Passa ai contenuti principali

BUSH E BERLUSCONI

Vedere questi due uomini ridere e scambiarsi "amorevoli" fusa, devo ammettere che è uno spettacolo raccapricciante. La cosa che verrebbe subito istantanea fare, è deriderli, prendere tutto con sarcasmo se non fosse che questi due uomini hanno rispettivamente governato le proprie nazioni per più di una semplice legislatura. Cosa porta queste 2 persone a fare praticamente quello che vogliono nei rispettivi Paesi? In questi ultimi 8 anni il mondo è sicuramente peggiorato: la paura è aumentata, le guerre sono ormai un panorama consueto, il bubbone finanziario e questi due personaggi brindano. Le cifre spese in armamenti sono aumentate esponenzialmente seppur le guerre, sono servite solo a dimostrare che anche con l'esercito più forte, difronte a un popolo unito e motivato è difficile passare: Iraq e Afghanistan insegnano. E poi, per un paese europeo sarebbe molto più utile stringere rapporti con nazioni continentali piuttosto che oltroceano, e invece non si capisce il perchè si voglia restare, come Europa, subordinati agli americani. E la scusa della liberazione poi, ogni volta usata come ricatto morale, ma se devo venir liberato per finire sotto altre catene a cosa è servito il tutto? Qualcuno, afferma che anche solo con i Partigiani saremmo riusciti a liberarci, certo... con molto più tempo, ma non era impresa impossibile. Per carità, sono solo mie considerazioni, senza nessuna pretesa di verità assoluta, ma questo continuo voler farsi del male non mi sembra una situazione molto intelligente.

Commenti

desa ha detto…
ciao marco...io davvero non riesco a vederli,così scherzosi e complici come 2 colleghi universitari che si ritrovano dopo anni e si confrontano i progetti !!!

Ho proprio un fastidio fisico.

Ed è triste sentire gente che se ne sbatte di tutto ciò come se non appartenessimo alla stesso mondo.
Come se nn fose una partita giocata a dadi da 2 folli!

un abbraccio get,forte!
sirio ha detto…
Caro marco,sono due persone che devono apparire in un certo modo,e la tv è uno dei media più potenti!
Entrambi hanno voglia a tranquillizzare l'opinione pubblica, non sono credibili.Uno sta per andarsene,speriamo pure l'altro,e presto...!!

Ciao.
Pellescura ha detto…
Pensavo che con le guerre che ha fatto, bush, oltre che nella storia entrerà nella geografia.
luce ha detto…
Caro Marco partigiano, guarda che Brlusconi e Bush non fanno politica, fanno lo show delle ovvietà per far vedere come sono "bravi ragazzi"...sono daccordo con te e con Sirio.
Ahh, che pazienza che ci vuole davanti al telegiornale!!!
Un bacione e un "Bello, ciao!"
Silvia ha detto…
Ma dico io...Con tante persone, perchè ci ritroviamo davanti sempre le solite facce di...???

Sono peggio di un cancro!
Aprite gli occhi!!!

buona giornata...
pansy ha detto…
Ci piace farci del male per poi piangerci addosso! L' Italiano medio...

In effetti hai citato due personaggi di un certo spessore. mm.
Avranno già fondato una società su un altro pianeta B & B ? ! Mah, chi può dirlo.

Fatto sta che ci sono riusciti. Il mondo fa schifo e anche le persone. Le paure sono aumentate, l'ignoranza anche. O meglio dire: l' ignoranza è aumentata e con essa anche le paure.

Ho la vaga sensaione che si prendano poco sul serio azioni e scelte fatte mentre quel che non ha importanza viene esaltato.

Basta guardare i vari telegiornali.

Però siamo sempre a parlare di quello che non va ..
A quando la soluzione a tutto questo?

Esisterà una cura ?
NADIA ha detto…
hola perchè siamo delle pecore marco.
il fastidio che provo vedendoli è indescrivibile ieri poi quando silvio ha fatto quello spettacolino da avan-spettacolo beh che te devo dì me so proprio vergognata!!!!!!!!!!! era il troppo amore che lo ha fatto imciampare....azz!!!!!
che figuraccia!!!!!
un abbraccio!!!!

p.s sò una barzelletta su Silvio troppo carina...ancora rido!!!!!
Rouge ha detto…
Se sessanta anni sono troppi per quanto riguarda il parlare della Resistenza allora lo sono anche per la "Liberazione". Bisogna svincolarsi da sti cowboy!
Gatta bastarda ha detto…
ma perchè ci hanno liberato gratis?
stiamo ancora pagando i debiti dei soldi che ci hanno "prestato" per la ricostruzione dopo la guerra...
Silvia ha detto…
Ma non hai visto che ghignavano complici come fossero due amiconi al raduno della classe??

Come se ci fosse qualcosa da ridere per quello che hanno saputo creare in questi anni!

Uno spettacolo raccapricciante, come hai giustamente detto tu!

:*-(

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…