Passa ai contenuti principali

L' UNICO RAMMARICO

L'unico rammarico del Festival letteratura, è non essere riuscito a vedere Saviano perchè erano finiti i biglietti. O per meglio dire, l'ho visto ma non sentito. Sembra, che tra il pubblico abbia riconosciuto avvocati di camorristi.




Nessuno deve sentirsi escluso.






Grazie per l'impegno Roberto.

Commenti

♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
pensa l'assurdo,uno scrittore come Salman Rushdin(spero d'aver scritto giusto,ho tutta la nottata sulle spalle di lavoro e fra un po vado a dormire)nonostante le minacce dei faondamentalisti è ancora li e sembrano essersi acquietai i sui nemici)senza urlarlo troppo)
Saviano credo che dovra' convivere per anni anni e anni e anni,la camorra è come la mafia ,forse anche peggio,NOn dimentica e quando meno te lo aspetti...
lui ha il vero volto del cristo sofferente che da per scontato quale sara' la sua fine,
speriamo che l'aver scoperchiato tanta merda non gli sia fatale,daltronde se non ci possero uomini cosi coraggiosi come farebbe la magistratura????
per quanto di errori ne fanno anche loro,il libro è stato difficile da digerire ma alla fine ce l'ho fatta e direi che è quasi ora di rileggerlo.NOn so se anche a te è mai successo ,ma spessissimo quando rileggo un libro,magari con avidita'(esattamente come scrivo) mi ritrovo a soffermarmi su punti in teoria gia letti ma a cui non avevo dato troppo peso o di cui non ricordo e alle volte alla seconda o addiruttura terza rilettura lo vedo sotto una luce diversa.come i film,spesso sono capace di rivederli piu e piu volte alcuni addirittura oltre la decina e+-Evidentemente il mio stato totalemente
a)logorroico
b) pantagrulico)
c) voglioso di conoscenza,
mi porta a riivedere e a rileggere(anche a ri-fare) piu volte lo stesso percorso,non avro' mica la sindrome di pollicinio????????????????
gabrybabelle
luce ha detto…
Saviano sa che ha detto cose che fanno male,ma che sono vere e terribilemnte reali ( ho dei carissimoia mici campani e quindi so...) e ha avuto il coraggio di dirle, proprio nello spirito del l'"IO SO" di Pasolini, che poi è quello che gli intellettuali impegnati e sensibili dovrebbero fare.
Sai, gabrybelle, anche io rileggo i libri un paio di volte come minimo e ogni volta è diverso, perchè siamo noi diverse e la vita, che a strati ci ricopre, ci fa sempre nuovi, sempre diversi anche più capaci di capire.

Un caro saluto al padrone di casa.
Anonimo ha detto…
Solo per saluto,
Gap
Silvia ha detto…
E' un eroe, non so che altro aggiungere. Ammirazione, immensa ammirazione.
Punzy ha detto…
Grazie davvero Roberto, hai coraggio da vendere
stella ha detto…
L'ho apprezzato molto. Ho visto la notizia al tg.
il Russo ha detto…
Grazie mille Roberto, alla faccia dei picciotti come Fede che sputano infamie contro di te dal loro immeritato palco televisivo.
natale ha detto…
Grande saviano...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Gabry, io il suo libro l'ho letto, riletto, e ho visto anche il film.
Quindi non sei l'unica.
grazie...
Andrew ha detto…
grande roberto saviano!
Gatta bastarda ha detto…
grazie roberto!
Anonimo ha detto…
Dire grazie a Roberto mi sembra poco,gli auguro che lo proteggano bene e possa vivere a lungo.

Ciao,
aria

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…