Passa ai contenuti principali

LA VERA EMERGENZA E' L'IGNORANZA

Devo ammetterlo: per uno come me che gira con moneta del Che Guevara nel portofoglio e la mattina va al lavoro con in testa l'Internazionale socialista in russo ( si in russo, non che sappia cantarla, ma non so il perchè mi vengono le parole in quella lingua) vivere in Italia in questo momento sta diventando veramente terribile. Ogni giorno è una lotta, cerchi di creare e diffondere coscienza dei problemi incazzandoti, facendo dibattiti in tutti i luoghi possibili, ma a volte l'ignoranza raggiunge livelli abissali. Mi sono sentito rispondere di tutto:

Ho votato sinistra: Alleanza Nazionale ( è vero non sto scherzando)

Se non ci fossero gli americani ci sarebbe la mafia.

A voi comunisti non interessa niente dei poveri, li sfruttate per i vostri interessi. Noi della Lega invece, ci preoccupiamo dei bisognosi.

Quando hanno eletto Napolitano e Bertinotti: prima i comunisti mangiavano i bambini, adesso sono al governo.

La destra si preoccupa dei lavoratori, la sinistra parla parla ma alla fine non fa niente.

Va bene, smetto perchè altrimenti spacco la tastiera. Il bello è che sono tutte frasi dette con una convinzione da lasciar senza parole. E noi che ci preoccupiamo di curare il più possibile i nostri blog con cultura e informazione. Diciamolo: per il livello medio degli italiani, siamo troppo avanti.

Per alcuni, la cultura in questo paese si è fermata qui:



Verrebbe da rassegnarsi e lasciarsi travolgere da tutto ciò. Però, cari amici, il mondo e la storia è fatta anche di uomini che hanno lottato per raggiungere ciò in cui credevano.

La storia siamo noi, quante volte questa frase è sembrata una beffa: schiacciati sotto il peso di un sistema che svilisce qualsiasi diversità, che appiattisce coscienze dove tutto sembra essere già stato deciso. Ma qualcuno però, ha dimostrato anche pagando con la vita, che l' impegno e il sacrificio possono incidere.

Prima o poi arriva l'ora in cui bisogna prendere una posizione che non è né sicura, né conveniente, né popolare; ma bisogna prenderla, perché la coscienza dice che è giusta.

Martin luter King

Siamo impopolari, la nostra posizione non è sicura, ma la nostra coscienza, assieme alla voglia di giustizia, ci hanno fatto scegliere ciò che riteniamo giusto. E in questo serve comunque coraggio.


Queste sono le mie ultime parole e ho la certezza che il mio sacrificio non sarà vano.Ho la certezza che, per lo meno, ci sarà una lezione morale che castigherà la vigliaccheria, la codardia e il tradimento.

Salvador Allende

Ieri molti di voi hanno ricordato l'altro 11 Settembre, quello che è significato la fine di un sogno e l'inizio di un incubo per il popolo cileno e per tutti quelli che nel mondo, anche a quei tempi, credevano in qualcosa di diverso.

Facciamoci i promotori del ricordo di quella lezione morale. Non può e non deve finire così.

Non vi è alcuna strada facile per la libertà.

Nelson Mandela

La libertà... non è affatto facile, per questo a volte sembra una chimera, un qualcosa di irraggiungibile.

Ogni tanto, andate a fare un giro a leggere "Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana". Se lo avete già fatto, non importa, ricordare quei sacrifici non è mai sufficiente.

Ribadisco, e non mi stancherò mai di farlo, che tuttora, questa nostra Patria, non merita la morte di quei martiri.

Io, piccolo virus in questa società, non mio rassegnerò nemmeno difronte all'evidenza.
Statene certi. Questo sistema, fondato su profonde ingiustizie nel quale anche la vita umana vale meno del denaro, avrà la mia più ferra opposizione.

Commenti

Silvia ha detto…
La sfida, la missione, direi, è proprio questa, caro: combattere per continuare a portare in giro i propri valori, il proprio messaggio nonostante la società sia ottusa, cieca e maldisposta a comprendere. La Storia ci insegna di grandi personaggi che contro tutto e tutti hanno combattuto con costanza e spesso con sacrificio per affermare le proprie idee, i propri sforzi. No, non vi è alcuna strada facile per la libertà... ma quando a distanza di anni, di fatica, di lotte vedi anche un briciolo di luce che ha fatto breccia nell'oscurità, beh, questo significa che hai fatto bene a non abbatterti a quello scoramento che stava quasi per farti desistere. Questo sistema va cambiato e PUO' essere cambiato bisogna solo avere il coraggio e la costanza per agire!

***

Dai, quello di sinistra che ha votato AN non può essere vero.... (o sì????!!!); e quello della Lega??? Personalmente, mi fanno venire il prurito solo a vederli con quelle cravatte verdi!

***

Canti l'Internazionale socialista in russo???? Sei fantastico!!!!

;-)))
Andrea De Luca ha detto…
ignoranti! Punto e basta
elena ha detto…
Decisamente abbiamo una sintonia molto grande... tutte le volte che passo di qua o leggo qualcosa di cui ho parlato anch'io, oppure trovo dei pezzi che vorrei aver scritto io... Ti copierei tutto il blog!
Grazie!
E, come sempre... RESISTERE, ESISTERE, RESISTERE!
(sarà un errore di battitura?)
Franca ha detto…
Sono stati gli uomini che credevano fermamente in ciò che gli altri giudicavano impossibile che hanno cambiato la storia.
Noi crediamo che questa società possa cambiare e facciamo del nostro meglio perchè ciò possa avvenire...
Mi unisco al grido di Elena: RESISTERE, RESISTERE, RESISTERE....
Punzy ha detto…
Buongiorno
Devo dire che cio' che dici mi trova concorde..siamo troppo avanti..sono gli altri indietro o forse il nostro cervello e' troppo in moto..
La situazione di ignoranza stagnante, veramente preoccupante quando la si nota nei giovani e nei giovanissimi e' STATA VOLUTA e COSTRUITA negli anni, dalle varie lobby di potere, che ci hanno reso docili come pecorelle e rassegnati come martiri
Il problema e' proprio questo mix di ignoranza e rassegnazione: anche ci capisce si arrende prima di combattere

Tu fai molto
Io ci provo ma forse, dato che sono piu' anzianotta di te sono solo un po' piu' stanca

la mia posizione, impopolare e pericolosa, l'ho assunta tanti anni or sono
ed e' ancora quella, nonostante tutto

baci
Anticlericale89 ha detto…
Anch'io a volte mi sento avvilita..per esempio dopo aver letto che un tuo amico ha VOTATO A SINISTRA ALLEANZA NAZIONALE!!!

Non può essere dai...

Per il resto mi rifaccio a uqualche citazione anch'io

"Le battaglie non si perdono,si vincono sempre"

"L'unica battaglia che ho perso è quella che mi sono rifiutato di combattere"

Ernesto Che Guevara

Se vogliono mettermi a tacere,fermarmi,sottomettermi,devono uccidermi.
Rouge ha detto…
"Ma a me che mi frega di Berlusconi. Io voto Alleanza Nazionale!"
Anche a me è capitato di sentire cose del genere, ma che ci vuoi fare? Più che continuare a seguire la propria coscienza e cercare di mantenersi liberi e giusti nopn possiamo. Solo che non è così facile. Sarà per questo che le cose vanno male?
Un saluto.
Anonimo ha detto…
Caro Marco, complimenti per la conoscenza del russo, lingua molto piu dolce di quello che si pensi e piu facile di quello che si immagini.
Il fatto non è che un leghista o uno di sinistra che vota a destra è sbagliato, si può cambiare idea nella vita, si può passare un periodo di insensibilità o apatia...
Le proprie convinzioni vanno però difese con esempi reali, con la pace di chi è convinto, con l'apertura a parlare per diffondere e magari convincere, e soprattutto secondo me ridendoci e scherazandoci anche un po sù.
In Italia tutto viene esasperato perchè nessuno ha la speranza che le cose migliorino, e per quella ci vuole flessibilità idealismo e tanta pazienza.
Ma anche la sinistra non ha dato e non contunua a dare il buon esempio, ma si è arrocata in un "Tutti contri tutti" sterile e poco propositivo e nel frattempo si permette alla Garavagna di mettere in galera le prostitute e i clienti, invece di cercare una soluzione alternativa ad un mestiere che non scomparirà mai, ma che andrebbe regolato con in Nord Europa ( vedi il famosissimo Babylon in Austria), ma nell'ottica della repressione inutile e sterile nessuno sta facendo niente , opposizione compresa.
Ma gli esempi sono innumerevoli.
Che fare allora? Beh, a parte cantare l'internazionale, che anch'io ho nel cuore, con i miei innumerevoli amici di destra berlusconiani e per fortuna pochi leghisti, cerco di far capire solo che siamo nella stessa barca e che fare politica non è fare demagogia, perchè quella porta ad affondarla la barca, assumendosi anche le responsabilità che sono di tutte le parti.
Sono gli italiani che più che ignoranti hanno solo voglia di dormire, tra miss Italia e la partita di Campionato sul decoder( altra truffa terribile): il resto non importa..
Io dal canto mio parlo, canto, scrivo, cerco di convincere, mi applico a che i miei piccoli siano meglio di altri piccoli e resisto impegnandomi nel mio piccolo mondo, anche parlando con te e i tuoi della comitiva e devo dire che il salotto è interessante.
La prossima volta vodka e cetriolini all'uso di San Pietroburgo e la bottiglia la finiamo tutti insieme.
Un caro e affettuosissimo saluto a te, compagno amichevole.
articolo21 ha detto…
Io concordo con questo post. Però la canzone di Endrigo. che è stato un grande poeta, aveva scopi educativi. Nun me lo trattà male :)
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
Articolo 21: era solo per sottolineare che la cultura si è fermata a quando io ascoltavo questa canzone: alle elementari.


resistere, resistere , resistere.
Pipoca ha detto…
Di fronte a certe realtà, a chi attribuire la colpa?

Vorrei ricordare, a proposito di ignoranza, che comunismo e capitalismo insieme, l'alleanza dei due opposti storici, hanno sconfitto la dittatura europea hitleriana e fascista.

O forse questi concetti son troppo complessi per chi la cultura la assimila dai mass media?

Ho postato una domanda nel mio blog... spero che la risposta non sia quella ho trovato qui: l'ignoranza, perché sarebbe veramente grave.

Un saluto
Andrea De Luca ha detto…
ti abbiamo linkato sul nostro blog! ;-)

Fai lo stesso con noi!

fammi sapere, ciao!
Matteo L. ha detto…
Concordo pienamente ed è per questo che ti contatto e son sicuro che accoglierai questa proposta:ho bisogno cortesemente del tuo aiuto e dell'aiuto dei tuoi lettori per diffondere l'iniziativa "La Terra dei Fuochi". Trovi tutte le istruzioni da me. Hai la possibilità di inserire due banner e spero anche che, trasgredendo alle regole di questo tuo blog, vorrai pure scrivere un post sull'iniziativa. Grazie mille veramente!
Alessandro Tauro ha detto…
Ho ancora un sottile flebile anelito di speranza che mi fa pensare che questo paese e questo mondo possano ancora cambiare.
Non bisogna mollare neanche mezzo secondo. Una delle battaglie principali è proprio quella di sconfiggere il più possibile questa ignoranza che consente a chi dirige la baracca di tenere buoni i popoli del pianeta.
Quella di scrivere su un blog può essere un piccolo grande passo. Nella speranza che quanto prima possa diventare un vero mezzo di comunicazione PER TUTTI.

PS: la cosa di "sinistra" e "alleanza nazionale" però è allucinante!! Ma non si possono fare i conti con cose di questo tipo...
Unknown ha detto…
Non ho parole... La cultura e l'informazione nel nostro paese sono realmente ad un livello molto basso... ma dobbiamo continuare a combattere per migliorarla sta caxxo di situazione!!!
Anonimo ha detto…
Troppo spesso la gente si affida all'ignoranza per pigrizia, studiare, leggere, informarsi è troppa fatia quindi affidano il cervello a qualcun'altro che gli dice che pensare.. questo purtroppo è troppo diffuso.
Ci parlo a volte con gente cosi' ma dopo tanto tempo a provare di farli ragionare, a volte penso di lasciarli nella loro ignoranza visto che non c'e' possibilità di cambiare qualcosa.
La cultura o cmq la voglia di conoscenza sta scemando e bisogna alimentarla, tenerla viva.
Gianna ha detto…
Questo è tutto un altro parlare,caro marco.Ieri mi avevi sconcertata...
Gianna ha detto…
Marco ho postato per te!
il Russo ha detto…
Quando mi capita di sentire certe boiate, ditemi pure che é controproducente (é da radical chic, é da supponente, é antipatico ecc.ecc.) ma le mie reazioni sono due: o gli rido in faccia o limando affanculo, con tutto l'impegno ma non riesco proprio a contenermi...
p.s. Problema tecnico: se posti un video (bello come in questo caso, Endrigo) e poi mi parte la musichetta in automatico mentre sto leggendo e si sovrappone all'audio del video, patisco una dissociazione da panico...
luce ha detto…
Se tu sei un virus voglio essere contagiata e contagiosa.
Anonimo ha detto…
Bravo Schiavi: continuiamo a lottare ed a parlarci. La sera non accendiamo la tv ma il Pc ...
Nicolanondoc ha detto…
Sono daccordo com te caro Marco...
leggendo quello che si sente in rete mi sembra di essere in parrocchia,vogliamoci bene e la vita ci sorriderà:-)
Buon fine settimana anche a te.
Ps.sentiamoci più spesso che mi fa piacere:-)
Pellescura ha detto…
Questo è un mondo in cui a essere di sinistra ci si fa il fegato grosso. Bisogna forse rassegnarsi a esseri scontenti di questa società e consolarci tra di noi :-)
Gatta bastarda ha detto…
condivido con silvia.... combattere per continuare a portare in giro i propri valori!!!

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…