attimo e rigenerarsi...sono rom anche io, perchè mi riconosco in ciò che hai detto nel tuo bellissimo post.
ciao.
Nicolanondoc ha detto…
Mio caro,ti ci è voluto tutto questo tempo per capire che siamo tutti rom?
Un abbraccio
Anonimo ha detto…
Carissimo,
condivido, come puoi immaginare, il tuo post, avrei solo sotituito la parola Uomo a Rom perchè trovo offensivo verso il genere umano che gli organismi viventi di cui parli e colpevoli di certe azioni o pensieri sono definiti tali. Occorre rimarcare la differenza tra noi Uomini e loro, esseri indistinti che non si possono chiamare bestie per non offendere gli animali.
il Russo ha detto…
Io, come te, come Gap e come tutto le persone di buona volontà, sono Rom, sono gay, sono nero, sono ebreo, comunista: sono uomo.
Elsa ha detto…
mi sento anche io tante cose...
Una Rom, una donna di colore, un bimbo del Congo, un monaco tibetano, una nativa d'america in riserva.
ma come dice qualcuno troppe volte oramai si da di stomaco...sarebbe bene e ora... che il problema lo abbiano altrove.
Unknown ha detto…
"Il cuore rallenta la testa cammina
in quel pozzo di piscio e cemento
a quel campo strappato dal vento
a forza di essere vento"
De Andrè


Bravo Marco, siamo tutti un po' Rom, anzi ti dirò di più. Se uno conoscesse un pochino la loro cultura, ci sarebbe anche molto da imparare e condividere...

Un gage che, come te, ha sempre cercato di difendere questo bellissimo popolo sempre disprezzato. E diventato nomade a forza di essere cacciati da noi.
riri ha detto…
Ciao Marco,un abbraccio.
Io sono meridionale....ed anche tutto il resto.
Buona domenica
Anonimo ha detto…
sono rom anche io e tutto ciò che la società discrimina....

ciao,
aria

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…