Passa ai contenuti principali

I BANDITI NOMADI

Faccio mio questo articolo tratto dal blog IL CORROSIVO perchè rispecchia il mio pensiero.

Il vangelo dei banditi legalizzati dell'economia canaglia
Maurizio Gasparello

E l’On. Roberto Castelli (Lega Nord) disse: “gli imprenditori hanno il dovere individuale e sociale di fare profitti”. (da “AnnoZero” del 25 settembre 2008, per giustificare il sacco di Alitalia da parte di CAI, con il quale sono stati socializzati i debiti e le perdite della compagnia aerea a carico dei cittadini, privatizzando la parte sana dell’azienda a vantaggio di 16 imprenditori della rapina di Stato, effettuata tenendo in pugno le armi del ricatto occupazionale).

I banditi nomadi dell’economia canaglia mettono i profitti (meglio sarebbe dire la massimizzazione dei profitti nel breve termine) sopra ogni cosa: se oggi aumentare i profitti vuol dire chiudere una fabbrica, portarla in Cina per utilizzare manodopera a basso costo ipersfruttata e senza tutele sociali e sanitarie, creare dicoccupazione in Italia e, sull’area industriale dismessa, costruire palazzi, nell’ottica del dio denaro tutto questo è perfettamente legittimo. I banditi nomadi, per definizione, sono totalmente irresponsabili delle conseguenze che ricadono sui territori e le popolazioni oggetto delle loro razzie.Con la globalizzazione, i banditi nomadi dall’economia canaglia godono di immense praterie sovranazionali, all’interno delle quali effettuare le loro scorribande: più aumentano gli spazi a disposizione per i loro saccheggi più aumentano le opportunità per fare profitti, ed è per questo che l’deologia della globalizzazione, che agita la banderuola solidale del “più sviluppo per tutti”, è la trovata con la quale il capitalismo di rapina cerca di legittimare la sua condotta ed i suoi interessi criminali, perfettamente legalizzati all’interno del reggente sistema di libero mercato selvaggio.Il problema è che, così facendo, l’economia canaglia indebolisce le strutture economiche, giuridiche e sociali degli Stati Nazionali, gli stessi che permettono al capitalismo di vivere e prosperare.

Scrive infatti Adam Smith ne “La ricchezza delle nazioni”:Commercio e manifatture possono raramente fiorire a lungo in uno stato che non goda di una regolare amministrazione della giustizia, in cui la popolazione non si senta sicura nel possesso della sua proprietà, in cui il rispetto dei contratti non sia tutelato dalla legge e in cui si ritenga che l’autorità dello stato non sia regolarmente usata per costringere al pagamento dei debiti tutti coloro che possono farlo. In breve, commercio e manifatture possono raramente prosperare in uno stato in cui non vi sia un certo grado di fiducia nella giustizia e nel governo.

La risposta del bandito nomade al decadimento storico della società, di cui è egli stesso la causa, è un ulteriore imbarbarimento dell’economia di rapina: come un drogato che ha bisogno di dosi di droga sempre maggiori, così il capitalista deve continuamente alzare il livello dello scontro con i suoi concorrenti all’interno del sistema di mercato e, come esternalizzazione di tale scontro, contro i territori e le popolazioni da sfruttare, per assicurarsi quella crescita infinita senza la quale finirebbe per essere sopraffatto da chi si dimostra più efficiente in questa lotta che, di fatto, si è trasformata in una folle corsa che sta trascinando tutti verso il baratro. Aveva quindi ragione Marx quando sosteneva che i capitalisti segano il ramo dell’albero sul quale stanno seduti: il guaio è che, purtroppo, sotto quella pianta ci stiamo seduti tutti, e finiremo inevitabilmente per prenderci sulla testa il crollo di quelli che stanno di sopra. L’unico rimedio è togliere ai capitalisti, dalle mani e dalle teste, le seghe con le quali ci stanno abbattendo l’albero, iniziando con il consapevole rifiuto della loro morale e della loro ideologia da stolti:
“Lo stolto non vede lo stesso albero che vede il saggio” (William Blake).

Ed ora, voglio chiudere con un video che a me da sempre speranza. Infondo, sono convinto, che una delle componenti necesssarie per uscire dalla crisi sia, oltre che il credere in una società diversa, avere una grande speranza nel futuro.

Commenti

Pino Amoruso ha detto…
Hai proprio ragione sul video. Ne consiglio la visione!!!
Luz ha detto…
Il termine "banditi nomadi" mi piace moltissimo. Il video è un piccolo capolavoro. Penso proprio che sarà il mio prossimo post.
Grazie. Ti abbraccio. Luz
Mariarita ha detto…
Banditismo legalizzato e incoraggiato da certa politica!!!
Buona settimana
Mariarita
Crocco1830 ha detto…
Sono d'accordo con tutto il post. E' vero anche che "il capitalista deve continuamente alzare il livello dello scontro". Ma deve farlo in maniera subdola, per non essere scoperto o almeno per non apparire mostruoso.
Se si smascherasse il capitalismo, anche nelle forme nascoste di sfruttamento e di distruzione, forse non avrebbe vita tanto lunga.
sirio ha detto…
Buon pomeriggio marco!

Non prendere impegni per domani,sei invitato da me...

Sorpresa!
Anticlericale89 ha detto…
Bello il post e bello il video :)
Comunque finchè la politica avalla un certo sistema...

Buona sttimana.
Silvia ha detto…
"... gli imprenditori hanno il dovere individuale e sociale di fare profitti...” dice Castelli, bene io devo ancora capire come si può presentare in tv ancora un elemento del genere e soprattutto come si può permettere che PARLI.

Ah, gli imprenditori è giusto che costruiscano il loro sporco profitto sulle ossa e sul sangue di povera gente sfruttata, sottopagata e alla fine ammazzata dal loro bacato capitalismo? Che bravi! Questo sistema mi fa ribrezzo!

"L’unico rimedio è togliere ai capitalisti, dalle mani e dalle teste, le seghe con le quali ci stanno abbattendo l’albero, iniziando con il consapevole rifiuto della loro morale e della loro ideologia da stolti", appunto: io lo dico sempre che i rami secchi vanno tagliati... "tagliati" in senso letterale...
Silvia ha detto…
PS: naturalmente con rami secchi intendo i nostri "beneamati" imprenditori capitalisti...

;-)
calendula / trattalia ha detto…
bellissimi concetti, bellissimo video, non conoscevo il regista
Grazie mille Calendula
Pietro ha detto…
E' tutto da rifare.
E prima o poi qualcuno deve cominciare.
articolo21 ha detto…
Video molto bello in effetti.
stella ha detto…
Video stupendo.
Franca ha detto…
"...E l’On. Roberto Castelli (Lega Nord) disse: “gli imprenditori hanno il dovere individuale e sociale di fare profitti”...

Poi però succede quello che sta succedendo ora, ma a chi frega?
Tutti questi anni sono stati dominati da una economia che guardava al profitto anche al falso profitto (ossia un profitto meramente contabile che nasceva da falsi in bilancio e non da reali risultati di impresa sia pure ottenuti sfruttando i lavoratori) ma ora è evidente che questo sistema è scoppiato.

Questa è l'unica mia ragione di speranza. Certo assisteremo ancora a colpi di coda finali per restaurarlo ma la Storia non si può arrestare e credo che ora quel modo di fare economia possa essere arrivato al capolinea. Ma attenzione, ancora non è finita quindi occhi aperti e tenere presente che anche i risultati di economia reale devono essere fatti senza sfruttare il prossimo.

Ciao Marco
Daniele
Punzy ha detto…
IOnonvisentistosottoalletto
Nicola ha detto…
Purtroppo è caduto il capitalismo economico che in fretta stanno rifondando a spese nostre,ma non il sistema.
Un caro saluto
Luna_tica ha detto…
video da 30 e lode!!
sempre in gamba!
ottimo post!
Andrew ha detto…
ottimo il video
ti auguro una buona settimana
Gio ha detto…
E pensare che la ricchezza gliela forniamo noi!
Mi fanno rabbia.
Sono convinta che ci disprezzano pure mentre noi gli ripaghiamo le loro banche!
gio
Maurone ha detto…
Sono sempre più convinto del bisogno d'intraprendere un cammino di decrescita, inteso come riscatto da questo stallo dello sviluppo.
C'è un pianeta solo, è di tutti, cerchiamo di conservarlo per tutti.
l'incarcerato ha detto…
Concordo con il commento di Gio, noi gli regaliamo i soldi e ci disprezzano pure!

Bellissimo video!
l'incarcerato ha detto…
ps silvano Agosti ha un piccolo cinema qui a roma, ogni tanto ci vado e mi fa piacere quando inizia a parlare, certo è un po' stravagante. Io avevo comprato un suo libro lì e senza che gli avessi detto niente ha voluto mettermi un autografo, e diceva:"tu sarai la miliardesima persona che l'ha voluto...".

E' un grande!
Sub ha detto…
"come un drogato che ha bisogno di dosi di droga sempre maggiori, così il capitalista deve continuamente alzare il livello dello scontro con i suoi concorrenti all’interno del sistema di mercato"

Come on condivire questa intelligente analisi. Sono d'accordo in tutto, anche se temo che occorra ancora molto tempo prima che si riesca a levare dalla mano dei capitalisti la sega di cui dispongono.
il Russo ha detto…
Bel video davvero, non l'avevo mai visto.

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…