Passa ai contenuti principali

EDUARDO GALEANO

La cosa incredibile di questo nostro mondo, è che le macchine comandano gli uomini e i pazzi comandano i ciechi.

La salute mentale è uno stato transitorio, che non prelude a nulla di buono.

Eduardo Galeano

Qui a Mantova, è tempo di festival della letteratura, una rassegna annuale che fortunatamente sembra riscuotere sempre più successo. Ieri sera, ho partecipato alla presentazione del libro di Eduardo Galeano, scrittore e giornalista uruguaiano. Il titolo è:" Espejo" in italiano specchio e uscirà nelle librerie il 21 Ottobre. Devo dire che in questa Italia da Lucignolo, Grande Fatello e aspiranti veline, trovarsi difronte questo grande scrittore un po' di soddisfazione la offre. Gli argomentati trattati sono stati molteplici: le elezioni americane, si è parlato di donne ai tempi in cui venivano considerate innaturali alla politica, razzismi, la fame nel mondo, la questione latinoamericana, le guerre ma soprattutto l'importanza di mantenere quella facoltà di dissentire senza la quale tutto muore. Muore... perchè il male di questo nostro tempo si può considerare l'oblio, la gente infatti dimentica troppo spesso e troppo in fretta. Se prendiamo in esame il ventesimo secolo, è partito con grandi aspettative ma è stato macchiato anche nella sua conclusione da troppo spargimento di sangue. Purtroppo, facendo i conti con la realtà , bisogna ammettere che anche il secolo corrente è iniziato nei peggiori dei modi. Il bello di questo personaggio a mio avviso, è che in queste due ore di incontro è riuscito a parlare di avvenimenti anche tragici, sempre riuscendo a condirli con quel pizzico di ironia mai offensivo o irrispettoso. Parlando di razzismi, ho provato un po' di vergogna per le politiche del governo tra l'altro bacchettate da lui in modo sarcastico dicendo che in fondo, siccome l'umanità è nata in Africa, siamo tutti immigrati. Si è discusso di emarginati, ha raccontato di quella vicenda accaduta nel '44 quando in una notte 2897 gitani, donne, bambini, uomini, divennero fumo nelle camere a gas di Auschwitz. Ha parlato dei media, la cui informazione molte volte stride con la realtà, dell'indottrinamento indotto che porta molte persone alle urne a fare la scelta sbagliata ( in questo caso bacchettati americani e italiani, perchè sbagliare una volta è lecito, ma la seconda, terza o quarta vuol dire che è il popolo ad essere malato). E poi dell' imperialismo, di tutte quelle parole che finiscono con "ismo" come il male da debellare per raggiungere un mondo dove la parola pace, non sia usata per sterminare popoli. Perchè la razza umana, è molto più bella di come ce la descrivono.

E stasera, si replica con Serge Latouche , perchè per uno schiavo forzato come me, la cultura è fondamentale.

Commenti

natale ha detto…
Ho l'impressione che questo libro lo comprero' grazie della segnalazione...
Franca ha detto…
Me l'ha segnalato anche mia figlia che è un'appassionata di queste iniziative.
Lei se le fa tutte: questa di Mantova, il Festival della Mente di Sarzana, il Festival della filosofia di Modena, e così via...
Marte ha detto…
A volte ci dimentichiamo della bellezza insita nel genere umano. Purtroppo troppo spesso si perde dentro cicli distruttivi. Ma per fortuna esiste una riserva considerevole di spiriti votati alla creazione e all'impegno. La vera pazienza si esercita nella ricerca di buoni esempi, capaci di fornire strumenti utili per le ns più intime riflessioni.

Un abbraccio
Pipoca ha detto…
Eduardo Galeano andrebbe riscoperto, anche per i suoi vecchi di battaglia, sempre istruttivi, ed i suoi studi sull'america latina.
calendula / trattalia ha detto…
Non conoscevo quedto autore... cercherò qualcosa. Grazie per l'informazione, buona serata.
Lucia Cirillo ha detto…
Noooo avete avuto pure Latouche!!!! Il mio mito assoluto quando leggo di decrescita felice. Lo sai, le mie due destinazioni lombarde sarebbero con tutta probabilità Mantova o Como...a questo punto non posso che augurarmi di capitare nella tua città se questo è il livello delle iniziative che mettete in piedi (oltre che per te, naturalmente :)). Un caro saluto mio fortunatissimo amico
Evviva Eduardo Galeano!
articolo21 ha detto…
Approfondirò la conoscenza. trovo interesse.
alfa ha detto…
Grazie per la segnalazione, il libro sembra davvero interessante.
Purtroppo, per l'ennesima volta, ho perso e sto perdendo il Festival di Mantova... è tanto che voglio venirci ma anche quest'anno è saltato...
C'erano un sacco di cose interessanti, tra cui Pedro Lemebel a presentare il suo ultimo libro! Uff...
luce ha detto…
Caro Marco, grazie della segnalazione.Sono una divoratrice di libri ( quando lavoro e figli me lo consentono ) e apprezzo tantissimo gli autori latino americani: hanno il calore e il colore di quelle terre oltre anche ad un grande senso di Umanità ( nel bene e nel male) più appassionato, rispetto a noi europei freddi e conquistatori.
Poi noi italiani,lasciamo perdere va, è dai tempi di Dante che siamo banderuole :" non Donna di provincia ma bordello" diceva il Sommo Poeta, figurati come siamo inguaiati!!
Me no male che almeno qualcuno ( come te e il resto della comitiva) cambia la media nazionale!
Ps complimenti alla tua città: io sono di Bari e non abbiamo questo tipo di iniziative ed è un peccato.
Buon fine settimana e un abbraccio e bacio connesso.
Beato te che sei così vicino per assistere a questi eventi.

PS: chissà magari un giorno ci sarò anch'io come ospite a quel festival... magari :-)))
Silvia ha detto…
Grazie per la segnalazione, caro: prendo nota!

***

Faccio eco agli auspici di Daniele: voglio venire anch'io al festival in questione... come autrice....

;-))

PS: magari di ritorno da Stoccolma... che ne dici, caro??!!

;-)
Gatta bastarda ha detto…
uffa e io non ho tempo di venire a mantova...sigh...
il Russo ha detto…
Vedi la fortuna di abitare a Mantova? La città é già di per sè un gioiellino, in più ogni anno ti becchi un popò di manifestazione del genere!
stella ha detto…
Russo potremmo andarci insieme e conosceremmo pure marco. Che bello sarebbe !
luce ha detto…
Iniziativa davvero interessante qui da noi di culturale c'è veramente poco e quel che c'è è poco pubblicizzato, certe volte vorrei poter organizzare (attraverso la Consulta giovanile) anche qui, qualche iniziativa del genere ma questo paesino è strano, la gente infingarda e tutto difficile da realizzare.
Anonimo ha detto…
la solita propaganda bolscevica. tutte le scuse sono buone per dare addosso al miglior governo della storia della repubblica.
riri ha detto…
Ciao Marco,la tua città oltre ad essere bella offre molto..
Una persona come te è sempre libera.
Sinceramente.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Lucia: la cosa mi farebbe solo piacere.
Un caro saluto.

Daniele: io te lo auguro con tutto il cuore. Sarei sicuaramente li in prima fila a guardarti.

Silvia: anche per te, te lo auguro con tutto il cuore. E poi, una volta di ritorno da Stoccolma non pot4ranno non invitarti.

Ciao un caro saluto.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…