Passa ai contenuti principali

LO SCONTO CHE CAMMINA

Mi ero ripromesso tempo fa di parlarne, ma poi i vari avvenimenti me lo hanno impedito. Adesso, grazie al blog TRABOCCO MENTALE ho l'occasione di farlo. Questa di cui vi parlerò, è un'iniziativa che prende il nome di ArcipelagoSCEC .

PROGETTO SCEC. COS'E'?

L'associazione distribuisce gratuitamente a tutti gli iscritti una quota di SCEC che potrà essere spesa nei negozi convenzionati, e per pagare i servizi che gli tutti gli altri associati offrono (lezioni private, baby sitting, riparazioni, lavori artigianali, ecc.).

Ad esempio, effettuando una spesa di 10 euro in un negozio convenzionato che accetta gli SCEC al 20%, alla cassa verrà riconosciuto un abbuono sul prezzo di 2 euro. Dunque si pagheranno 8 euro e 2 SCEC.

I vantaggi nell'utilizzo dello SCEC sono per tutti: scopri i 10 buoni motivi per usarlo!

Per ricevere gli SCEC puoi iscriverti contattando una delle ISOLE affiliate.

Tratto dal sito CENTROFONDI

Questo progetto, nato da un gruppo di persone volontarie, si prefigge lo scopo di rendere possibile la circolazione di una moneta complementare all'Euro, che possa aiutare ad alleviare i dolori causati da questa globalizzazione sempre più selvaggia. Come tutti voi sapete, questo processo ha distrutto le economie locali, ha impoverito la gran parte delle persone a discapito di una minoranza, che invece si è arricchita a dismisura. Perchè quello che noi molto semplicemente chiamiamo guerra tra poveri, non è altro che la suddivisione di briciole lasciate dai potenti. Considerando che al mondo ci sono circa 200 milioni di schiavi, la tecnologia e la scienza vengono utilizzate per alienare l'uomo al lavoro invece che migliorarne le condizioni di vita, il turbocapitalismo che caratterizza questi anni ha fallito. Siamo circondati da grandi ricchezze, ma il nostro tenore di vita a livello umano è notevolmente peggiorato. Lo stress, i rapporti umani, il tempo libero e tutte quelle amenità che rendono la vita degna di essere vissuta, vengono trascurate in nome di una corsa senza senso la cui fine inevitabile è l'autodistruzione.
Ebbene...tutto questo avviene anche grazie alla moneta infatti la BCE, essendo un organismo privato e quindi non eletto democraticamente, ha la possibilità di creare inflazione o deflazione a seconda della quantità di denaro che emette in circolazione grazie al tasso di interesse.
Lo scopo di questo progetto, è creare comunità locali per le quali la moneta complementare, possa essere d'aiuto nel combattere lo spettro dell'inflazione che costantemente erode i nostri salari. E' un modo per restituire quella solidarietà, che troppo facilmente abbiamo perso per la paura del domani.

Commenti

riri ha detto…
Grazie Marco dell'informazione,è un progetto molto interessante.
Ti auguro una buona notte.
Sei una persona speciale.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Grazie Riri. E' sempre bello rivederti nel blog.
Buona notte.
Un caro saluto.
Franca ha detto…
Avevo letto questa informazione e ritengo l'iniziativa molto interessante...
♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
IL Progetto puo essere interessante,nella misura in cui i negozi affiliati siano del genere in cui si trovano le cose che uno vuole e sopratutto che non siano troppo lontani da casa,vado a vedere bene il sito
ciao marco,gabrybabelle
natale ha detto…
Grazie dell'informazione... Progetto interessante...
articolo21 ha detto…
Feci un post su questa cosa diverso tempo fa. Ritengo sia una via di fuga necessaria.
Conosco questi progetti ne ho sentito parlare anche in alcune trasmissioni già un anno o due fa se non erro.

L'idea può essere perseguibile se considerata a mio avviso come elemento da affiancare al denaro e non sostitutivo.

Credo che la soluzione più equa sarebbe una seria redistribuzione di ricchezza e fermare gli sprechi.

Ma questa è un'altra storia che chi conta non ha voglia di ascoltare...
Pipoca ha detto…
Ciao,
io ne penso bene... assolutamente.

La bellezza sta anche nel fatto che la moneta non crea debito.

Anche le aziende vi possono aderire.

Paoletti è sicuramente un ottimo economista, oltre che una persona di cuore e molto sensibile.

Hanno aderito al progetto anche vari comuni.

Anche io ho messo il link nel sito, ma sicuramente leggere Paoletti è molto più istruttivo.

Per ulteriori curiosità, io, per quel che posso, posso contattare Paoletti.
Se gruppi, associazioni o chi vuole, alcuni fondatori dell'associazione arcipelago vanno anche a fare conferenze.

In ottobre si terrà un incontro di due giorni a Rimini, in cui alcuni del collaboratori interverranno con relazioni.

Scusami se sono stata un po' rapida... appena ho più tempo ti contatto e ti scrivo con tutta la calma e l'attenzione che meriti.

Un saluto fuggente!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…