Passa ai contenuti principali

L' UNICO RAMMARICO

L'unico rammarico del Festival letteratura, è non essere riuscito a vedere Saviano perchè erano finiti i biglietti. O per meglio dire, l'ho visto ma non sentito. Sembra, che tra il pubblico abbia riconosciuto avvocati di camorristi.




Nessuno deve sentirsi escluso.






Grazie per l'impegno Roberto.

Commenti

♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
pensa l'assurdo,uno scrittore come Salman Rushdin(spero d'aver scritto giusto,ho tutta la nottata sulle spalle di lavoro e fra un po vado a dormire)nonostante le minacce dei faondamentalisti è ancora li e sembrano essersi acquietai i sui nemici)senza urlarlo troppo)
Saviano credo che dovra' convivere per anni anni e anni e anni,la camorra è come la mafia ,forse anche peggio,NOn dimentica e quando meno te lo aspetti...
lui ha il vero volto del cristo sofferente che da per scontato quale sara' la sua fine,
speriamo che l'aver scoperchiato tanta merda non gli sia fatale,daltronde se non ci possero uomini cosi coraggiosi come farebbe la magistratura????
per quanto di errori ne fanno anche loro,il libro è stato difficile da digerire ma alla fine ce l'ho fatta e direi che è quasi ora di rileggerlo.NOn so se anche a te è mai successo ,ma spessissimo quando rileggo un libro,magari con avidita'(esattamente come scrivo) mi ritrovo a soffermarmi su punti in teoria gia letti ma a cui non avevo dato troppo peso o di cui non ricordo e alle volte alla seconda o addiruttura terza rilettura lo vedo sotto una luce diversa.come i film,spesso sono capace di rivederli piu e piu volte alcuni addirittura oltre la decina e+-Evidentemente il mio stato totalemente
a)logorroico
b) pantagrulico)
c) voglioso di conoscenza,
mi porta a riivedere e a rileggere(anche a ri-fare) piu volte lo stesso percorso,non avro' mica la sindrome di pollicinio????????????????
gabrybabelle
luce ha detto…
Saviano sa che ha detto cose che fanno male,ma che sono vere e terribilemnte reali ( ho dei carissimoia mici campani e quindi so...) e ha avuto il coraggio di dirle, proprio nello spirito del l'"IO SO" di Pasolini, che poi è quello che gli intellettuali impegnati e sensibili dovrebbero fare.
Sai, gabrybelle, anche io rileggo i libri un paio di volte come minimo e ogni volta è diverso, perchè siamo noi diverse e la vita, che a strati ci ricopre, ci fa sempre nuovi, sempre diversi anche più capaci di capire.

Un caro saluto al padrone di casa.
Anonimo ha detto…
Solo per saluto,
Gap
Silvia ha detto…
E' un eroe, non so che altro aggiungere. Ammirazione, immensa ammirazione.
Punzy ha detto…
Grazie davvero Roberto, hai coraggio da vendere
stella ha detto…
L'ho apprezzato molto. Ho visto la notizia al tg.
il Russo ha detto…
Grazie mille Roberto, alla faccia dei picciotti come Fede che sputano infamie contro di te dal loro immeritato palco televisivo.
natale ha detto…
Grande saviano...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Gabry, io il suo libro l'ho letto, riletto, e ho visto anche il film.
Quindi non sei l'unica.
grazie...
Andrew ha detto…
grande roberto saviano!
Gatta bastarda ha detto…
grazie roberto!
Anonimo ha detto…
Dire grazie a Roberto mi sembra poco,gli auguro che lo proteggano bene e possa vivere a lungo.

Ciao,
aria

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…