Passa ai contenuti principali

ACQUA



Privatizzazione dell'acqua, mentre scrivo questa frase ho la pelle d'oca. Privatizzazione, qualcuno guadegnare sull'impossibilità di qualcun altro di comprare.
Privatizzazione, qualcuno... essere umano avido e imperfetto, potrà decidere di ciò che è un bene fondamentale senza il quale non può esistere vita.
Tutto diventa merce, lentamente ma inesorabilmente nel generale più becero silenzio.
Salvano con i nostri soldi banche, e poi privatizzano l'acqua.

Privatizzano l'acqua, ho sete, una seta che non si soddisfa bevendo, un qualcosa che come un rigurgito risale dalle mie viscere: il disprezzo per questo sistema, totale, inesorabile, parole sconnesse per un cervello che inizia in preda alla mancanza di acqua a delirare, un mondo ingiusto, la vita in mano ai soldi, dignità di una vita negata dai soldi, un qualcosa di profondamente esiziale, parole inutili senza senso di chi ha smarrito la facoltà di bere, la giustizia ricordo lontano, il mercato regna sovrano, l'uomo mezzo per interessi superiori, privatizzano l'acqua e la vita smarrisce colori. Vedo l'acqua che non posso comprare, io, essere umano non più umano, cammino nella ricerca di brandelli di umanità, ma la risposta è il mercato, il dogma superiore creato da uomini che rende essi stessi schiavi. Ho sete, privatizzano l'acqua, la mia vita in mano ai profitti di una multinazionale, non posso crederci sto impazzendo, spero di risvegliarmi anche se mi rendo conto che nemmeno sto dormendo.

Commenti

Antonella ha detto…
Bellissima premessa sopra i commenti.. Sì per l'acqua è incredibile. Io non ci voglio pensare. Ma dovevamo aspettarcelo. Quando hanno cominciato a creare queste società cosidette " partecipate" ossia dove gli azionisti erano i comuni ( che poi significava i partiti)
Pietro ha detto…
brutta storia l'acqua privatizzata
pansy ha detto…
Ho ancora la pelle d' oca. Riesco a percepire il dolore che hai mentre scrivi queste righe...
L' acqua privatizzata.
Ma è assurdo!!!
No, non può essere vero...non riesco a crederci, eppure è cosi.

Ma quando la smettiamo di dormire sugli allori???

Io spero che ci diamo una svegliata!
E presto..
Perchè presto è già tardi.
Ma non è troppo tardi.
Franca ha detto…
Persino gli USA, patria del liberismo, non sono arrivati a tanto...
Anonimo ha detto…
Sempre peggio ...
stella ha detto…
Marco, io non so più cosa dire,sono esterrefatta!
La Mente Persa ha detto…
Mi ero persa... ;)
Eccomi di nuovo.

Lo volevano da tempo e ora stanno realizzando anche questo...
buona giornata
gio
NADIA ha detto…
Hola avevo letto la notizia su "Liberacittadinanza" anzi vai a leggere l'articolo www.liberacittadinanza.it/articoli/acqua-in-bocca-vi-abbiamo-venduto

E' un bell'articolo, ma spaventoso, considerando che l'acqua bene primario adesso diventa un bene di lusso!!

Che schifo!!!!

un abbraccio!!!
Alessandro Arcuri ha detto…
Forse bisognerà aspettare che tutte le pecore che hanno votato questo governo si trovino con la bocca asciutta e col portafoglio a secco (gli industrialotti ricconi grazie alle tasse evase, non avranno di questi problemi, chiaro) perché qualcuno cominci a protestare. (Forse).
Certe volte gli italiani mi sembrano veramente tonti.
Devono aspettare di sentire il dolore prima di capire che lo stivale che sta arrivando dritto sui coglioni può far male.
Pino Amoruso ha detto…
Pochi ne parlano...Saraà un vero problema... il solito schifo...
l'incarcerato ha detto…
Quando l'ho saputo ho provato la tua stessa sensazione, e in effetti sei stato bravo a parlarne. E' passato questo emendamento sotto silenzio che di fatto privatizza l'acqua. E con la complicità di questa pseudo opposizione.

Ha ragione Franca, nemmeno gli USA sono arrivati a tanto.

Intanto è da tempo che alcuni cittadini di Aprilia stanno combattendo contro l'infiltrazione mafiosa che coinvolge il mercato dell'acqua.

Il mercato dell'acqua. Brutte parole.
articolo21 ha detto…
Una società privatizzata non può avere che l'acqua privatizzata. Il mondo è andato così, un meccanismo senza freni.
Silvia ha detto…
Assoggettati al mercato, anche in questo.

Forse, quando questa società sarà definitivamente andata a rotoli (perché ciò incombe, ormai) e non saremo più qui... il mercato e la sua follia pretenderà di dissetarci.

Ho sentito il dolore delle tue parole, lo sento sottopelle...

:*-(
Alessandro Tauro ha detto…
Hanno dato il via alla privatizzazione dei servizi pubblici locali nella finanziaria di giugno.
Nel leggere quel punto in particolare sono rimasto particolarmente inorridito. Le interminabili discussioni sulla gestione del bene "acqua" hanno tenuto banco per anni ed anni, tra visioni duramente contrapposte.

Con un provvedimento scritto nel giro di qualche giorno ecco che si provvede a privatizzare l'acqua. La cosa peggiore: averlo fatto nel silenzio più assoluto dell'informazione e delle opposizioni (sempre che questi due termini abbiano ancora il senso che avevano una volta)...

A volte mi sembra di vivere in un mondo dove le priorità per tutti cambiano a seconda se quel giorno c'è il sole o è nuvoloso. Tutto può cambiare nel giro di qualche minuto. Possono negare qualunque diritto. Basta che quel giorno ci sia il tempo nuvoloso e che la gente stia pensando ad altro...
Nicola ha detto…
Quante battaglie,caro Marco,per non far privatizzare i beni primari dell'uomo, (allora ero un rappresentante eletto dai lavoratori) anche contro il mio sindacato,già tanti anni fa erano intenzionati a venderci l'acqua.
Un abbraccio
Anonimo ha detto…
è incredibile !

aria
Art 23 bis legge numero 133 di quest'anno.... ebbene entro il 2010 i comunni dovranno mettere sul mercato la loro acqua anche se le entrate sono ottime e non ci sono problemi di sorta.

Su Repubblica di qualche giorno fa c'era un bellissimo articolo al riguardo in R2....
Antonino Di Liberto ha detto…
Davvero eticamente vergognoso il fare mercimonio di un elemento essenziale, come l'acqua, per l'uomo.

Ma a quanto pare per questo governo è più riprovevole che i bambini vedano delle prostitute per strade. Che poi crescano pensando che si può fare mercato di tutto quanto è necessario all'uomo...beh quelle sono stronzate; l'importante è che non si veda che la gente tromba!
Poi se per bere devi spendere come quando si va dal gioielliere...beh sono cazzi tuoi! Adeguati pezzente!

Ragazzi ma che pensate a fare all'acqua! E' emergenza prostitute in strada!! Quello è il vero problema! D'altronde se lo dice la televisione del pensiero unico fascista-mercantilistico sarà vero...
tommi ha detto…
sul mio blog, tempo fa, alla vigilia delle ultime elezioni, ho riportato il botta e risposta tra veltroni e padre zanotelli sull'argomento "privatizzazione acqua". se ti va, te ne consiglio la lettura. sfoglia questa sezione e troverai le lettere che si sono scambiati: http://www.bloginternazionale.com/search/label/Elezioni%20italiane%202008
tommi ha detto…
grazie per il commento a quel post, ma io te ne volevo segnalare un'altro all'interno di quell'etichetta. precisamente questo che era in tema con questo tuo posto: http://www.bloginternazionale.com/2008/04/risposta-di-veltroni-padre-zanotelli.html
all'interno di questo post troverai il link alla lettera di zanotelli.

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…