Passa ai contenuti principali

GLI ALTRI SIAMO NOI

Ormai è un susseguirsi di preoccupanti notizie sul fronte del lavoro, molte aziende chiudono, operai licenziati con famiglie e tutto ciò che nè consegue. La crisi, tutti ne parlano, a molti fa immansa paura, e intanto però fabbriche delocalizzano, licenziano dipendenti come qui nel mantovano, e non c'è uno stralcio di alternativa che possa in qualche modo arginare questa emorragia di posti di lavoro. Sarò ripetitivo, ma vedo ancora troppe cause che hanno contribuito a portarci in questa situazione come egoismo e indifferenza.
Una delle prime canzoni che mi è rimasta inpressa fin da piccolo è questa:



Tutti vittime e carnefici perchè tanto prima o poi gli altri siamo noi. Siamo stati abituati da sofismi a disinteressarci di tutto il resto al di fuori dell'io, indifferenti a tutto ciò che non ci toccava perchè qualcun altro ci avrebbe pensato al nostro posto, e adesso ci ritroviamo in difficoltà con la maggior parte delle persone senza un briciolo di coscienza del problema. Mi chiedo, tutti dicono di voler fare il proprio interesse, ma sanno di cosa parlano? Secondo me sarebbe veramente ora di scendere dalla luna e iniziare a ragionare con la propria testa.

Commenti

Pietro ha detto…
Siamo in un periodo cruciale e la paura si sente, eccome.
XPX ha detto…
E' un periodo veramente difficile: speriamo passi presto.
pansy ha detto…
Hai detto giusto, viviamo in un epoca in cui egoismo e indifferenza dominano lo stato d' animo di molte persone. Molte! Ma non tutte. E sono quelle che NON sono cosi a poter fare la differenza.
Schiavi o Liberi.. siamo NOI a dover fare la differenza, abbiamo un compito grande e difficile, ma non arrendiamoci davanti a questi ostacoli, è un momento cruciale, non dobbiamo starcene seduti ad aspettare...
Continuare a sensibilizzare le persone (almeno quelle che ci stanno intorno..!), credo sia già una buona causa che possiamo mettere per vedersi manifestare un grande effetto.

Buona giornata!!
Spippy ha detto…
Sai che c'è? C'è che in questi giorni sto scrivendo la tesi e la mia tesi parla della Resistenza partigiana. E allora mi capita di imbattermi in nomi e personaggi che la storia hanno saputo farla per davvero. Gente che ha preso in mano le redini della situazione, che si è esposta in prima persona cercando di rimediare ad un disastro epocale di cui tutti, in un modo o nell'altro, erano stati responsabili. Il silenzio, l'abnegazione, l'ignoranza, i falsi miti avevano portato l'Italia a credere al fascismo e alle sue impossibili promesse. Tutti erano la causa dello sfacelo. Eppure ci si è rialzati, in un modo o nell'altro, prima o poi, si è capito e si è ricominciato. E non parlo solo di GRANDI politici come Togliatti, De Gasperi, Ferruccio Parri e compagnia bella. Parlo prima di tutto del popolo, che ha detto BASTA e basta è stato.

Perchè l'Italia, perchè questo nostro stupendo paese, non si rende conto della forza che ha e non impara mai dal passato?
desa ha detto…
C' è la paura,c'è l'egoismo e l'ignoranza....ma ci siamo noi,e nn e poco!

ti abbraccio
l'incarcerato ha detto…
Si, ma come ha detto il grande Marco "gli altri siamo noi..."
l'incarcerato ha detto…
ps ricordo anche io questa canzone, non nascondo che mi fa rattristare molto...
Pupottina ha detto…
la ricordo anche io quella canzone di Tozzi...

se le aziende chiudono e le persone restano senza lavoro, quelle che sperano che prima o poi arrivi naturalmente il loro turno... a quale speranza o a quale santo devono aggrapparsi?

insomma sempre peggio!
ma noi cosa possiamo fare concretamente?
Franca ha detto…
Quoto il commento di "Pansy"...
Anticlericale89 ha detto…
Quoto quelllo che scrive Spippy,e le auguro buona fortuna per la tesi.

Purtroppo la gente,in particolare gli Italiani,sembrano dormire tutto il tempo,e svegliarsi solo quando la situazione stà già precipitando.

Siamo incapaci di prevenire,il guaio è che quì nessuno ha più voglia nemmeno di curare niente.
articolo21 ha detto…
Io credo che per quanto impegno possiamo mettere per migliorare le cose è il declino della nostra società che non ci permette di pensare positivo. Non è l'Italia, non è l'America o l'Africa in problema. E' proprio la deriva di tutta una civiltà, che in questo momento ha preso la fase discendente della sua esistenza. Sta cominciando una nuova era. Dove ci porterà non possiamo saperlo. Sappiamo solo che non sarà più come prima. Ci sono altri mondi che stanno emergendo, nuove società che si stanno mostrando. Ed anche la nostra convivenza civile è destinata a cambiare. Ma prima dovrà soccombere. Come sempre accade nella storia.
Dual ha detto…
Ciao passavo da queste parti e ti lascio un salutino ed una buona giornata!!
La Mente Persa ha detto…
Le imprese italiane non hanno saputo rinnovarsi e sono in mano alle banche.
Ci saranno tantissimi licenziamenti e sai cosa mi preoccupa di più?
Che alla fine di questa crisi non sarà cambiato nulla, la gente ritroverà il benessere e loro continueranno a fare altre cavolate sino al prossimo crack.
Scusa l'ondata di pessimismo!
gio
Silvia ha detto…
Caro, scusa la poca inerenza col tuo post, ma ho la febbre alta e non connetto bene...

:*-(

Con gonna e camicetta... saresti bellissimo!!!! Certo che potresti venire alla manifestazione: è aperta pure agli uomini!!!

;-)
luce ha detto…
Sono completamente daccordo inutile dire nessuno fa niente per migliorare le cose e poi noi stessi ci divincoliamo dagli impegni e fingiamo di non aver nessun potere per cambiare le cose. Tutti possiamo e dobbiamo fare qualcosa per migliorare il paese.
Punzy ha detto…
Io da mo' che me la sto facendo sotto..l'anno scorso, nella mia azienda CON I BILANCI IN ATTIVO hanno effettuato una cessione ramo d'azienda che e' stato un bel licenziamento mascherato..
luce ha detto…
Hai ragione Marco che sei vicino, l'idifferenza è il male di questi tempi.Io cerco di non insegnarla ai miei piccoli, ma è difficile sai...sembrano tutti uguali.
Io ci soffro e lo sai, ma poi mi riprendo la speranza e tiro avanti...non faccio agli altri quello che non vorrei facessero a me.
Baci affettuosissimi come al solito.
il Russo ha detto…
Azzo, dopo Veltroni che porta alla manifestazione del PD Pezzali, vengo qua e mi trovo Tozzi.
Domani posto Vallesi con Le persone inutili....
:)
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Vai russo..ahhaahah
@enio ha detto…
io sono convinto che il bello deve ancora venire, le fabbriche stanno smaltendo le commesse dell'anno passato, e l'anno prossimo che fa paura!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…