Passa ai contenuti principali

ANCHE PER RICORDARE

In questo ultimo periodo, mi sono un po' allontanato dalla politica italiana anche perchè forse per mia incapacità, trovo sempre meno parole per descrivere ciò che la caratterizza. Sarò io ad essere sbagliato, a volte proprio me lo chiedo, ma con quali parole possiamo commentare l'ultima geniale considerazione di Bankitalia, quando afferma che per uscire dalla crisi è necessario lavorare di più e più a lungo? O quando si sente la Gelmini intervistata dire riguardo Veltroni, che al Circo Massimo ha parlato come parlerebbero i Cobas oppure lei si rifà a Obama? Per carità, ammetto le mie difficoltà, ma rimango sempre più esterefatto per come si possa dire coppe per bastone.
Oggi sarà un giorno decisivo per il futuro della scuola, non vado oltre a parlare di questioni politiche perchè anche le mie povere coronarie hanno un limite. Anzi...vi sembrerà impossibile, ma convinto che lo sciopero fosse giovedì scorso, sbagliando mi sono presentato in piazza una settimana prima. Cosa volete farci? Sono due i casi: o inizio ad essere veramente fuori di testa, o la mia opposizione è talmente forte da presentarmi una settimana prima alle manifestazioni. Fantastico!!!
Bene, lasciatemi ancora un po' lontano da questo schifo. Nel frattempo, dedico questo video che a me piace molto, agli studenti, e a tutti coloro per i quali vale ancora le pena lottare per un mondo migliore.



Ci sono un sacco di cose al mondo che non si vendono e non si comprano, per le quali vale la pena vivere, a condizione che qualcuno se le goda, qualcun altro le difenda e magari le due cose insieme perchè questo vuol dire essere cittadini.

Con questo video, voglio anche ricordare Gelindo, Antenore, Aldo, Agostino, Ferdinando, Ovidio, Ettore i sette fratelli Cervi uccisi all'alba del 28 dicembre 1943 nel poligono di Reggio Emilia a causa di una rappresaglia fascista. Visto il periodo storico, ricordare è sempre utile.
I cani, non potranno fucilare anche le stelle.

Commenti

Andrew ha detto…
anche per ricordare, bravo!
loris ha detto…
Hai ragione, in questo momento di attacco alle fondamenta del nostro Stato Repubblicano nato dalla Resistenza è sacrosanto e doveroso ricordare.
Ora e sempre Resistenza
Farfallaleggera ha detto…
Già bisognerebbe ricordare di più, specialmente insegnare nelle scuole ad avere una memoria storica non sarebbe sbagliato...ciao giò
Franca ha detto…
Per non dimenticare mai...
emanuela ha detto…
Hai ragione, la memoria è importante. La politica attuale cerca di cancellarla, a destra come a sinistra
luce ha detto…
Caro Marco memoria della coscienza, l'ultima frase è una delle cose più belle che abbia mai letto e mi sono anche commossa.
Resistiamo, carissimo, da qualche parte la via d'uscita ci sarà, c'è sempre stata.
Ti abbraccio
Pupottina ha detto…
rispondo a quello che hai scritto da me: ahahahah, dài non sono strane le mie amiche! allora che cosa deve dire Silvio!

in questi giorni le basi dello Stato si stanno sgretolando per via di riforme azzardate, insensate, avvengono crolli improvvisi... ormai... non si sa più cosa accadrà domani.... fra un po' la memoria storica sarà un concetto di cui nessuno saprà il significato perché la scuola sarà come una grande ludoteca, dove insegnati che vorrebbero insegnare, non potranno fare altro che sbraitare per calmare folle sempre più grandi di ragazzini alterati da videogiochi e con l'aspirazione di essere calciatori o veline... o concorrenti, senza nessun talento, di Amici, grande fratello e via dicendo...
stella ha detto…
Marco attento pure ad un eventuale travaso di bile ... cosa che stava succedendo a qualcuno di mia conoscenza...per le troppe incazzature.
Pipoca ha detto…
ciao, è andata.
alle 10:30 il dl Gelmini è stato approvato.

come insegnante e di storia, che dire?

dimenticheremo, molto più in fretta di quanto tempo abbiamo impiegato per ricordare.
questione di attimi.

sono senza parole.

mi sento violentata nell'animo dal presente.
desaparecida ha detto…
ho sentito il tg....è fatta!
Siamo fottuti!
Lo temevo,lo immaginavo,ma mi sento lo stesso un po' svuotata!

Ricordare sempre!


....mah...eppure mi sento un po'così....

un abbraccio!
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Niente è irrimediabilmente fatto. Niente!!!!
cheva ha detto…
Proprio per paura che la gente NON dimentichi la storia questo regime sta trasformando la scuola in fondazioni private dove si studierà la storia solo rigorosamente revisionata e se lo studente ne avrà voglia dato che il titolo gli sarà garantito dalla retta annuale del papy!
Anticlericale89 ha detto…
Non dobbiamo permettere a nessuno di derubarci della nostra memoria.

Dobbiamo vincere,non solo possiamo...c'è in gioco troppo.
Punzy ha detto…
Grazie
per la speranza, come sempre
desaparecida ha detto…
hai ragione....
il Russo ha detto…
Oggi è stato un giorno brutto per l'Istruzione e la Democrazia, schiena ben diritta e continuare a lottare per i nostri diritti deve essere la parola d'ordine!
Pietro ha detto…
ultimaemente ti leggo
malinconico
Silvia ha detto…
Davvero ti sei confuso relativamente alla data effettiva dello sciopero???? Ma caro! Io lo dico sempre che sei fantastico!!! (sarai mica un pochino fuori di testa???!!!! Nooo, piuttosto, sei un vero cuore impavido!).

"I cani, non potranno fucilare anche le stelle", è stupendo questo concetto!

Qualsiasi restante commento sarebbe superfluo...

Nessuno di noi vuole dimenticare, non preoccuparti...

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…