Passa ai contenuti principali

REVIOLE'

Qualche tempo fa dal blog di Beppe Grillo, sono venuto a conoscenza di una notizia terribile riguardo le violenze sulle donne in Congo. Oggi, tutti i media sono affannosamente presi nel rincorrere i risultati delle elezioni americane con dirette, estenuanti dati, ma chi parla di questi orrori vergogna non solo del Congo ma per tutta l'umanità? Già nel titolo di questo post, sta la drammaticità degli eventi: reviolè -riviolentate. Molte donne, subiscono più di una volta l' annientamento fisico, infatti dal 1996 quando morirono 5 milioni di persone, lo stupro è considerato un'arma da guerra. Come tutti voi saprete, la situazione interna è abbastanza caotica, il governo centrale in lotta con numerosi gruppi armati dell'est del Paese, rendono la donna oltre che preda anche l'arma con la quale si combatte, e lo stupro non viene naturalmente considerato reato. La cosa più terribile, è che tutto ciò può accadere con un fucile o sparate nella vagina. Perchè si tace su queste cose, forse per proteggere interessi occidentali visto che il Congo è un Paese ricchissimo di materie prime? Cosa fanno quei 17 mila soldati in una delle basi Onu più grandi al mondo localizzata proprio in Congo? Come si può voltarsi dall'altra parte, continuando a far finta che alcune vicende non ci riguardino? E se fosse un nostro parente, nostra madre, figlia o sorella allora le cose molto probabilmente cambierebbero. Non riesco ad immaginare cosa possa provare un figlio magari piccolo, nel vedere sua madre trattata come un oggetto in balia degli eventi. Ma questo purtroppo, non accede solo in Congo, anzi...è una piaga che in Europa è una delle primissime cause di morte per il gentilsesso. E meno male che ci riempiamo la bocca con belle parole come Democrazia e Uguaglianza.

Il link all'articolo di Beppe Grillo è questo: Congo reviolé.

Chi volesse aiutare le donne congolesi può mettersi in contatto con il "Social Aid For the Elimination of Rape (SAFER)" dell'Università di Toronto.



Perchè gli uomini per primi dovrebbero imparare a non voltarsi dall'altra parte.

Commenti

Alligatore ha detto…
Che vergogna...
Alicesu ha detto…
Grillo dovrebbe parlare più spesso di donne e dei diritti civili. Purtroppo è l'unica persona con un certo ascendente sulle masse e qualcuno dovrà pure educarle, le persone....
pansy ha detto…
Ricordo ancora la mia tesina della maturità. "Lo sfruttamento dei bambini in Africa." Che dire, è una vergogna che succedono queste cose. Non solo si voltano dall' altra parte, ma a volte le persone vedono in faccia quello che accade, eppure..eppure l' unico pensiero che hanno è: Finchè non accade a me. Menomale che non succede a me. Spero non succeda mai a me. IO IO IO. L' egoismo e il pensare di essere superiori rende ciechi.
Non riesco a capacitarmene. Ma come si fa a rimanere indifferenti davanti a uno scenario tanto tragico?
No. Non dovrebbe essere cosi.
E' una vergogna..Duole il cuore sapere che esistono persone trattate in questo modo e fa rabbia sapere che esistono persone che usano il proprio potere per fare del male agli altri.
Tutto questo DEVE finire.
Finirà mai?
Anticlericale89 ha detto…
Che orrore...spero che questi miserabili bastardi siano assassinati,magari fatti morire per impalamento.
E'una speranza che provo con tutto il cuore.
Può anche essere che siamo tutti oggettivamente impotenti di fronte a tutto questo,ma non dobbiamo sentirci impotenti.

Per quanto mi riguarda non abbandonerò mai la speranza che gli oppressi prendano autocoscienza di se e si organizzino per farsi giustizia,anche quando le condizioni,come in questo caso,non li favoriscono di certo.

Spero non sia utopico sperare che la rabbia si trasformi in una forza tale da far tremare il potente di turno,spero non sia utopico sperare in un illuminismo e una rivoluzione come quella Francese da parte del terzo stato di turno.
Franca ha detto…
Quando poi non sono le cosiddette "forze di pace" a compiere le violenze.
La Somalia insegna...
stella ha detto…
L'indifferenza uccide...
riri ha detto…
Mai voltarsi dall'altra parte.
Sono daccordo con Franca...
Ciao.
ladyoscar ha detto…
Non dobbiamo nè tacere nè voltarci dall'altra parte ma gridare forte l'orrore che si prova. Perchè solo questo può aiutarle.
Punzy ha detto…
Ho come l'impressione che invece, causa altro per la testa, il mondo le dimentichera' ancora..
Pupottina ha detto…
che situazioni inconcepibili!
è una vergogna!

buon mercoledì
Crocco1830 ha detto…
Sui soldati ONU non starei a riporre troppe speranze, per fermare questa disumana tragedia. In altre parti del mondo si sono già distinti per gesti aberranti.
ciao!
ma scusa xke mi hai commentato
qui www.iryila.blogspot.com??
Silvia ha detto…
Io ODIO gli uomini.

Non potrei essere più esauriente di così.

IO ODIO GLI UOMINI.

Il 90% degli uomini (e sono stata magnanima) meritano il totale, definitivo annientamento dalla faccia della Terra.

Qui le frasi fatte sono INUTILI: devono essere annientati, gli uomini, e basta!

Dinanzi a queste cose NON c'è nessuna giustificazione che regge!

Io odio gli uomini!

Caro, sapevo di questa cosa... e mi fa male... è dura avere a che fare quotidianamente con abiezioni del genere, per colpa dell'uomo...

Chi parla di questi orrori, caro?? Beh, ne parlo io: ho appena postato l'ennesima performance maschile...

Marco, SONO STANCA di questi CANI! Io li maledico, ma continuano a proliferare. Cosa devo fare, caro? Per quanto ci sia l'impegno e la volontà di cambiare le cose... ci ricacciano sempre indietro... Sono stanca, Marco, sono stanca...

:*-(

Caro, se non ti urta, ripubblico il tuo post anche da me, prossimamente.

***

Grazie per questo post, caro, grazie: è di vitale importanza parlarne.
Noi , tu, altri, ne parliamo ma intanto nessuno laggiù le aiuta veramente salvo alcune organizzazioni umanitarie.

E questo disinteresse è altrettanto disgustoso.
Gatta bastarda ha detto…
se tutti gli uomini fossero come te si sarebbero risolti molti problemi... purtroppo non è così... ma chi se preoccupa dei diritti di persone di colore? persone di colore povere? nessuno! e se poi sono donne ancora peggio! dovrebbero abolire ogni tipo di esercito... e ingabbiare a vita gli stupratori... ma non accadrà mai!
La Mente Persa ha detto…
che tristezza.
Se c'è qlcosa che mi fa veramente arrabbiare sono gli abusi contro i più deboli.
E' importante che giri la notizia!
gio
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Silvia, puoi ripubblicare anche tutto il blog se vuoi, non devi chiedere proprio niente.
sirio ha detto…
Ciao marco,tutto questo è disgustoso,raccapricciante...i fatti parlano,l'indifferenza urla!!
Il Congo è l'ultimo esempio di una realtà che in Africa si protrae da moltissimo,purtroppo.

Buona serata,caro amico.
Adriano Smaldone ha detto…
Grillo è l'unico uomo che ha veramente le palle non ne poso più di questi politici il bello che noi ce lo facciamo mettere a quel poso e siamo coscienti ci mettiamo alla pecorina e lo incitiamo a venire cosi siamo noi italiano se noi cacceremo le palle devi vedere come queli del governo di mettono paura
elena ha detto…
Il discorso di fondo sembra essere la massima colpa delle donne, responsabili della procreazione di altri potenziali nemici. Purtroppo - la storia è piena di esempi - le donne scontano questo fatto: violentando o massacrando una donna che potrebbe essere tua madre, o figlia, o sorella, in qualche modo faccio male a te, nemico uomo.
Anniento te e la tua "etnia". Poco importa se poi, un pochino (ma nemmeno troppo) più in fondo l'unico discorso che resta è quello del potere economico... intanto, quegli individui (uomini? termine inappropriato) sarebbero da pigliare a calci solo per il fatto che se la prendono con esseri più deboli, donne o bambini che siano. Poi perché sono dei burattini. E poi, a ruota, gli aiuti "umanitari" e "di pace" delle nazioni "evolute". Aiuti a chi?
Ma che angoscia, caro Marco!
Grazie per questo post.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…