Passa ai contenuti principali

APPELLO

Oggi non sono in vena di parlare molto, ma dedico questo post alle morti sul lavoro.
Non pensate che sia una cosa che non vi riguardi perchè il pericolo è dietro l'angolo, davvero, fidatevi, più vicino di quanto si possa immaginare.
Per fortuna, a tutto il resto, sono stato ancora in grado di anteporre la mia integrità fisica.

Commenti

SCHIAVI O LIBERI ha detto…
Quando un secondo diventa eternità.
Unknown ha detto…
Quante morti bianche, quante stragi che avvengono. Non si può morire per poco più di mille euro al mese. Altri ancora per molto di meno...
elena ha detto…
... e adesso si muore anche a scuola. Ma dobbiamo essere ottimisti! Anche quelle morti "tirano su" il PIL... cha angoscia!
Anonimo ha detto…
Mi associo Marco.
Anonimo ha detto…
Già ora si muore anche a scuola...
Gianna ha detto…
Che miseria!
Schiele ha detto…
Mi associo pure io.
Poi le chiamano morti bianche sembra un accostamento inventato apposta per farcele digerire meglio...
Buona giornata, o lavoro, o entrambi!
gio
riri ha detto…
Ciao Marco,è difficile anche dire buona giornata,perchè ogni maledetto giorno ce n'è una nuova!!
Spero che non mi cada un vaso in testa,mentre stendo il bucato,altrimenti,non so come la chiamerebbero:morte in casa?sul balcone?una casalinga distratta?chissà.C'è da aver paura anche di parlare,ma il bavaglio non ce lo metteranno mai!!!!
Un abbraccio e grazie.
pansy ha detto…
Io l' ho interpetato cosi il tuo post:
E' vero si muore sul posto del lavoro. Fisicamente, se ne sente parlare molto e sempre di più. Ma sul posto di lavoro si può morire anche psicologicamente.
Sono due cose differenti. Lo so. Ma a me fanno male entrambi.

In entrambi i casi mi si rattrista il cuore a sapere che LAVORANDO si possa perdere la Vita è inconcepibile. Non possiamo accettare questo.

Si lavora per guadagnarsi da vivere, si lavora per pagarsi l' affitto, per mangiare, per poter permettere un istruzione ai propri figli e per ..
per molte molte ragioni.

Visto che si passa la maggior parte di tempo sul posto di lavoro, è importante e UN DIRITTO avere sicurezza. Sicurezza non nel senso che ci mettano poliziotti accanto, ma parlo di TUTELA.
Tra tutela e sicurezza credo ci sia un abisso. Almeno per come la interpreto io.

..Se vogliamo andare oltre, morire sul posto di lavoro, morire a scuola, etc.
Credo sia terribile SEMPRE che una persona rischi la propria Vita.

Eppure pare che non ci si ferma nemmeno davanti a queste notizie.
1 minuto di silenzio...
E poi?
Sai che cosa penso di questo minuto di silenzio??
Un bel niente.
AGIRE. BATTERSI. LOTTARE.
"Siamo" diventati dei codardi, pigri, egoisti e viziati e non ci importa più degli altri, ma solo di noi stessi.

Dove andremmo a finire?

Marco...tu e come molte persone(perchè ci sono ancora e non perdiamo la speranza!!) possiamo fare qualcosa.
Se non lo facciamo NOI, chi lo deve fare?

I Dirirri Umani per cosa sono stati scritti?
Silvia ha detto…
E' la Vergogna del nostro Paese e ci riguarda TUTTI. Drammaticamente tutti...

:*-(
Anonimo ha detto…
A proposito di morti bianche... Qui a Castiglione c'è stato il crollo della facciata di una palazzina in ristrutturazione giusto 1/2 ore fa circa... Pare ci siano 2 morti tra gli operai.. ovviamente sono voci e ancora nulla di confermato... E spero vivamente che tal conferma non arrivi mai... :-(
E' orribile tutto ciò... Daniela
Punzy ha detto…
Si, diciamo che ormai nel nostro paese si muore a cazzo un po' dappertutto: a scuola, al lavoro, sulle strisce pedonali..se leggessi queste statistiche da turista, in italia non ci metterei mai piede
Franca ha detto…
La strage infinita...
Gap ha detto…
Caro Marco,
abbiamo già toccato l'argomento diverse volte, ed è triste vedere che non è cambiato nulla e nulla cambierà in tempi brevi e nemmeno cambierà mai. L'accumulo non si ferma davanti all'interesse del singolo lavoratore. La produzione deve comunque andare avanti, ed è talmente vero che anche il mondo dello spettacolo ha mutuato il concetto con il famoso slogan "The show must go on", la prima volta che sentii questa frase fu in occasione di una canzonissima quando Gianni Morandi cantò lo stesso a poche ore dalla morte di sua figlia appena nata.
Comunque è in libreria da pochi giorni il libro di Gianni Pagliarini e Paolo Repetto "Uno ogni sette ore - Perché di lavoro si muore" edito dalla Datanews al prezzo di 13€.
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
Ciao Daniela, grazie per il triste commento che verificherò.
Gap: grazie per avermi segnalato il libro
Anonimo ha detto…
Ciao Marco...
ho appena sentito un collega che è sul posto... Una buona notizia non ci sono morti ma solo 2 feriti Adesso il magistrato sta controllando l'edificio nel frattempo hanno evaquato diverse famiglie... Daniela.
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
Almeno due i feriti,si teme un disperso
Due operai sono rimasti feriti nel crollo della facciata di una palazzina in ristrutturazione a Castiglione delle Stiviere (Mantova). Sul posto è in corso un intervento del 118. I due stavano lavorando sull'impalcatura della facciata: uno è stato trasportato con elisoccorso a Brescia, l'altro all'ospedale di Mantova. Sono in corso controlli tra le macerie perché, secondo alcuni passanti, ci sarebbe un'altra persona coinvolta nel crollo.

Io ho trovato questo Daniela.
articolo21 ha detto…
La tragedia più grande di questa nazione.
Pupottina ha detto…
ciao
la fisicità è importante...
quando la si ha si è scioccamente certi di non poterla perdere... e di ogni cosa pensiamo sempre che possa capitare ad altri...

buon giovedì... anche se hai poca voglia di parlare... ma il tuo essere sintetico accentua il senso delle tue parole
Leonardo ha detto…
Si continua a chiamarle "morti bianche", ma di bianco non hanno proprio niente.

Ciao,buona serata.

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…