Passa ai contenuti principali

MI HANNO MENTITO

Quando andavo a scuola all'età di 7 o 8 anni, mi insegnavano che l'Italia era una repubblica democratica fondata sul lavoro perchè era la stessa Costituzione a dire che ognuno aveva diritto a un lavoro dignitoso.
Poi, diventando grande e iniziando a lavorare, ho capito che sul lavoro si muore e troppo spesso lavorare non è sinonimo di dignità acquisita.

Quando andavo a scuola all'età di 7 o 8 anni, mi dicevano che tutti i cittadini erano uguali davanti alla legge perchè era la Costituzione a garantirlo.
Poi, diventando grande e iniziando ad informarmi, ho capito che chi aveva soldi e potere era più uguale difronte alla legge.

Quando andavo a scuola all'età di 7 o 8 anni, mi dicevano che commettere un reato era una cosa talmente brutta per la quale dopo si finiva in carcere.
Poi, diventando grande e iniziando ad informarmi, ho scoperto che il 95% dei reati in Italia cade in prescrizione.

Quando andavo a scuola all'età di 7 o 8 anni, per farmi paura i miei genitori mi dicevano che se avessi rubato qualcosa, mi sarebbero cadute immediatamente le mani.
Poi, diventando grande e iniziando ad informarmi, ho capito che chi ruba ha i soldi e nonostante tutto ha anche le mani.

Quando andavo a scuola all'età di 7 o 8 anni, mi dicevano che l' Italia era uno stato civile fondato sulla democrazia.
Poi, diventando grande e iniziando ad informarmi, ho capito che l'unica "democrazia" è quella del mercato e degli interessi.

Ridatemi i miei 7 anni, almeno allora riuscivo ancora a sognare.

Il 6 Settembre, le forze dell'ordine hanno fatto un nuovo bliz nel presidio del Dal Molin e sono state manganellate.
Questo è il video che riporta l'accaduto e che consiglio di guardare per prendere coscienza della crudezza delle immagini.
Intanto, leggo anche questa notizia: Berlusconi al sindaco di Vicenza: "Sulla base Dal Molin referendum inopportuno"






I tifosi distruggono treni e la fanno franca, chi lotta per i propri diritti viene preso a manganellate.
Ho capito: se rinasco, dico ai miei genitori e maestri di non prendermi più in giro.

Commenti

elena ha detto…
Bel post Marco! Più bello del mio... :)
Solo su una cosa dissento pacatamente (ma quando mai!): io i miei 7 anni non li rivoglio. Non tanto perché ero una secchia antipatica e perfettina, ma anche perché poi, crescendo, m'è venuta la convinzione che in fondo in quel periodo ero come "anestetizzata". Non capivo, non vedevo, non sentivo troppo di quel che mi avveniva intorno.
E' giusto così: i bambini devono essere tenuti al riparo da certe brutture (altrimenti invece di domande imbarazzanti tipo "come nascono i bambini", te li ritrovi a chiederti "ma che diavolo m'hai messo in questo schifo di mondo a fare?" e la risposta non è delle più facili...) - e con questo non voglio dire che bisogna farli crescere nell'ovatta, solo di avere una certa "misura", noi occidentali opulenti che ce lo possiamo permettere... per ora. Ma io mi preferisco adesso...

Comunità di intenti e di sentire, certo. Ci colpiscono le stesse notizie/mazzate. Ed è bello così!

Ci sarai il 20? Io - tranne impedimenti dell'ultimo minuto - conto proprio di andarci e sarebbe bello incontrarsi, finalmente! :)
Un abbraccio.
Farfallaleggera ha detto…
No, i tuoi genitori non ti hanno mentito anzi...è la storia successiva, i governanti successivi che ti hanno mentito, prenditela con loro, o meglio ancora con gli italiani che hanno permesso a questi governi di fare disastri, votandoli, e non mi riferisco solo all'oggi (sarebbe riduttivo) ma anche al ieri (vedi democrazia cristiana). Anche se non hai più 7 anni, non cambiare mai, continua a credere di poter cambiare questo mondo, è bello essere così....ciao giò
Lucia Cirillo ha detto…
In questo io credo di essere stata "fortunata"...quelle cose non me le hanno lasciate credere neppure a 7 o 8 anni...e oggi sono una "splendida" cinica disillusa
emanuela ha detto…
Non ti hanno mentito allora, ti stanno mentendo adesso. Quando affermano di governarti, di pensare alla giustizia, di creare posti di lavoro, ecc., ecc., ecc.
Ma noi sappiamo che le cose possono cambiare se facciamo qualcosa e il movimento di Vicenza sta lì a dimostrare che è importante battersi per i nostri ideali
sirio ha detto…
Caro marco,lungi da noi la menzogna.I miei genitori vissero la guerra sulle loro spalle e ne portarono i segni devastanti fin tanto che furono in vita. Loro,come credo tutti i genitori,non mentono con i propri figli e neppure tutti gli insegnanti con i loro alunni.
Sognare un mondo non violento e non assuefatto alle leggi del potere e del mercato si può e si deve fare,è uno stimolo a cercare il meglio,per tutti.
La tua denuncia sul blog risuona forte,chi vuole capire lo può fare benissimo...!
Pape Satan Aleppe ha detto…
Eh, si ... ce ne hanno raccontate delle belle ...
Luz ha detto…
Sì, non è piacevole diventare adulti e scoprire che quello che ci è stato insegnato nell'infanzia non corrisponde alla realtà. Ma ringrazia ogni giorno tuo padre e tua madre per aver fatto di te un "uomo" capace di distinguere il bene dal male, un uomo i cui valori sono incrollabili e che li saprà condividere con altre persone, onde che si propagano come un sasso gettato in uno specchio d'acqua. Nonostante tutto, continua ad essere "bello" come sei.
Luz
Rouge ha detto…
Brutto affare essere onesti al giorno d'oggi.
stella ha detto…
Caro marco comprendo la tua amarezza. Io non so quanti anni tu abbia,ma un tempo la Costituzione era più conosciuta dal popolo e in parte veniva rispettata. Inss e genitori, come i tuoi, credevano in ciò che ti raccontavano... Marco se ora puoi confrontarti con gli altri e hai dei valori veri,lo devi a loro, altrimenti saresti oggi una persona manipolabile e come quelli che critichiamo...
Franca ha detto…
Non ti hanno mentito allora.
Quelle cose sono vere, ma non le stanno mettendo in pratica.
E allora, fuori gli artigli e combattiamo per farle rispettare, per "abolire lo stato di cose presente"...
Anticlericale89 ha detto…
M A L E D E T T A
S B I R R A G L I A !!!!

Chi picchia dei manifestanti deve essere denunciato,la Coatituzione tutela il diritto allo sciopero e alla protesta quindi quei poliziotti sono perseguibili,almeno in base alla Costituzione.

VERGOGNA!!
Fiordaliso ha detto…
chissà se quando avrai dei figli di 7 o 8 anni potrai ancora dir loro quello che i tuoi genitori dicevano a te....
Silvia ha detto…
Oh, caro, ce ne hanno dette poche di "fregnacce" (scusa il termine...) e la cosa peggiore è che continuano ancora a dircele e a pretendere che noi ce ne convinciamo. Oggi commettere reati, ammazzare, rubare, ecc. continuano a sostenere che siano azioni da punire... ma si dimenticano di dirci che, invece, sono reati da punire secondo CHI li compie; dal momento che certe persone devono essere punite... e altre no. Non si spiegherebbe sennò perchè certi criminali vanno a spasso indisturbati...

Sarebbe bello riappropriarci dell'innocenza dei 7 anni, ma sono riusciti, infine, a violentarci anche quella rara innocenza e ora che ci rimane? La disillusione e nient'altro.

:*-(
♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
Sai Marco,quello che ti hanno insegnato a 7/8 anni era tutto vero,o perlomeno doveva esserlo.Pensa a chi come me,vivendo in una comunita' clericale,al contrario mi insegnarono certe stronzate che non sto qui a scriverle,lascio alla tua immaginazione.Mi chiedo una cosa pero'??me la sono sempre chiesta,anche ai tempi del liceo,quando scendevamo in manifestazione(era cambiato notevolemente il senso, e il genere di "educatori")
Ma se io decido e ci riesco a prenderne uno solo,uno da solo,di questi poliziotti,pensi che si comportino cosi allo stesso modo?Io non credo!Ti dira' che ma,che lui deve rispondere agli ordini,che lui ti capisce,che lui non puo' farci nulla,etc etc.Se fai caso,sono le stesse risposte che darebbe un militare in guerra,la mia domanda è.Ma allora ,se presi uno per uno,ti rispondono in quel modo,che cosa significa ? che non credono in quel che fanno?,che è solo per una misera pagnotta?giusto?In questo caso bisogna avere pieta' di loro? questo è un grande punto di domanda che mi porto appresso da quando avevo 17 anni e non s'è ancora sciolto!
Ovviamente sono esclusi coloro,che avendo in testa idee fasciste quello che fanno lo fanno
a)con cognizione di causa
b)che ci godono pure a fare quel che fanno.
c)alora anche in quel caso,
nessuna "pietas"??????
gabrybabelle
Punzy ha detto…
No, dai.
Non ci hanno mentito.
Pure loro ci credevano.
ma noi, noi cosa dobbiamo raccontare ai nostri figli? come facciamo a dargli dei valori che non esistono piu' e che se seguissero sarebbero disadattati?
Ti hanno mentito o forse... speravano che molti di noi non si arrendessero nel vedere una realtà diversa da quella raccontataci.

Forse, se noi, alcuni di noi, vogiono ancora qeulle "verità" raccontateci allora il merito è anche di chi ce ha insegnate.
pansy ha detto…
Eggià quante balle. Si sa anche che ai piccoli si possono raccontare molte cose, perchè ingenui credono a "tutto". Il problema è che le persone adulte si fanno abindolare- oggi credono a tutto. Oppure per caso gli piace essere presi per il culo?! Forse sanno che è tutto una bugia e che forse non gliene frega niente.
Mi auguro di no, perchè davanti a tanta ipocrisia e tanta falsità non si può e NON SI DEVE chiudere gli occhi e fare finta di niente.
articolo21 ha detto…
Ho visto, che vergogna. Comunque a me a 7 o 8 anni non hnno detto una minchia. Allora il mio mito era solo Roberto Pruzzo.
il Russo ha detto…
Lascia perdere, quando avevo 7/8 anni canticchiavo già Bella Ciao e mi aveva spiegato mio papà che quando era piccolo lui c'erano i fascisti ma dopo la guerra erano stati banditi per sempre dalla Legge Italiana.
Ora aprono sedi di fascisti come a Milano l'altro giorno ma la legge italiana (oggi le due parole non sle scrivo più con la maiuscola) non solo non le impedisce ma addirittura le difende caricando chi prova a far rispettare la Costituzione.
Ah, quante fregnacce che mi hanno contato, non gli avessi dato retta magari oggi avrei un suv sotto il culo e qualche scarpa consumata in meno per piazze italiane...
calendula / trattalia ha detto…
non penso che i tuoi genitori e a scuola ti abbiano insegnato menzogne, il fatto è che le cose teoriche che ti hanno insegnato in pratica non esistono, o peggio non vengono applicate!!
Pellescura ha detto…
Diciamo che era tutto un sogno, bello che ti veniva voglia di crederci...ma ora ci siamo svegliati.
Sub ha detto…
Già ti è andata bene che ti hanno insegnato quelle cose giuste. Io temo che ora in troppi si dimentichino di insegnare ciò che una volta veniva chiamato in modo militaresco coscienza civica, parola che per me ha sempre significato rispetto dell'altro perchè è un essere umano tale e quale a me.

Il filmato sul Dal Molin è aberrante. Così come aberrante è quanto è successo a milano sabato 6 settembre: manganellati gli antifascisti, ma lasciali liberi di minacciare (sopratutto i giornalisti, sono stati minacciati) i fascisti.
Ah già, non sono il male assoluto. Considerando questa ipotesi http://www.flickr.com/photos/migim959/, forse mi trovo d'accordo.
Gatta bastarda ha detto…
sono stufa di vedere manganellate..sogno un mondo senza esercito e polizia.. pura utopia ma lo sogno!
purtroppo a scuola si sà insegnano teoria non pratica anche per la vita purtroppo!
sogno anche che sia vera la frase che ho letto:
"La maestra cambia il mondo... un bimbo alla volta" perchè le maestre di oggi (molte ovviamente non tutte) cambiano i bambini non il mondo!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…