Passa ai contenuti principali

MI FA MALE IL MONDO

Diaz, assolti i vertici della polizia. Tredici condanne

Tredici condanne, per un totale di 35 anni e sette mesi, rispetto agli oltre 108 anni chiesti dall'accusa, e 16 assoluzioni. Questa e' la sentenza emessa dal prima sezione penale del Tribunale di Genova, presieduta da Gabrio Barone, giudici a latere Anna Leila Dellopreite e Fulvia Maggio, sui fatti avvenuti alla scuola Diaz nella notte del 21 luglio 2001, durante il G8 di Genova.
Assolti i vertici della polizia: Francesco Gratteri, ex capo dello Sco ora direttore dell'Anticrimine; Giovanni Luperi, ex vicedirettotre Ucigos, ora all'intelligence; Gilberto Caldarozzi, ex vicedirettore Sco e ora a capo del Servizio centrale operativo della Polizia; Spartaco Mortola, ex dirigente della Digos genovese.

Il pubblico grida: "Vergogna!"
Alla lettura della sentenza per i fatti della Diaz, dopo 11 ore di camera di consiglio, in aula si e' levato il grido ' vergogna, vergogna!' dai settori del pubblico.

Avvocato Biondi: sconfitto il teorema della procura
"E' sconfitto il teorema della procura", ha commentato a caldo l'avvocato Alfredo Biondi, difensore del vicequestore Pietro Troiani e del funzionario di polizia Alfredo Fabbrocini. Il pm non ha voluto rispondere alla domanda se farà appello alla sentenza.

Agnoletto: sancita impunità delle forze dell'ordine
"Da oggi in poi questa sentenza stabilisce la totale impunità per le forze dell'ordine". Lo ha dichiarato l'ex portavoce del Genoa Social Forum e deputato europeo di Rifondazione Comunista Vittorio Agnoletto subito dopo la lettura della sentenza sulla Diaz.

Fonte Rainews24

Dopo questa sentenza, riesco solo a dire come diceva Gaber, "mi fa male il mondo": questo tipo di mondo fatto di falsa democrazia.

Si...io odio il mondo e questo tipo di politica alla quale dedico il video sottostante di Giorgio Gaber.

Commenti

desa ha detto…
Provo rabbia e schifo!




scusami x ora nn aggiungo altro.
La Mente Persa ha detto…
Non potevi scegliere canzone migliore!
Io lo immaginavo, ma è brutto leggerlo.
Ci si spera sempre.
gio
Gap ha detto…
Vorrei solo piangere.
Alessandro Tauro ha detto…
Caro marco, le poche parole che riesco a pronunciare per commentare una delle pagine più tristi della nostra storia temo di averle spese tutte nel post che ho scritto "a caldo" pochi minuti fa.
La rabbia è tanta, le parole per esprimere quello che provo di fronte a tutto questo sono poche.

Una sola certezza: comincio a fidarmi della giustizia italiana tanto quanto mi fido dello spirito democratico e di ascolto di questo governo
XPX ha detto…
Bisognerebbe però credere nella giustizia italiana, sempre. Altrimenti si da adito a tutti di screditare il suo operato in nome di questo o quel motivo.
Poi è importante leggere le motivazioni.
l'incarcerato ha detto…
questa sentenza sancisce la fine della democrazia e avvicinandomi al pensiero di GAP, non ci resta che piangere...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Xpx: ci sono immagini che parlano chiaro, questa sentenza è orrenda.
Credere nella giustizia italiana dopo tutte le stragi impunite e con il 95 % dei reati circa che va in prescrizione, scusami ma per me è sempre più difficile.
loris ha detto…
La ferita purtroppo è stata riaperta un'altra infamia è stata consumata ai danni della democrazia.
Hai ragione, questo mondo fa male.
Angelo D'Amore ha detto…
LA SINISTRA MANGIA SE STESSA.

VENDOLA ATTACCA SANTORO.

A SINISTRA IL CAOS, E' TOTALE.
tEmPhE ha detto…
Un grande male: immenso.
Io non credo più.
j.
XPX ha detto…
@Schiavi
Delle condanne ci sono state. Non sono state provate altre responsabilità.
La cosa più orrenda è che la politica si sia adoperata già da tempo per condonare ...
Farfallaleggera ha detto…
...."Mi fa male il mondo, mi fa male il mondo.

Ma la rabbia che portiamo addosso
è la prova che non siamo annientati
da un destino così disumano
che non possiamo lasciare ai figli e ai nipoti...."

Ciao giò
stella ha detto…
Sempre più discriminazioni!
Spippy ha detto…
C'è un'altra canzone che, pur non parlando di politica, ha un titolo azzeccatissimo per tutto quanto è successo e sta succedendo: Senza Parole.

E' una rapida ed inesorabile discesa verso l'abisso.. A me, tutti gli avvenimenti di questo ultimo periodo fanno venire i brividi. Mi viene in mente una parola, forse esagerata, ma è "dittatura".
Alessandro Tauro ha detto…
E' decisamente curioso il concetto di giustizia applicato dai magistrati di Genova...

Il 21 luglio: irruzione alla scuola Diaz con tanto di massacro di 93 ragazzi. Invenzione della coltellata ad un agente e creazione di prove false (molotov).

Secondo la sentenza, quella sera un gruppo di agenti, senza alcun ordine dall'alto, si dirigono verso la scuola e danno il via alla mattanza.
Così, tanto per passare una serata diversa.

La creazione delle finte prove e il passaggio delle molotov da mano a mano? Un caso.

La regola che si crea adesso è questa: sei un poliziotto e ti rifiuti di eseguire un ordine? Finisci sotto processo. Esegui un ordine palesemente illegale per adempimento al dovere? Sarai solo tu a pagare...
desa ha detto…
X SPIPPY=...nn credo sia esagerata come parola....nè come sensazione che proviamo!




.....un abbraccio get()
luce ha detto…
Carissimo Marco bel mondo che sei, la sentanza della Diaz fa male e picchia duro, è scandalosa, è vergognosa, è terribile....
Con la beffa del condono poi, ancora più schifosa.

Oggi il mondo fa male pure a me, che pure cerco sempre una luce nel buoi...però un 'augurio mi senti di farlo ai "condannati"( seee..) e agli" assolti": prima o poi il conto con la storia, con la coscienza e con gli sguardi lo dovranno fare e non sarà un bel momento.
Io per prima guarderò la polizia con occhi diversi adesso.

Un bacio che come sai è affettuosissimo.
Pupottina ha detto…
era prevedibile questa risoluzione del problema... anche io non sono per niente soddisfatta...
Pupottina ha detto…
grazie per il tuo prezioso contributo offerto alla mia amica... l'opinione degli uomini nelle vicende amorose è sempre un chiarimento in più.
ciao e buon weekend
NADIA ha detto…
hola non sò cosa mi succede, ma l'unica cosa che mi viene di fare è stare in silenzio.
dopo tanto urlare è l'unica protesta!!!
un abbraccio!!!!
Gatta bastarda ha detto…
a me fa male il mondo... e mi fà un gran male il cuore... davvero un gran male!
gap concordo... ma leva il vorrei piangi perchè ci rimane solo quello! io l'ho già fatto almeno un minimo di sfogo!
Franca ha detto…
Non c'era da aspettarsi nulla di diverso.
E se pensi che questa gente è stata tutta promossa dal Governo Prodi...
Anticlericale89 ha detto…
Sono arrabbiata,indignata e schifata.

Non trovo altre parole...che schifo che schifo,la giustizia è solo una parola vuota in Italia.
stellavale ha detto…
Non ho parole.....
elena ha detto…
Sapete che c'è? Che vi invidio... invidio la vostra capacità di indignarvi ancora per certe sentenze che per me sono solo "già annunciate" e soprattutto deja vu... sono abbastanza vecchia per ricordarmi le sentenze dagli anni '70 in su e devo dire che non ci trovo nulla di nuovo.
Perà nella Giustizia io ci credo ancora. Non credo a molti giudici che altro non sono se non burattini le cui fila son tirate ad arte, ma credo che ci siano molti tra di loro che non si piegano a ricatti e pressioni. Sarà per questo che non gli affidano mai processi di un certo spessore?
Ma state tranquilli: nonostante non riesca più ad indignarmi, non ho la minima intenzione di chinare la testa e adeguarmi.
E adesso vado fuori tema. Lo dico qui ma vale per tutti i blog che frequento abitualmente: ho dei grossi problemi di computer (è oggetto di attacco di tutti i tipi di virus in circolazione, temo) e finché non risolvo la cosa non mi farò viva con la frequenza solita... il mio blog è aggiornato solo perché Mauro è più paziente di me e mentre scarica antivirus e li fa andare riesce ad aspettare pazientemente che le pagine si carichino... io (che sono l'addetta alle pubbliche relazioni, più o meno...) dopo tre minuti dò in escandescenze e mollo il colpo. Quindi se non trovate commenti miei (che perdita!!!) è solo per problemi tecnici.
Un abbraccio a tutti.
E coraggio: se non lo cambiamo noi, il mondo, nessuno lo farà al posto nostro... perlomeno non nella direzione che noi vorremmo.
Sub ha detto…
Io odio questo tipo di politici, e chi sta dietro a loro.
Canzone eloquente.
pansy ha detto…
è una canzone stupenda, perfetta per questo tuo post..!
Crocco1830 ha detto…
Come ho già avuto modo di commentare, con la condanna degli esecutori, ma non delle menti, di fatto, lo Stato ha fatto capire di avere deciso di arrogarsi, in maniera violenta, il diritto a porsi al di sopra delle sue leggi e della sua Costituzione.
calendula / trattalia ha detto…
non mi aspettavo nulla di diverso, anzi....
natalibera ha detto…
Anche a me fa male sto mondo e tanto fa male e tanto penso faccia schifo che non mi aspettavo una sentenza diversa.....

Nessuna rassegnazione però,..bisogna combattere ,ora più che mai, perchè queste vergogne non debbano più accadere....

Un abbraccio
AKUL87 ha detto…
La rabbia è tanta... ma non si può mollare proprio adesso. Se siamo nella merda...lotteremo nella merda!!
sirio ha detto…
Marco,la vergogna è tanta ma almeno alcune persone sono state condannate...è già qualcosa,no?

Ciao.
Silvia ha detto…
Non avevo bisogno di "11 ore di camera di consiglio" per sapere che sarebbe andata a finire così...

Come da pronostico.

Come se nulla fosse, in sintesi.

:*-(

Sì, mi fa male (QUESTO) mondo...

:*-(
il Russo ha detto…
Non mi sono ancora ripreso a distanza di più di 24 ore: VOMITO, VOMITO, VOMITO!
riri ha detto…
Ciao,sono angosciata,ma non mollo.!!!Un abbraccio a te ed un saluto agli amici.
Donna Cannone ha detto…
è un male che non passa.
che non si estirpa.
Ma si può combattere
riccardo gavioso ha detto…
ho scelto De Andrè per commentare lo stesso fatto e esprimere gli stessi sentimenti. In certi momenti solo la musica e i poeti sembrano in grado di darci una mano.

un buon fine settimana

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…