Passa ai contenuti principali

ITALIA ASSASSINATA

Nel 1979, Francesco De Gregori cantava " Viva L'italia", " L'Italia presa a tradimento, l'Italia assassinata dai giornali e dal cemento." L'Italia che aveva già conosciuto il 12 dicembre del '69 di piazza Fontana, l'8 Dicembre del '70 il tentativo di Golpe Borghese che prende il nome dal suo organizzatore, poi piazza della Loggia il 28 Maggio del '74 e Italicus il 4 agosto dello stesso anno. Era il decennio che vide la morte di Pasolini, di Peppino Impastato, Feltrinelli, Aldo Moro e del terrorismo di stato e brigatista. Tutti però lo ricordano come un decennio dove ancora regnava la solidarietà, dove ci si poteva sedere ancora accanto ad una persona sconosciuta senza venir guardati con l'attuale diffidenza. Poi, arrivarono gli anni '80, gli anni del cambiamento culturale iniziati con la marcia dei 40 mila alla Fiat di Torino; storica batosta per il movimento sindacale. Anni in cui il neo- liberismo iniziava ad inaridire la società, gli anni di Reagan e di Margaret Teacher con il loro voler subordinare il concetto di società all'individuo. Ricordo un discorso della Teacher quando affermò che la società non esiste, esistono solo l'individuo e la famiglia. E questa Italia oltre che essere assassinata dai giornali e dal cemento iniziava ad essere sconvolta dall'individualismo, dalla corruzione e da quel debito pubblico che ricordo essere esploso proprio in quegli anni. Corruzione, che portò a Mani pulite, alla nascita della Seconda Repubblica quasi un modo per cambiare tutto e non cambiare niente. Gli anni della discesa in campo di Berlusconi, delle privatizzazioni selvagge e l'inizio del lento declino italiano sia a livello economico che morale. Declino del quale tuttora stiamo pagando le conseguenze e per ora non sembra vedersene il fondo. Così... ci troviamo in questa Italia non solo più assassinata dai giornali e dal cemento, ma dalla povertà economica e morale, dall'informazione occultata e manipolata, del rigurgito fascista e dell'individualismo forsennato per il quale il fine giustifica i mezzi. Ci ritroviamo con un paese allo sbando, sommerso dai rifiuti e nella morsa di un sistema che tende a privarci anche della speranza di un futuro migliore. Segnalo l'iniziativa " La Terra dei Fuochi" della quale trovate il banner sulla sinistra del mio blog.

Perchè credo, che solo iniziando a dire la verità facendo i conti con noi stessi, si incomincerà a dare una pennellata di decenza a questo paese assassinato da anni di politiche economiche da.... è meglio che non vada oltre.

Commenti

Pape Satan Aleppe ha detto…
Si Marco, ho appena pubblicato un post con link alla terra dei fuochi ... c'è rimasta solo la rete.
Andrew ha detto…
e meglio che non vai oltre...
bel post, ciao
Anonimo ha detto…
Bel post Marco.
Buona domenica.
ciao,
aria
Anonimo ha detto…
anche in questo caso vedo che vale sempre il solito principio. Parlare male della politica, parlare di un'Italia corrotto, di informazione manipolata. Esiste una Costituzione dategli un'occhiata! è espressamente vietato calunniare le istituzioni e i politici. Per quanto mi riguarda nessuna critica può essere mossa contro Berlusconi che in qualche modo non costituisca reato penale anche grave, poiché è un modo per colpire le istituzioni e per portarsi decisamente dalla parte dell'eversione.
Tutto ciò che è stato detto su Berlusconi è frutto di una manipolazione storica sovietica messa in atto per screditare le istituzioni stesse e la Costituzione.
Come ripeto: nessuno ha il diritto di giudicare o criticare l'operato dei politici, specie se questi assicurano giustizia sociale e onestà e sono di comprovata integrità.
Trovo tutto ciò blasfemo.

francesca
Anonimo ha detto…
Costituzione della Republica Italiana.
Art. 21

Tutti hanno il diritto di manifestare liberamente il propio pensiero con la parola,
lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.
La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.......

ciao,
aria
Franca ha detto…
L'Italia di oggi non è certo migliore di quella cantata da De Gregori...
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
grazie Aria.
Un saluto e un abbraccio.
Buona domenica.
Matteo L. ha detto…
Francesca anonima capisco che tu vada a lavorare più di altri dato che li mandi a tua volta, ma un pò di tempo libero l'hai se scrivi qui. Invece di scrivere parlando di Costituzione e nello stesso tempo di Berlusconi che è un ossimoro come è noto e documentato dagli atti in materia di politica giudiziaria, guardati il sito ufficiale della "Terra dei Fuochi" e poi commenta. Se non vuoi, ci sono sempre 100 persone che puoi offendere nel mio blog, dato che hanno aderito pure loro alla diffusione dell'iniziativa.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…