Passa ai contenuti principali

I MIEI DELIRI

Ieri, ho commentato il post di una blogger amica e ho deciso di postare a suo volta il commento leggermente modificato, perchè se non fosse il mio Paese ci potrei ridere sopra.

Dal Vangelo secondo Marco.

In quel tempo, l'Italia era attraversata da una pesante crisi economica e sociale: le famiglie non arrivavano alla fine del mese, la sanità a rischio collasso con lo spettro della privatizzazione, la scuola con fondi al privato,l'evasione alle stelle e un'aria viziata di impunità senza precedenti.Le condizioni andavano aggravandosi, ma venne lui, il messia e disse: "andate, vi detasserò gli straordinari, vi regalerò le centrali nucleri e se siete precarie non temete voi donne, potrete sempre sposare un miliardario, di quelli che si fanno da soli con le braccia degli altri, quelli che hanno negli occhi la luce della volontà del fare.Per gli uomini precari,dovrete abituarvi a vedere la vostra donna scappare con un miliardario, voi non siete degni nè di una donna e nemmeno di un figlio, troppo poveri. Poi, vedendo quanto i suoi discorsi attacchivano con la gente ( altronde era il messia), disse addirittura che un figlio di operaio non poteva pretendere di fare la stessa vita di un figlio di avvocato, e vinse le elezioni anche col voto degli operai.E allora, si fece il lodo Alfano, infondo in quella italietta chi si ricordava quei tre bei paroloni della rivoluzione francese: Libertè,Egalitè, Fraternitè? Pochissimi.Non stanco di tutta questa politica del fare, garantì il posto fisso a Emilio Fede. I suoi discepoli intanto, con bramosia di tolleranza zero, sparavano a zero sui morti di fame,sul sud Italia alle spalle del nord, sugli assenteisti e su tutti quei capri espiatori che potevano distogliere il tempo necessario l'opinione pubblica dai vari problemi.Ogni tanto qualche aggressione fascista o razzista faceva da cornice, ma infondo chi si ricordava dopo 60 anni i valori che hanno portato alla Liberazione e soprattutto da cosa siamo stati liberati? Nessuno! E allora le piazze venivano tolte a Gramsci per essere intitolate ad Almirante, Faccetta Nera era in lista come miglior canzone nelle Hit Parade, e il clima andava sempre più verso le barbarie per via del deterioramento umano. Era una brutta epoca, il messia continuava a sorridere mentre il suo popolo che non sapeva più sentire ciò che c'era da sentire, e vedere ciò che c'era da vedere, divenne la stessa causa di questa folle corsa verso la fine.

Commenti

desaparecida ha detto…
ecco riderci sopra è impossibile....

Diciamo che leggendoti mi si è indurito un sorriso!

Buonanotte :)
Unknown ha detto…
A questa ora della notte, dopo aver finito di lavorare mi è toccato leggere questo tuo vangelo, non è proprio una buona notte per me.

Comunque l'avevo letta già prima sul quel blog. Purtroppo sai benissimo che è andata così per colpa della tanta ignoranza. Ma ancor di più l'indifferenza.

Un buonanotte a te e approfitto per darla anche alla dolce Desa.
Gianna ha detto…
Buona giornata,Marco!
Anonimo ha detto…
è propio una.......folle corsa vergognosa!!! :-(
Ciao Marco
aria
Luz ha detto…
Il tuo commento al post di Mariarita mi ha divertita tanto, e trovo che tu abbia fatto benissimo a metterlo sul tuo blog. Come hai potuto constatare, sui blog che non parlano di politica e attualità, si trovano (non sempre per fortuna!) immensi baratri di ignoranza e qualunquismo, disinformazione e spicciola, quanto insulsa filosofia di vita.
Un abbraccio e buona giornata. Luz
Spippy ha detto…
Che triste, amara e purtroppo realistica parabola. Bisogna stringere i denti, continuare a lottare fino all fine. Bisogna risvegliare l'Italia dal torpore, ancora una volta, esattamente come 60 anni fa... Tocca davvero a noi.
Unknown ha detto…
Ho fatto un post con il titolo del tuo blog e con una citazione che amo molto...se ti va di leggerla...
Grazie.
Ciao
Mariarita
Franca ha detto…
Però alla fine venne il diluvio...
Anonimo ha detto…
Va bè,dai,teniamo duro che alla fine c'è sempre una luce in fondo al tunnel...

http://www.worldsfamousphotos.com/reichstag-flag-1945.html
Pupottina ha detto…
perché solidarietà a mio marito Kevin?
io lo accolgo sempre con il sorriso... no?
Pupottina ha detto…
che tristezza questo passo del "Vangelo", ma purtroppo l'Italia di oggi è così.... e c'è chi per predicare usa le parole che hanno ispirato la fantasia della tua amica....
che tragedia l'Italia!

io lo sto ancora cercando il mio miliardario, ma dalle mie parti non ne passa nessuno.... dovrò rimanere con Kevin....

ciaooooooooooooooooooooooooooo
buon weekend
desaparecida ha detto…
X INCARCERATO= ma visto che siamo un folto numero di nottambuli ci organizziamo uno spuntino post mezzanotte?
Solo con argomenti leggeri però....che già soffro d'insonnia! :)

X SOL=ti abbraccio...forte ()
Gabryella Costa Fdd ha detto…
Visto che ridereci sopra è praticamente impossibile io direi caro marco "Amen" e santo subito,phua'phua'!!ma forse è questo cio' a cui ambisce nella sua testolina egli nanosamente pensa"Silvio,santo subito"
Silvia ha detto…
Adesso ho capito perché ultimamente sono diventata atea...


;-)
Gatta bastarda ha detto…
si ma stavolta il messia è umano... non ha niente di divino... e morirà senza risorgere... prima o poi deve morire!
Pupottina ha detto…
ah, ok!
credi che sia un po' esagerata?
lui non ne sa niente... o meglio non lo sapeva finché non ha letto il post...

buon weekend

^_______________^
Angelo D'Amore ha detto…
spesso siamo noi stessi meridiononali che poniamo le basi per l'altrui diffidenza nei nostri confronti.

la campania e' una barca che sta affondando, noi spesso ne allarghiamo la falla...

INTELLETTUALI CAMPANI: ELOGIO DELLA DECADENZA

ne parlo nel mio blog.
Nicolanondoc ha detto…
Chi può cambiare la storia dell'uomo,amico mio?
Poco conta o troppo forse,la legge del più forte?
Forse sono i poteri forti, armati a proteggere i loro interessi che ci sovrappongono ?
Un abbraccio
ladyoscar ha detto…
Un sorriso amaro.
L'unica consolazione è che cristo è risorto dopo tre giorni, per silvio niente jolly!
Alessandro Tauro ha detto…
Chissà che un giorno non la smetta di sorridere...
Chissà che un giorno qualcuno comincerà a porsi delle domande in questo paese di rimbesuiti...
Hai visto mai...?
Schiele ha detto…
Alla fine lo crocifiggono, vero?
gio
Silvia ha detto…
Sicuramente più reale il tuo Vangelo...Ben detto!

Però io di "un miliardario" non saprei proprio che farmene, soprattutto se imbecille volgare e brutto come il nostro presidente...

Buon fine settimana!

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…