Passa ai contenuti principali

E VENNE IL GATTO A MANGIARSI IL TOPO

Oggi mi devo sfogare, sono stanco di essere preso in giro. Continue dichiarazioni sulla crisi, Confidustria con pressioni al governo chiede agevolazioni fiscali alle imprese e ci ritroviamo con la causa del problema che cerca le soluzioni per uscirne. Basta, non tutti gli italiani sono bambini di 11 anni, può sembrare così ma non lo è affatto.
Il liberismo: fare in modo che si scannino tra di loro i meno abbienti , aiutare i ricchi per poi elemosinare decine di euro come contentino. Ma non tutti gli italiani sono bambini di 11 anni.
Questa situazione mi fa, forse erroneamente, venire in mente questa canzone:



L'incedere che ha lo paragono a questa guerra del più forte, perchè mi verrebbe da rispondere alla Marcegaglia " voi volevate fosse così, e alla fine c'è sempre qualcuno che può mangiare il resto." Questo è il mercato senza regole, la competizione come valore di sviluppo e lo Stato come mero strumento amministratore per favorire il dogma mercato. Troppo facile fare i galletti quando si è dalla parte giusta...no...no.... E non tiratemi fuori la scusa che nel caso sarebbero i lavoratori a pagarne le conseguenze... perchè questo è scontato ancora prima di iniziare con o senza le riduzioni fiscali. Ci avete schiacciati tra debiti ( qui anche per colpa nostra), salari che non garantiscono più nemmeno la sopravvivenza della forza lavoro e continue perdite di diritti, e ora dovremmo aiutare chi? Chi aiuta quei padri di famiglia che nel 2008 in un paese detto sviluppato devono fare 2 o 3 lavori per mantenere i propri figli? Se mi date una risposta seria divento favorevole al taglio delle tasse, altrimenti non ho più 11 anni.

Commenti

Alligatore ha detto…
Hanno le solite ricette da classe digerente ...
Angelo D'Amore ha detto…
ARBUSTUM: LA CASAL DI PRINCIPE MENO CONOSCIUTA

l'azienda compie 5 anni di silenzioso impegno sul territorio.
spero che anche grazie a voi, il messaggio del mio impegno per il territorio, riesca a trovare maggiore visibilita'.
l'incarcerato ha detto…
Oh, questo è uno dei pochi post che leggo dove finalmente si bersaglia il vero nemico, il quale non è Berlusconi, Fini o latro. Ma questo maledetto liberismo, questa maledetta ideologia del cosiddetto libero mercato.

E finalmente si bersagliano i poteri forti come la confindustria!
Franca ha detto…
Il fatto è che, purtroppo, la parte del topo la fanno sempre gli stessi...
NADIA ha detto…
hola mi sento un topo preso per il c... il che è anche peggio!!!!
buon fine settimana!!!!
Alessandro Tauro ha detto…
Il problema è tutto lì, come giustamente hai evidenziato nel tuo post e come rimarca con chiarezza l'incarcerato: il sistema economico e sociale vigente.
Hanno creato questo sistema che nei momenti di gaudio e in quelli di crisi (sempre più frequenti e violenti) a pagare saranno sempre le fasce subalterne.
E spesso per la propria sopravvivenza, nell'istituire questa legge della giungla socio-economica, i poveri saranno portati a lottare contro altri poveri.

I poteri forti non verranno mai scalfiti. Almeno finché i "poveri" non capiranno che lo scontro orizzontale crea danni a tutti, tranne che ai responsabili della crisi perenne.
Avremmo bisogno di un serio Stato sociale. Il che potrebbe anche passare da una riduzione delle tasse e dico dal calmierare i prezzi di beni primari.

Ma la riduzione delle tasse potrebbe avere un senso se unita ad altre misure ed a seconda di come viene fatta, a favore di chi ed in che modo.

Insomma se si aiutano i ceti deboli ok, se invece si vanno ad abbassare solo per le imprese....
Punzy ha detto…
Concordo con te, Marco.
Aggiungo che questo "mercato libero" libero non lo è mai stato , è sempre stato supportato da interventi statali volti a rimpolpare il sistema stesso mentre, inesorabilmente, il rischio d'impresa si spostava sul lavoratore
Simone ha detto…
gira e rigira chi laprende nder culo siamo sempre noi. E continuiamo a chiamarla democrazia.
Pietro ha detto…
A me fanno incazzare quando nei momenti di crisi, gli imprenditori ricattano, come se i diritti non valessero più.
Silvia ha detto…
Mi auguro che davvero gli italiani non siano bambini di 11 anni, me lo auguro seriamente, sennò sono dolori...

:*-(
La Mente Persa ha detto…
io detesto il capitalismo selvaggio senza etica!
Buon week end
gio
Anticlericale89 ha detto…
Sei ottimista,caro SoL,cerebralmente parlando l'Italiano medio nè ha 7 di anni,e ci sono addirittura casi di taluni che devono ancora tagliare il cordone ombelicale ( dal sistema e dai mass media).

Buon Week end...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Cara Anticlericale: gli undici anni sono riferiti a una celeberrima frase del cavaliere.
@enio ha detto…
purtroppo così, con le elemosine non si esce dalla crisi... i problemi verranno fuori il prossimo anno!
stella ha detto…
Marco, i poveri sono sempre stati poveri...!
il Russo ha detto…
Premesso che io il video non lo vedo (sono l'unico?), che Angelo D'Amore oramai rientra di diritto sotto la voce spamming, manco io ho 11 anni!
Il problema è, a quanto pare, che la maggioranza dei miei connazionali rientrano in quella categoria anagrafica...
Silvia ha detto…
Bello l'accostamento con "alla fiera dell'est" :D
luce ha detto…
Carissimo, un breve OT: volevo augurarti un buon finesettimana nella chiatroom ma ho fatti un macello, scusami.

Per il resto io sto comminciando ad avere paura del futuro...mi sembra di vedere sempre più nero.Spero solo che la gente si svegli e si sia da fare a capire in che direzione deve andare ( ed è esclusa la destra!)
Un bacio
pansy ha detto…
Speriamo non abbiano davvero 11 anni gli italiani..
Buona Domenica..
Elsa ha detto…
per me al mattino non è mai facile tacere davanti al mio "capo" che mentre siamo in riunione...non vuole sentire parlare di crisi, perchè dice che sono tutte balle!!!
Forse un bimbo di 11 anni risponderebbe al posto mio: Ma che cazzo sta dicendo???

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…