Passa ai contenuti principali

SURROGATI DI VITA SOCIALE

ROMA (ANSA) - Nel panorama dei 'social network' in Italia ne arriva uno solo per i belli. Si chiama "beautiful people.net", è nato in Danimarca nel 2002 e, forte di 120.000 membri in tutto il mondo, ora sbarca nel nostro Paese, "il che è ovvio - spiega Vittorio Sgarbi - visto che questo è il Paese della bellezza". Il meccanismo è semplice: ci si registra caricando una foto sul sito: saranno poi quelli che sono già iscritti a decidere, votando sulla base dell'immagine e del curriculum, se si può restare o meno nel network, che promuove al suo interno relazioni private e professionali, eventi e viaggi, o se se ne viene espulsi. Dunque, una cooptazione in base al solo criterio della bellezza. Insomma, i brutti non possono entrare. "Mi sa che Rosy Bindi non la accetterebbero...", dice Vittorio Sgarbi alla presentazione, ribadendo però che "il brutto ha comunque un suo valore: se non altro per affermare e far risaltare il bello". E il capogruppo del Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, definisce "estremamente interessante il "sito dei belli, al quale io non posso iscrivermi. Il problema, però, e avere il tempo una volta iscritti di frequentare questi network".
Fonte: ANSA

Qualcuno di voi mi dice di non fare sempre il solito, ma dinanzi a queste scemenze come posso restare indifferente? A quando il sito degli idioti? Non per essere pessimista, ma secondo il mio modestissimo parere raggiungerebbe un numero di iscritti impressionante.
Invece di perdere del tempo con queste sciocchezze, non è meglio fare un giro all'aperto e magari conoscere il nostro vicino di casa?
Invece no, si continua con rapporti umani illusori utili solo ad isolare l'individuo da ciò che lo circonda.

Commenti

Anonimo ha detto…
La rete è democratica: si trovano anche queste cose. Ovviamente assurde ...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
In ogni caso dovremmo essere sempre noi ad usare lei e non viceversa.
l'incarcerato ha detto…
Al di là di questo sito particolare, che non riesco a trovare delle giuste parole per descrivere il mio disgusto, tu hai colto uno dei grandi problemi di questo bellissimo strumento quale è internet.

Purtroppo c'è tanta gente che fa "vita sociale" solo nel virtuale e rischia di isolarsi sempre di più.
Mi pare che in Giappone esistono già delle vere e proprie patologie che riguardano i giovani.

Inoltre c'è rischio che non si riempiano più le piazze per quanto riguarda le lotte sociali, il problema è che noi facciamo tanta controinformazione, ma se rimane nel virtuale, penso che non serva proprio a niente.

Anzi, forse è uno strumento per farci star buoni se utilizzato male.

Il titolo del tuo post è formidabile!
Barone Birra ha detto…
La tv ed internet sono pericolosi.
sono pieni di questa spazzatura,ed è quella che entra maggiormente in testa alle persone e, questo, ovviamente, è preoccupante.
articolo21 ha detto…
Il sito degli idioti c'è già: è quello camera.it e senato.it. Anche lì si può scegliere...
Franca ha detto…
Il sito degli idioti non si può fare perchè non potrebbe contenerli tutti...

P.S.
Sgarbi è sicuro che lui sarebbe accettato?
ladyoscar ha detto…
Ma che scemenza! scusate il termine!
Un fotoritocco o nella migliore ipotesi una foto fasulla.... e il gioco è fatto no? Invece più arduo entrare in quella degli idioti!
Che sicuramente sarà già piena all'avvio.....
Comunque sono d'accordo con l'incarcerato la "vita sociale" va fatta all'aperto.
Pupottina ha detto…
prima di tutto grazie per il video che hai lasciato da me... è una delle più belle canzoni mai state fatte per le donne...

sì, forse nei servizi segreti nno ci prenderebbero... anche se di mio (intendo personale e intimo, sono stata brava a nascondere tutto... così tanto che potrebbe sembrarmi un sogno...)

i social network sono surrogati di vita sociale è vero...
il problema è che viviamo una vita che non è reale e spesso ci isoliamo troppo dagli altri...
sono d'accordo con incarcerato.. isolarci fa male... ma tutti ci facciamo attirare dall0illusione di avere tanti amici anche se sono soltanto profili inventati...
pansy ha detto…
mi sono chiesta la stessa cosa che si è chiesta Franca..
Ma poi.. ci stiamo dimenticando che la VERA bellezza viene da dentro !
Per me è una bella persona è uno con dei sani principi, uno che parla non solo con la bocca ma con il cuore e il cervello, una bella persona è a mio parare uno che non si cura solo ed esclusivamente del suo aspetto, ma piuttosto si impegna a migliorare soprattutto a livello UMANO.
Una bella persona è una persona alla quale guardo negli occhi e vedo l' anima che sa di UMANO.

Mi fa male il cuore, questo mondo sta diventando cosi superficiale, è come se tutti sotterrasserò la polvere sotto il tappeto.
E' una vergogna.
il Russo ha detto…
Fai pure il solito, questa troiata era veramente insopportabile!
La Mente Persa ha detto…
Puoi spiegare a Sgarbi che rientra nella compagnia dei brutti?
Magari si calma.
Vado a risaltare un bello così ricopro la mia funzione sociale. Quante puttanate al mondo!
gio

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…