Passa ai contenuti principali

TUTTO SI GUSTIFICA

Abdul G, ragazzo di 19 anni ucciso, ucciso perchè? Quanto mi piacerebbe pensare che non ci sia una risposta a questa domanda. Perchè una qualsiasi risposta in qualche modo giustifica la vicenda, perchè una mancata risposta a questo quesito potrebbe voler dire, che la violenza è al di fuori dei nostri schemi mentali per cui una vita umana spenta in questo modo è inspiegabile perchè irripetibile. Invece purtroppo una risposta c'è, anche se la maggior parte vuole mistificare la realtà, il quesito ha la sua soluzione. Ma forse qui in Italia, venir chiamati " sporchi negri" equivale a un buon giorno: non è razzismo, è solo un modo per salutare in base al colore della pelle. E poi, accendi il televisore è subito ti senti dire " ha rubato un pacco di biscotti", come se un pacco di biscotti potesse giustificare una vita. La verità è che siamo alla follia pura, l'Italia è caduta in preda alle barbarie dove basta una scintilla per far scaturire la violenza contro tutto ciò che riteniamo diverso o inferiore. Perchè noi siamo superiori, noi siamo quelli che si fanno da soli, quelli che lavorano perchè hanno voglia di lavorare e non perchè sono costretti a farlo. Loro, quei lazzaroni delinquenti parassiti che non fanno niente dalla mattina alla sera e poi non pagano le tasse, tornino al suo paese. Perchè noi siamo superiori, noi siamo quelli dello scontrino facile al bar, la fattura scontata ad ogni prestazione, quelli che rispettano la cosa pubblica perchè di tutti, quelli a cui soldi non interessano, quelli emigrati per lavorare non per rubare e soprattutto siamo sempre solidali e buoni con il prossimo. Loro invece? Aaahhh...se dovessimo dare il paese in mano a loro, chissà come e dove andrebbe a finire...
Si...peccato che quel paese lo avremmo lasciato in mano ad un italiano, ragazzo che parlava la nostra stessa lingua ma con la colpa di avere un colore della pelle diverso. Se un suo coetaneo bianco avesse fatto la stessa cosa, avrebbe ricevuto lo stesso trattamento?
Come spero che a questa domanda non ci sia mai una risposta, mi auguro che, anche in questa Italia dove si dimentica troppo in fretta, non si debba più parlare di queste tragiche vicende.

Ringrazio il blog IN CIRCOLO per il video.

Commenti

♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
le puntate della dandini non me le perdo,di solito sono dopo Report,(che fra' un po ricomincia)un'altro dei veri programmi da seguire e non di cazzate come le velinate di noto programma.
la tua frase
[[Ma forse qui in Italia, venir chiamati " sporchi negri" equivale a un buon giorno: non è razzismo, è solo un modo per salutare in base al colore della pelle. ]]

è esattamente quel che volevo scriverti e bada bene che è stato detto molto, ma molto, di peggio-Pensi che il clima exenofbo,omofobo e quantaltro predicato dai leghisti con mano ferma e pesante e l'aiuto dei forzisti fascisti non c'entri nulla?naaaaaaaaaaaaa
se leggi che cosa ho risposto sul mio post ad un'altro bloggher,che sicuramente sara' brava persona ma chiudere tutto dentro il cerchio del"comunista"oltre che qualunquismo mi pare almeno poco carino,vuol dire che i miei post non se li leggono fino in fondo,lo saltano,vanno a righe,un po qua un po la,allora mi chiedo io perchè debbo leggere tutta la roba degli altri? risposta !!!per coerenza,non capirai mia che cosa si vuole comunicare agli altri se non vai fino in fondo!!!
Il razzismo strisciante e pregnante che vige ormai in questo paese da come frutto simili gesti.
La cosa peggiore? tu scrivevi il tuo post,e il Gip convalidava gli arresti,si ,ma con una differenza sostanziale per il rinvio a giudizio,ha escluso le ragioni razziali del gesto,che avrebbe ovviamente aumentato di un terzo l'eventuale pena,gia c'è da dire "l'eventuale"
A chi mi da della comunista vorrei chiedere e se fosse successo a te,a tuo fratello ,tua sorella? mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm
gabrybabelle
♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
http://www.youtube.com/v/Jj1Bst274Bk&rel=0
Andrew ha detto…
il fatto che abbia rubato non giustifica che debba essere ammazzato con una spranga di ferro!
Andrew ha detto…
... io continuo a pensare che ci sia razzismo dietro...
elena ha detto…
Ciao SOL!
Intanto che mi ricordo: PP (meglio nota come Pubblicità Progresso) ha avuto qualcosa da dire sulla locandina che offre un dito a Maroni (non ricordo bene, ma lo so per certo): ti consiglio di togliere il loro logo... se non vuoi far fatica, copia pure il nostro, che Mauro ha rimaneggiato apposta.
Poi: la società che ci circonda è sconfortante: da una parte massacri gratuiti e fascisti, dall'altra il diniego totale che razzismo e fascismo siano ben più che striscianti. Nonostante i proclami di tanta parte degli attuali governanti.
Non c'è altra soluzione: resistere, sempre, e informare...
Grazie poi per gli apprezzamenti che hai lasciato nel mio blog, ma stai attento: se mai dovessi diventare tua coinquilina, sono... ingombrante! :)
Però mi sta frullando un'idea... ma prima devo approfondire, poi ne parliamo.
Buona giornata!
Pape Satan Aleppe ha detto…
Il razzismo italiano è sottocutaneo: in genere non viene a galla da se (per vergogna) ma si manifesta solo quando viene infastidito: allora si che "sporco negro" equivale a "buongiorno".
Anonimo ha detto…
Ma se fosse successo il contrario, si sarebbero giustificati per un pacco di biscotti, o sarebbe successo il finimondo ?
Siamo propio messi male.
Ciao,
aria
Cesco ha detto…
IO non so se un suo coetaneo bianco avrebbe ricevuto lo stesso trattamento, so solo che avrei riservato lo stesso trattamento a quei due assassini, capaci di tanto odio e di tanta violenza. Io sper solo che marciscano in carcere insieme a tutti gli assassini come loro.
Franca ha detto…
Ti chiedi perchè?
Quale risposta vuoi?
Ti basta la solita favoletta?
E' un fatto di criminalità comune, succede perchè in giro c'è tanta delinquenza, perchè non siamo più sicuri, ma attenzione non vi sbagliate, in Italia il razzismo non c'è...
Pellescura ha detto…
meno male che silvio c'è
riri ha detto…
il grave è proprio questo:"tutto si giustifica",ma come si fa?Vedo spesso nel quartiere in cui abito ragazzi neri che spesso vengono guardati con fastidio.Me ne accorgo io,a pelle,figuriamoci loro.
Le cose devono cambiare!!!
luce ha detto…
Carissimo Amico, mi spiace ma purtroppo non credo che il ragazzo sia stato ucciso perchè negro, ma solo perchè sospettato di essere ladro, perchè il discorso non è basato su un Italia che sta diventando razzista ( lo è sempre stata vedi come trattano ancora i "rerroni") o omofoba( lo è sempre stata vedi come ridicolizzano ancora i gay e li discriminano anche per la patente), exenofoba ( tranne che per il calcio,in cui ama gli stranieri, in genere l'italiano mangia gli spaghetti anche al polo nord e continua a dire che i ristoranti cinesi sono sporchi)...
Il fatto è che siamo esasperati, non c'è più il senso della giustizia e quindi ci si fa giustizia da soli, manca la tolleranza e la voglia di rispetto,lo si pretende perchè siamo arrabbiati e ci sentiamo traditi da tutto e da tutti e allora facciamo da noi.
E la violenza è il primo modo di difendersi.
Non sto giustificando ,ma solo tentando di capire, tutto qui.

Saluti e baci terroni, comunisti, tolleranti, affettuosi, esterofili, progay e pieni di peace&love: sono anacronistica?
calendula / trattalia ha detto…
io sono rimasta basita dalla scarsa importanza data all'assassinio dai tg e dal fatto che nessun politico ( destra sinistra e centro) abbia detto mezza parola sulla vicenda...tabula rasa, come se fosse tutto normale...
l'incarcerato ha detto…
Io non concordo con luce, con questo discorso Beccaria si sta rivoltando dalla tomba. Ma l'etica la stiamo perdendo? Non capisco la mancanza del senso della giustizia con questo tipo di esasperazione. Bisogna capire, questo è vero! La violenza che si sta manifestando è semplicemente dovuta da questo sistema che ci sta rendendo sempre più fragili, oramai non ci si sente più parte di una comunità e basta una sciocchezza come il fatto che qualcuno ti ruba un biscotto per sentirti giustificato e fare violenza. Lo stesso equivale per la violenza degli stadi, lo stesso per la violenza nei confronti del diverso, dello straniero, del pericolo dell'"uomo nero".


In pratica in questi tempi assistiamo alle ronde, riunioni di persone che manifestano contro gli immigrati, chi a favore dei negozianti che uccidono ladri.
Le loro dimostrazioni hanno qualcosa delle riunioni politiche, delle cerimonie religiose, dei convegni sindacali: tutte quelle esperienze di gruppo che in passato definivano il senso del sè delle persone, e che non sono più alla loro portata. E così oggi si organizzano contro i zingari, domani contro altri.

Se non si trova un altro modello di società( e prima di tutto non si ricostruisce la società), ci sarà solamente la barbaria.
articolo21 ha detto…
La notizia è già stata dimenticata. Se Pm e Ministro dicono che non è razzismo non fa più notizia. Non c'è nulla da fare.Ci sono morti di serie a e serie b. Anche se, a confronto, sono terribili entrambe.
Punzy ha detto…
Ma non e' comunque normale che si muoia per una scatola di biscotti..
luce ha detto…
Il razzismo nasce dalla paura, la paura dall'incomprensione, l'incomprensione dall'ignoranza, gli ignoranti andrebbero istruiti, ma il nostro governo non può farlo perchè ha altro a cui pensare.
Silvia ha detto…
Presumo che per certa gente dire "sporco negro" sia una sorta di complimento. Ma insomma, in Italia dinanzi a certi fattacci: "non è mai razzismo", "non è mai mastrice politica", "non è mai intolleranza"... presto ci diranno che ammazzare una persona è una cosa più che normale!

Italiani brava gente, è risaputo, no?!
SUB ha detto…
http://www.libero-news.it/pills/view/3260

Finchè c'è questa caccia allo straniero, al diverso da ciò che è e che dovrebbe essere, non dobbiamo abbassare la guardia ma impegnarci perchè fatti come questi non si ripetano. http://lombardia.indymedia.org/?q=node/8859
Gatta bastarda ha detto…
il problema che non gli è stato dato l'aggravente del razzismo... certo non l'hanno mica ucciso perchè era nero... noooo...micaaaa... il problema che sui giornali si legge che non importa perchè in caso di pena c'è comunque quella massima quindi fa lo stesso.... no! non fa lo stesso! è il principio che conta...sono razzisti, è morto perchè è stato ucciso per il suo colore della pella! questo dve essere scritto ovunque!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…