Passa ai contenuti principali

IL VOLTO DI UN' ITALIA DA RIFARE

Roma, scritte nazi su lapidi martiri Fosse Ardeatine

ROMA (14 settembre) - Scritte naziste sono apparse questa mattina nel muro sotto le lastre di marmo che in piazza Ledro, nel quartiere Trieste a Roma, ricordano due martiri delle Fosse Ardeatine. Nello stesso punto di quelle apparse, e poi cancellate dal Comune, qualcuno ha tracciato con una bomboletta spray le scritte: «Onore alla Rsi. Fini Partigiano».Ieri, sotto le lapidi commemorative di Luigi Pierantoni e di Raffaele Zicconi, era apparsa la scritta «Onore alla Rsi» e le due lapidi erano state imbrattate con vernice nera. Un'azione condannata dal sindaco Gianni Alemanno, che lo aveva definito un «gesto vile» disponendo che l'ufficio decoro urbano le cancellasse subito la scritta dalla facciata del palazzo.Il sindaco ha chiesto al comandante provinciale dei carabinieri, Vittorio Tomasone, di aumentare la vigilanza nella zona.


Fonte il Messaggero l'articolo potete trovarlo Qui

Giovane di colore ucciso a sprangate a Milano, fermati due uomini

E' morto nel primo pomeriggio, all'ospedale Fatebenfratelli, Abdul G., 19 anni di colore, originario del Burkina Faso e con cittadinanza italiana, aggredito stamani a colpi di spranga a Milano da due uomini in via Zuretti, non distante dalla Stazione Centrale. Due uomini sono stati fermati dalla polizia.
Abdul G., con cittadinanza italiana, era stato aggredito stamani a colpi di spranga in una zona non distante dalla Stazione Centrale. La vittima era stato accusata di avere rubato della merce dal furgone bar degli aggressori. Ne era nata una lite, accompagnata anche da insulti razzisti da parte dei proprietari del furgone e da colpi di spranga che avevano ferito alla testa Abdul.
Secondo le prime ricostruzioni, i due aggessori, uno intorno ai 25 anni, l'altro, un adulto sulla quarantina, sono passati alle vie di fatto e hanno cominciato a colpire il giovane e a lanciare epiteti razzisti: "sporchi negri vi ammazziamo". Gli aggrediti sono riusciti ad annotarsi parte della targa del furgone.

Fonte Rainews24

Senza parole, solo l 'amarezza di vivere in un paese irriconoscibile.

Commenti

Franca ha detto…
Ecco il risultato di certe frasi e di certi atteggiamenti.
La gentaglia si sente incoraggiata e protetta...
il Russo ha detto…
Perchè non chiamarlo paese di merda? Ma si, invitiamo Priebke a fare il presidente di giuria, un cattivo maestro come lui cosa potrà generare?
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Russo, perchè stiamo andando ben oltre la merda.
Anonimo ha detto…
Carissimo,
oggi non è certo un giorno sereno. Non ti ripeto ciò che ho scritto dal Russo. Ma occorre tenere duro perchè questo è solo l'inizio.
Ciao Gap
Pipoca ha detto…
Oggi per curiosità ho cercato dei blog che inneggiavano al fascismo, non te li consiglio.

Ho visto poi le targhe rovinate e le frasi di supporto.

Le frasi di solidarietà che hanno riportato sui giornali mi sembrano un gran bella presa in giro, non sono queste frasi le cose di cui c'è bisogno.
C'è bisogno di altro.
Ma non so più succederà.
Silvia ha detto…
Oddio, cosa sta succedendo, cosa?

La memoria dei morti non ha più alcun valore?

:*-(
♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
sono stai arrestai ma NOn mi acquieto,basta sentire che dice De corato(in forza ad A.N.) E come danno la notizia al tg 5,che schifo-Stanno lavorando sulle menti delle persone,persino le persone piu miti ormai la pensano da leghisti news fascisti di
era berlusconiana
tommi ha detto…
la notizia del ragazzo ucciso a sprangate oggi mi ha veramente scosso. spero veramente che riescano a prendere quei bastardi e che anche in questo caso i ministri invochino una condanna esemplare.
nel frattempo ti ringrazio tanto quanto il russo per il tuo ultimo commento (a cui ho risposto in maniera più esaurente sul blog) al post sullo zimbabwe.
avete colpito nel segno il mio scopo.
tommi
Anonimo ha detto…
è un regolamento di conti fra extracomunitari sono cose che capitano quando ste persone si rifiutano di conformarsi alla nostra civiltà.

volevo dire una cosa ad una certa elena che mi ha scritto nell'altro tread. cara elena tu sei anarchica mi par di capire. ma lo sai che l'anarchica è caos e principale artefice delle guerre nel mondo?? informati va pure te!!!

e tu signor schiavi o liberi hai finito di attaccare il governo mostrando la faccia di un Italia razzista che non esiste!??
di gente che si ammazza per strada per regolamento di conti ce ne sono parecchi! cosa vuoi dimostrare!!

belli miei qui o nuotate o affogate! il futuro si chiama Berlusconi abituatevi all'idea e piantatela di frignare come dei verginelli!!!

ordine, disciplina, sicurezza

questa è l'Italia che voglio


francesca
Gatta bastarda ha detto…
si esatto... benvenuti in un paese di merda...
elena ha detto…
Francesca, normalmente quando uso una parola ne conosco il significato... ma tu il significato di anarchia dove l'hai letto? Quali testi ti sei studiata per arrivare ad una definizione così... banale?
Invece di "informarti" ascoltando fidobau, vedi di leggere qualche libro... potresti cominciare con "la morale anarchica" di Kropotkin. E' piccolo e dovresti farcela...

Quanto poi al regolamento di conti tra extracomunitari, chi te l'ha detto, sempre fidobau? Perché tutti gli altri giornali on line parlano di "aggressori: padre e figlio italiani"...
togliti il paraocchi, va'...
e per quel che mi riguarda, tranquilla: continuerò a nuotare. Controcorrente. Fino a quando questo governo e l'egoismo che contraddistingue certi individui verrà sconfitto e l'Italia tornerà ad essere un paese CIVILE e LIBERO.
Pipoca ha detto…
Sorvoliamo sul dettaglio del doversi conformare ad una 'presunta' civiltà (che il termine è pure usato impropriamente qui), ma sorvoliamo pure sull'uso del termine anarchico, come giustamente ha già osservato Elena (addirittura basta l'uso di un buon dizionario), che per quanto riguarda la guerra, poi, ecco, anche lì avrei bisogno di un approfondimento del concetto, ma sorvoliamo, sorvoliamo anche sull'uso della parola extracomunitario, un italiano extracomunitario, ottima deduzione... insomma, il nostro non è un paese razzista... no, in maniera più assoluta, certo, se escludiamo gli stranieri, i gay e i comunisti, no, effettivamente non è razzista.

Be' Marco, non c'abbiamo capito proprio un cazzo, noi, in confronto altri han capito proprio tutto... in effetti obbedire obbediscono, e ti riportano pure il legnetto quando glielo lanci e se gli dici toh c'è un asino che vola, alzano tutti gli occhi al cielo e gli fanno pure la foto, che se non si vede l'asino poi, sarà colpa di qualche extracomunitario che l'ha rubato.
Andrew ha detto…
che schifo di paese!

un pensiero al povero Abdul
Punzy ha detto…
Buongiorno.
Qieste notizie, gia lette in rete, mi hanno abbastanza sconfortata.

Un consiglio per tuti, non rispondiamo, per nessun motivo, alla cosidetta Francesca.
facciamola stufare di venire qui

qualsiasi insulto, qualsiasi suo ragionamento, qualsiasi provocazione, da questo momento ignoriamola, anche se verra' nei ns blog a provocare in qualche modo, lasciamola li a parlare da sola

Risposta non violenta e "zen" alle suae provocazioni

Purtroppo, si puo' parlare anche cosi': senza vedere, senza vedere dove vano a finire le parole
VS. Punzy
elena ha detto…
@Punzy: io non sono molto d'accordo sul non rispondere... ma se questa sarà la decisione di SOL, mi ci adeguerò tranquillamente.
Non è che mi piaccia litigare... è solo che non trovo giusto che codesti individui, che già si sono allargati troppo con TV e giornali, possano andare a concionare senza contraddittorio anche in posti - tipo questo blog - in cui vengono esposti punti di vista che non sono i loro.
E' normale, certo. Infatti parlano di "ordine, disciplina e sicurezza", non di dialogo, confronto, libertà e democrazia!
Se per caso passasse di qui un "indeciso" e leggendo le versioni (ma anche i toni) di Francesca e le risposte e decidesse che forse il potere non è poi così giusto, sarebbe già un risultato.
Noi vorremmo che ognuno usasse il suo cervello, qualcun altro invece auspica consenso coatto: certo si fa fatica a ragionare, ma siamo uomini o caporali??? :)
omega ha detto…
E aspettiamocene altre, di morti del genere. E' una routine abominevole, perchè non si fa niente, nemmeno quando ci scappa il morto.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…