Passa ai contenuti principali

AGGIORNAMENTI DA VIK

COMUNICATO STAMPA

In palese disprezzo di ogni diritto umano, civile e contro ogni legge internazionale, ho trascorso le ultime sei ore rinchiuso con Andrew in una lurida toilette piena di pulci e parassiti e in cui non era presente alcuna fonte di acqua potabile. Questo il trattamento ricevuto per aver annunciato l’inizio di uno sciopero della fame per chiedere il dissequestro dei pescherecci palestinesi rubati ai pescatori palestinesi al largo di Gaza in acque palestinesi al momento del nostro rapimento da parte dei soldati israeliani.Ci hanno requisito i telefoni cellulari consegnatici ieri dal nostro avvocato ma, cosa ancor più grave, in flagrante violazione dellel eggi internazionali, ci è stato impedito qualsiasi contatto con i nostri legali e con il nostro consolato che io ed Andrew abbiamo richiesto più volte a gran voce.Per denunciare gli incresciosi avvenimenti delle ultime ore ho dovuto sospendere il mio sciopero della fame in modo da farmi restituire il mio telefono e poter trasmettere questa denuncia. Da quello che ho udito prima che ci separassero, Andrew continuerà a restare in quella cella assolutamente fuori dagli standard di ogni convenzione in tema di detenzione e rispetto dei diritti umani finchè a sua volta non sospenderà il digiuno.Più che come una punizione la mia detenzione di oggi e l’attuale di Andrew possono essere inquadrate come una vera e propria tortura. E’ più che verosimile che anche Darlene,che continua a digiunare come Andrew, stia subendo lo stesso disumano trattamento. Mi accingo ora a denunciare il gravissimo episodio al consolato italiano in seguito a quello scozzese e a quello statunitense.E’ importante tenersi aggiornati costantemente sulle condizioni psicofisiche dei nostri compagni. Domani dovrò ricorrere alle cure mediche per le decine punture di insetti e parassiti che ogni notte mi assalgono lasciando piaghe su tutto il mio corpo.
VittorioArrigoni,
sequestrato nel carcere israeliano di Ramle.
21 Novembre 2008 Ore 18.00

Commenti

desaparecida ha detto…
vorrei urlare e spaccare tutto!

La vita ha davvero poco valore!

E leggi internazionali servono a poco poi nei fatti!


(questo è ciò che sappiamo....di qllo che non sappiamo non ne parliamo...ma c'è!)
XPX ha detto…
Grazie per gli aggiornamenti.
Silvia ha detto…
"Leggi internazionali", sì, vabbé: ma chi le rispetta??? E soprattutto, domanda da un milione di dollari: chi si preoccupa che siano RISPETTATE???

Insomma, si ha notizia, credo che tutto questo circoli un po' dappertutto... ed è come se nulla fosse! Come se fosse una cosa normale essere trattati in quel modo. E nessuno fa niente.

Che mondo degenerato...

:*-(
La Mente Persa ha detto…
Speriamo facciano qlcosa al più presto!
gio
il Russo ha detto…
L'ho appena postato anch'io e lo ritrovo qua: ottimo, questo vuol dire far rete!
Punzy ha detto…
Ragazzi ma è stata avvisata Amnesty international?
elena ha detto…
Anch'io l'ho postato e l'ho letto dal Russo. Certo che siamo proprio monotoni... ma meno male che ci siamo!
Quanto ad Amnesty, onestamente non ne ho idea. Vuoi che provi a sentire gli amici di Vik? O direttamente Free Gaza (se riesco)?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Elena, vai, hai tutto il mio appoggio se riesci.
Grazie.
Sono esterrefatto. E' scandaloso!!!!
Elsa ha detto…
ci hai proprio preso con il tuo intervento da me...
solo per dirti che ho risposto.
ps per quanto riguarda il tuo post... hai ragione, tutto in barba alle leggi che pur ci sono...ma che l'uomo è capace di fottersene.
grazie anche da parte mia per i tuoi aggiornamenti.
Io Ci sono anche se spesso per lovoro ho enormi difficoltà a risponderti nell'immediato...ma ci sono...
ps ti ho risposto dal mare.
Elsa
Alessandro Tauro ha detto…
Mi sta lasciando senza parole questa storia. Un trattamento così disumano è fuori da ogni concezione e comprensione.

D'accordo che le forze militari israeliane ci hanno abituati a dovere a concepire la detenzione come una vera e propria tortura quotidiana. Basti pensare alle decine di prigionieri palestinesi che ogni anno perdono la vita in quelle condizioni disumane...

Spero che la questione si risolva il prima possibile. Naturalmente la mobilitazione e l'informazione collettiva può contribuire molto ad accelerare una velocizzazione della cosa.
Certo è che l'informazione cosiddetta "istituzionale" (tv e quotidiani nazionali) in genere non sta dando un grosso aiuto in tal senso.
E' decisamente un milione di volte più efficace il lavoro che stai facendo tu, aggiornando continuamente sulla questione.

Restiamo con gli occhi aperti e le orecchie in ascolto...
Pupottina ha detto…
non si dà più il giusto valore alle cose e la vita forse è quella che sembra valere meno...

buon weekend
sirio ha detto…
Ho letto anche dal russo,ciò che sta accadendo è una vergogna.

Ciao,buona fine settimana!
calendula / trattalia ha detto…
MA IO VORREI SAPERE UNA COSA, SICCOME SI TRATTA DI UN RAPIMENTO VERO E PROPRIO, DI UNA DETENZIONE INTERNAZIONALE ILLEGALE, PERCHE' NESSUNO DICE NULLA???, COME MAI ANCHE IL TG DI RAI 3 STA ZITTO??, COME MAI NESSUNO PARLA ???, PERCHE' SE UNO VA IN VACANZA E LO ARRESTANO PERCHE' SI E STRAFATTO DI COCAINA, SI MOBILITA L'INTERO GOVERNO ITALIANO LA FARNESINA SBATTE I PIEDI IN TERRA, E IN QUESTA SITUAZIONE CHE HA DELL'INVEROSIMILE NESSUNO FA NIENTE???? MA IN CHE CAZZO DI PAESE STIAMO VIVENDO???
luce ha detto…
In alcune parti del mondo vivere è un lusso, la legge un utopia ed il rispetto per i diritti umani una proposta indecente.
Nicola ha detto…
Forse non ce ne siamo accorti,il mondo è in guerra,basta vedere anche l'impazzimento economico,noi disarmati restiamo a guardare....
Un abbraccio
Franca ha detto…
Ecco come si comporta quello che noi occidentali definiamo l'unico Stato democratico di tutto il Medio Oriente...
stella ha detto…
Marco, commento oggi perchè sono senza parole.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…