Passa ai contenuti principali

MAI FIDARSI DEI FASCISTI

Voglio scrivere proprio due righe sui fatti accaduti a Roma, i quali hanno dimostrato ancora una volta semmai ce ne fosse bisogno come non ci si possa fidare dei fascisti. Siamo tutti qui a rincorrere testimonianze, video che certifichino la colpa di personaggi che si recano ad una manifestazione con cinghie, spranghe e manganelli. Lo stato non ci ha difeso, infiltrati e tutto il resto come se la storia d' Italia non fosse macchiata di crimini orrendi per interessi purtroppo preminenti alla vita umana. Il movimento deve essere chiaramente antifascista abbandonando slogan stupidi e che sono frutto a mio modo di vedere, di anni di qualunquismo e indifferenza. Non facciamo come quei personaggi che affermano "tanto sono tutti uguali" e poi votano immancabilmente a destra.
Sarò anche anacronistico, ma se l'unità del movimento comporta far prendere delle manganellate a studenti di 15 anni, sinceramente mi interessa ben poco.

Prima fuori i fascisti non solo perchè sono contrario, ma perchè un pezzo di carta caduto nel dimenticatoio nè proibisce la formazione, e poi si appoggi il movimento.
Risulterò antipatico? Le manganellate però fanno sempre male.

Commenti

riccardo gavioso ha detto…
il posto giusto per i fascisti ormai è montare la guardia d'onore a Palazzo Madama!

una buona domenica
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Questo è un movimento importante, la prima forma di risveglio dopo trent'anni di smarrimento sociale e culturale che ci hanno portato allo schifo attuale, dobbiamo cercare in tutti i modi di proteggerlo dal qualunquismo e dagli stratagemmi che il potere politico ed economico attuerà per dissolverlo. Cerchiamo di non cadere veramente preda della nostra ingenuità.
Anonimo ha detto…
Basta davvero,si infilano ovunque per spiare non sempre è facile riconoscerli,bisogna stare molto in guardia!
buona domenica,
aria
natale ha detto…
Ti saluto...
E ti do completamente ragione...
(Vorrei scrivere tante di quelle cose ma ora come ora non posso... Quindi passoparola... E torno a commentare quando mi "ripiglio" un attimo...)
Alessandro Tauro ha detto…
Condivido in pieno parola per parola!

La forza straordinaria di questo movimento di protesta, nonostante la durezza della contestazione che ormai si protrae da settimane, è l'evidente pacifismo e "disciplina" dei manifestanti.
Ed è straordinario quando questo avviene in assenza di organizzazioni che dall'alto dirigono la protesta.

Ciò che è accaduto in tutti questi giorni dimostra davvero che una manifestazione di protesta dal basso può essere molto più efficiente di quelle che nascono dall'alto e che possono arrivare da sole a condizionare l'atteggiamento di intere forze politiche.

Ma l'assenza di forze politiche organizzatrici non significa che l'accesso a questa onda di proteste sia libera e accessibile a chiunque.
Ben vengano i cittadini di destra o centrodestra che siano pronti a sottoscrivere la piattaforma di base delle contestazioni e che siano pronte a criticare l'operato del governo, ma l'accesso ad esponenti di connotazione fascista è tutta un'altra storia.

Possono pensarla come vogliono sulle leggi del governo, ma con un movimento di questo genere non devono avere NULLA a che fare.
La storia e la costituzione li condanna. Non vedo perché questo movimento debba essere per loro un'oasi felice...
elena ha detto…
Mi associo!
Bravo SoL.

Non penso questa citazione ci stia male:
"Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza. Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il nostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra forza."
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Elena, quella ci sta sempre bene.
ahahahah
l'incarcerato ha detto…
Quanto hai ragione, purtroppo la storia si ripete. Ma mi chiedo come sia possibile che sono così cretini questi qui, dicono di essere contro il sistema ma poi si rivelano dei servitori. Mi fanno pena.
gap ha detto…
Caro il mio Schiavetto,
il mio post lo hai letto e commentato (ti girano ancora?) quindi sai come la penso. Che qualcuno prensa qualche manganellata va messo nel conto, il problema è che non mi stupirei se si passasse oltre e si arrivasse ad altri tipi di danni.
Resistere sempre e comunque e, per oggi, un saluto a pugno chiuso.
natalibera ha detto…
Il posto dei fascisti è la fogna...non C'è tolleranza possibile con questi...la storia insegna!
Materialistica Mente ha detto…
Ciao,
abbiamo messo delle microspie nelle stanze del potere e abbiamo riportato sul blog cosa vuole il potere dalla scuola,ciao.
il Russo ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
il Russo ha detto…
A me stai simpaticissimo, io a questi culi, pardon, cuori neri non ho mai creduto manco per un secondo.
Tutto ciò che si rifà direttamente o indirettamente al fascio è merda, se gli studenti sono il nostro futuro io aspiro a qualcosina di melio di un futuro di merda, se permetti.
I goffi tentativi di manipolazione effettuati dal blocco intestinale studentesco su you tube e non solo, subito acquisiti come vangelo da questo governicchio autoritario, stanno lì a dimostrare che casa pound è la reincarnazione delle bestie che instaurarono 20 anni di dittatura in Italia, come si fà a dargli ancora credito?
gap ha detto…
Senti ragazzo devo trovarti un altro nome incarcerato mi da un senso di disagio, da adulta sapere che ti senti cosi'mi fai venire su tutti i sensi di colpa.
Sei una gran bella persona e mi fa sorridere leggerti, dai un senso anche alla mia vita.
sTEFANIA

Condivido pienamente e vale anche per Schiavioliberi, a cui vado a portare il messaggio.

Commento lasciato all'ultimo post dell'Incarcerato.
Franca ha detto…
Mai credere a un fascista!
Come dice il proverbio: il lupo perde il pelo, ma non il vizio...
Fuori i fascisti dal movimento!
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Grazie gap, sei veramente gentilissimo.
Fortunatamente possiamo ancora ribellarci.
Un saluto
stella ha detto…
Marco sono con te!
AKUL87 ha detto…
Hai ragione. Non mi sarei dovuto fidare sin da subito. Ciao!
Gatta bastarda ha detto…
già sarebbe ora che si puniscano i fascisti...l'apologia di fascismo è reato per la costituzione... ma quando verrà considerato davvero reato? io spero presto!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…