Passa ai contenuti principali

GIORGIO BOCCA


Intervista con Giorgio Bocca di Loris Campetti - da il Manifesto
Fonte Megachip

Non usa mezze parole per raccontare l'esistente, Giorgio Bocca. Un esistente brutto che lascia poco spazio all'ottimismo. L'abbiamo cercato per avere un'opinione sullo stato dell'informazione in Italia, sulla sua concentrazione in poche mani e sul tentativo del governo di chiudere le voci libere, fuori dal coro. Non serve dire che l'abbiamo trovato ben preparato in una materia «che ha direttamente a che fare con la democrazia e la libertà d'espressione». Bocca non è soltanto uno dei padri del nostro giornalismo, è da sempre un occhio attento puntato sulla società, sulla politica e sui poteri.

Chi non ha partiti e padroni alle spalle e per giunta si permette di dissentire deve tacere. È questo il messaggio che arriva dal governo Berlusconi? E se è questo, quale natura e quali esiti sottende?

Ho appena finito di leggere una lettera sul Foglio dove si sostiene che la colpa della ferocia attuale è dell'antifascismo, da cui sarebbero nate tutte le tragedie del secolo. A me sembra vero il contrario: l'antifascismo è stata una battaglia per garantire a tutti, tra l'altro, la libertà di avere idee e poterle esprimere. Ne deduco che, se oggi si impongono manovre come quella che punta a chiudere le testate indipendenti dal potere e dalle sue direttive, questa è la conferma che la preoccupazione di chi teme un ritorno al fascismo non è poi così campata in aria.

Forse in altre forme, con altri mezzi?

Io conosco per esperienza diretta e per lo studio della storia il fascismo, e oggi percepisco nuovamente il ritorno di quella minaccia. Come allora, di fronte a una sventura la gente resta sorda, non si accorge dei rischi che corre la democrazia. Aggiungo che anche parte della sinistra e delle forze democratiche ritiene che si può andare d'accordo con chi oggi ha in mano la politica, il potere. Non so se le forme del ritorno di una cultura fascista siano così diverse da quelle di ieri, so che l'esito è lo stesso: prepotenza, repressione, magari anche galera. Diceva Benjamin Disraeli (scrittore e uomo politico, primo ministro inglese nella seconda metà dell'800, ndr ) che con la giustificazione della necessità si compiono i delitti più spaventosi. Anche ora, in nome delle difficoltà, certo quelle economiche dello stato, ma anche in nome dell'esigenza di razionalizzare e modernizzare l'informazione, liquefanno la democrazia e stanno uccidendo l'informazione. Si sbandiera l'idea di progresso per introdurre ogni nuovo mezzo, che automaticamente si trasforma in strumento nelle mani dei padroni e non certo dei dipendenti. Così la libertà sfuma, e a questo processo si accompagna il taglio dell'ossigeno all'informazione libera e democratica.

La stampa democratica perde copie, quella di sinistra rischia il collasso. La controriforma della legge dell'editoria che cancella il diritto soggettivo al sostegno pubblico può rappresentare il colpo di grazia. Almeno per il manifesto . Come mai tutto questo non fa scandalo?

Perché l'opinione pubblica è sensibile nei confronti di chi ha in mano il potere, e l'informazione rafforza, deve rafforzare questo potere. È un circolo vizioso pericolosissimo il rapporto tra un potere autoritario come quello che oggi ci schiaccia e un'informazione di regime che «forma» l'opinione pubblica. Berlusconi sostiene di avere il consenso del 70% degli italiani, forse esagera, ma il 60% ce l'ha dalla sua. Non vorrei essere nuovamente pessimista, ma temo che dovremo adattarci a forme di resistenza e lotte di minoranza.

Ma le minoranze restano mute, se i mezzi di informazione liberi vengono soppressi con lo strumento della manovra economica del governo.

È ovvio, bisogna salvare le voci libere. Ma non posso non chiedermi se sia ancora possibile riuscirci. Certo non vorrei accodarmi a una marea generale portatrice di disastri. Vedo davanti a noi un lungo periodo di crisi democratica perché vedo crescere, nell'Italia di oggi come avvenne in quella che ho conosciuto e combattuto da ragazzo, l'idea che i problemi debbano essere risolti d'autorità da qualcuno lassù. Questa idea, che ieri invocava il Duce, ha ancora successo tra gli italiani.
Se a questo siamo, c'è una responsabilità collettiva. È difficile tener fuori la sinistra.

Sì, ci sarà pure una responsabilità collettiva. Ma in una situazione in cui la sinistra e una storia comune vengono attaccate da tutti i fronti, non me la sento di sparare sulla mia parte, non ho alcuna intenzione di accodarmi alle crociate di Pansa. Per chiudere con l'informazione, non mi rassegno all'esistente ma pavento un futuro in cui i giornali schifosi camperanno mentre quelli liberi saranno crepati.


Giorgio Bocca, giornalista e scrittore, uomo che ha vissuto sulla sua pelle il peso di un regime sbagliato. In contrapposizione a certi idioti, che ora inneggiano al fascismo come la soluzione per ridare dignità a questa disastrata Italia. Quante volte sento dire " ci vorrebbe il duce" un solo uomo che comanda. L'unica cosa, che mi spinge a non augurare ad alcuni connazionali la tanto desiderata sutuazione , è la consapevolezza che i primi a pagarne le conseguenze sarebbero soprattutto le persone come me. Gente che crede nei valori della Costituzione e della Democrazia.

Commenti

articolo21 ha detto…
Bocca è un grande giornalista e democratico senza ombra di dubbio. E' stato partigiano e capisce il valore della libertà. Però dovrebbe sempre ricordarsi di quando, nell'estate del 1942 in “La provincia granda”, scriveva: "Questo odio degli ebrei contro il fascismo è la causa prima della guerra attuale. La vittoria degli avversari solo in apparenza, infatti, sarebbe una vittoria degli ebrei. E quale ariano, fascista o non fascista, può sorridere l'idea di dovere, in un tempo non lontano, essere lo schiavo degli ebrei?". Rimane la giusta riflessione che oggi pone.
Silvia ha detto…
Già, ci rivorrebbe di nuovo il Duce, certo! Guarda, io lo farei proprio tornare per far appurare personalmente ai nostalgici se quel tempo, quel regime fosse l'idillio che tanto rimpiangono. Non c'è niente che sia peggiore al mondo dell'ignoranza che ti fa parlare a sproposito di cose di cui non sai, di cui non comprendi il peso e la Storia. Quindi io sarei curiosa di far provare tutto ciò a quei nostalgici... Ma, vero, la restaurazione di tale regime sarebbe una condanna per noi che crediamo a ben altri valori: ossia al valore della Democrazia e della Costituzione.

... Ma a ben rifletterci, pure senza il ritorno del Duce, vista la situazione attuale, noialtri non ne paghiamo comunque le conseguenze di questo "sistema Italia" ottuso e corrotto che abbiamo sotto gli occhi?
Ciao!!

Visita questo link, http://www.recensioniblog.com/

Serve per avere una recensione del proprio blog. Secondo me è molto utile.

A presto!
il Russo ha detto…
E' incredibile come a distanza di sessant'anni vengano sempre ricordate certe minchiate scritte da Bocca per screditare le sue uscite decennali antifasciste e mai il periodo che Giorgio trascorse sui monti a combattere con i partigiani l'allora regime, mah, é una moda che lanciò Sgarbi dall'arma contro il dissenso televisiva che prendeva il nome di Sgarbi Quotidiani alla quale non mi associo.
Per il resto leggo Bocca con frequenza da un quarto di secolo, uno spirito libero che non ebbe timore di tifare la prima Lega durante il disfacimento politico a cavallo fra la fine degli '80 e l'inizio dei '90, di dichiararsi fra i primi in Italia antimondialista e di battere sull'antifascismo mentre Violante iniziava a parlare di ragazzi di Salò e quello di Bocca sembrava esagerato quando lui paventava pericoli di ritorno al fascismo.
Negli ultimi anni Bocca fà articoli che parlano di poveri dcontro capitalismo, di democratici contro fascisti, di storici contro ignoranti.
Non stare dalla sua parte vuol dire essere contro la storia.
E' indubbio che scrivere che l'antifascismo ha tutte le colpe di quanto accade ora è un po' grossa.

Certo, bisogna anche essere onesti e riconoscere che esiste una certa faziosità anche di sinistra e questa, per il bene della sinistra stessa, va sconfitta, debellata.

Proprio per evitare che poi l'altra parte possa usare questi punti deboli per attaccare....
natale ha detto…
SoL lo leggo domani che nel viaggio di ritorno mi son beccato il raffreddore e mi fa un male boia la capa!!!
Danx ha detto…
Duce o non duce gli italioti son ben felici di dare tutto il potere possibile in mano ad una sola persona, come ora con Berlusconi, affinchè faccia tutto il possibile lui.

Lui che incarna le loro speranze o semplicemente lui a cui viene dato il "lascia passare" per aumentare il nostro menefreghismo, in modo da evitare di impegnarci un pochetto per capire la società e attuare piccoli o grandi cambiamenti che siano.

A me invece non piace prendere comandi dall'alto e cerco di recepire e fare miei alcuni buon dettami, ad esempio sui consumi, ecc., da persone comuni o da scienziati.

I politici son gli ultimi che considero!!!!!
Alligatore ha detto…
Bocca nella sua vita può aver detto e scritto anche cazzate, ma resta un grande penna italica e quello che scrive e dice nell'ultimo periodo è da sottoscrivere. Stesso discorso può valere per il buon Mario Monicelli; entrambi schierati a favore de il manifesto, in questi giorni in una crisi pesante grazie al decreto Tremonti.
Andrew ha detto…
Bocca buon giornalista
buona domenica

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…