Passa ai contenuti principali

SPERANZE DELUSE

Berlusconi: "Obama ha tutto è bello, giovane e abbronzato"

Il Pd attacca: «Pessima battuta».La replica: imbecilli, era carineria

ROMA
Barack Obama è «bello, giovane e abbronzato» e quindi «ha tutto per andare d’accordo» con il presidente russo Dmitri Medvedev. Se ne è detto convinto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, rispondendo ad una domanda sul futuro delle relazioni russo-americane con il prossimo capo della Casa Bianca a conclusione del vertice italo-russo, a Mosca. Il premier italiano ha assicurato che si adopererà per facilitare il dialogo tra le due potenze. Poi, strappando una risata al leader del Cremlino, la battuta sull’abbronzatura del neo-eletto Obama. Il premier italiano si è inoltre detto fiducioso che «le speranze» generate dalla nuova generazione di leader mondiali - Medvedev e Obama - «non siano deluse».

Fonte "La Stampa" potete trovare l'articolo completo qui.

Ormai le speranze avete contribuito voi a deluderle, politici incapaci di dare un futuro degno di essere chiamato tale. Hanno venduto l'anima al diavolo, e nel bel mezzo di un bubbone finanziario senza precedenti parlano di delusione per gli altri: vergogna.

Le mie speranze sono già deluse nell'aver un premier che definisce "abbronzato" una persona di colore.

Commenti

NADIA ha detto…
hola, sempre più simpatico e spiritoso, mamma mia quanto me vergogno per loro, ieri gasparri oggi il berlusca, non sò più da che parte girarmi, meglio chiudere le orecchie.
ma un posto a zelig per Silvio no!!!
un abbraccio!!!!
articolo21 ha detto…
Che battutaccia... Però io sono convinto che quando si incontreranno sarà uno show...
Maurone ha detto…
Su questo argomento ho commentato su "Il Russo"... davvero il problema non è che il Berlusca dice queste cose, il problema è che questo paese gli consegna il potere, in un modo o nell'altro, da quattordici anni, così che possa esprimersi da presidente del consiglio e non da semplice cummenda sborone....
Rouge ha detto…
Perchè non gli casca in testa un meteorite, perchè?
ladyoscar ha detto…
Quoto rouge... non ci sono alternative!
riri ha detto…
E' un idiota.
Ciao Marco..ci resta la speranza..sempre.
Silvia ha detto…
La cosa più inquietante è che secondo la tesi di Berlusconi Obama è giusto che si trovi dove sta e che abbia successo perché "è giovane e bello", a significare che quelli brutti, miseri e poveri devono sparire? Che poi, tra l'altro, da che pulpito vien la predica: esalta la "nuova generazione GIOVANE" dei leader mondiali... proprio lui che è l'esponente di un Paese in cui i matusa, fino a 200 anni, stanno ancorati ai posti di comando peggio delle cozze sullo scoglio!

Che esempio...

Ma poi la cosa più triste è che si crede simpatico! Ma pensa tu che figura: Obama starà pensando che dovrà combattere con gli imbecilli per i prossimi quattro anni...

In fondo, potrei QUASI capire che scherzosamente ne abbia lodato la giovane età e la prestanza fisica (cose che a lui fanno difetto da un po' di tempo ormai...), ma etichettarlo come "abbronzato" fa proprio pena! Ma come si permette?? Questo è razzismo gratuito... che pretendono di chiamare senso dell'umorismo... per carità! Guarda, è quasi peggio del titolo di Libero di ieri "strano ma nero". Sì, è nero... e allora???
Andrew ha detto…
che vergogna berlusconi
sono basito
Franca ha detto…
Ecco le caratteristiche (secondo lui) per essere un buon politico: essere giovani, belli e abbronzati.
Io aggiungerei anche ricchi...
Queste le qualità per gestire la politica mondiale. Aiuto...
Punzy ha detto…
Secondo me il nano e oBAMA NON SI INCONTRERANNO MAI: lui avra' troppa paura di apparire pallido e basso..
vergognoso
Crocco1830 ha detto…
Non credo avesse intenti razzisti. E' il solito delirio berlusconiano, l'incontrollabile farneticazione, tipica di un ubriaco in una bettola.
Certo, però ... che gran figura di merda!
Certamente razzista, profondamente, squallidamente razzista, è la vignetta di Forattini, di cui parlo nel mio blog.
l'incarcerato ha detto…
ha ragione D'Alema quando ha detto che un Obama qui in Italia avrebbe avuto problemi con il permesso di soggiorno come tanti figli di immigrati...quanto stiamo messi male.
Alessandro Tauro ha detto…
Dai che in meno di 24 ore dall'elezione del nuovo Presidente, mesi prima che entri in carica, abbiamo già creato il primo incidente diplomatico.
Che bello! La super-cazzata di Gasparri non era bastata. E' bello marcare ancora di più il segno...

Come sarà triste da adesso in poi il nostro Re Silvio, ora che "l'amico Barack" non lo chiamerà più come faceva "l'amico George"...
Sora Lucia ha detto…
...'mbe', ariconsolamose co' l'ajetto...
Perché si quello c'ha tutto perché è ggiovane, è bbello e puro abbronzato, allora berlusconi nun c'ha 'n cazzo!!
pansy ha detto…
Ma perchè non se ne sta zitto.....
Lucien ha detto…
Un aspetto ridicolo della faccenda è anche la richiesta di scuse da parte di Veltroni. Scusa di che. Di non arrivarci con la testa? Oppure potrebbe scusarsi dicendo:- Ops, mi sono confuso. Pensavo facesse molte lampade per curare il suo look.
Silvia ha detto…
Con Berlusconi siamo arrivati anche troppo in là...Qui bisogna fare qualcosa diamine!

Sì un meteorite potrebbe essere la soluzione.

Che vergogna essere rappresentati da un ignorante del genere...


p.s.Ops! Scusa Silvio...Voleva essere una carineria...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Sora lucia e lucien: Benvenuti nel blog.
Gatta bastarda ha detto…
non se ne può più cosa aspettiamo a internare berlusconi?

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…