Passa ai contenuti principali

I SOLDI SCOMPAIONO


Benedetto XVIi: crollano le banche, i soldi scompaiono. Solo la Parola di Dio è solida.

Benedetto XVI"Vediamo adesso nel crollo delle grandi banche che i soldi scompaiono, sono niente e tutte queste cose che sembrano vere sono di secondo ordine". Lo ha detto il Papa, parlando a braccio alla prima congregazione generale del Sinodo iniziato oggi in Vaticano. "Chi costruisce solo sulle cose visibili, come il successo, la carriera e i soldi, rischia poi di perdere tutto". Per il Papa, "solo la Parola di Dio è solida e per questo è "realista chi costruisce sulla Parola di Dio".

Fonte Rainews24

Ammetto di non essere proprio il più indicato nel dover rispondere, io che in quei sabati pomeriggio preferivo giocare a pallone piuttosto che recarmi a catechismo. Ma infondo ci credevo, da bambino credevo che ci potesse essere veramente un qualcuno che riuscisse con il suo potere, a comandare l'uomo facendogli fare sempre il giusto. Poi crescendo, ho capito che è l'uomo a dover scegliere il bene e il male, e qui ho iniziato a credere un po' meno nei poteri di quel qualcuno. La violenza, la cattiveria anche gratuita, vedere il più debole soccombere al più forte, ogni volta portavano a chiedermi, e lo faccio ancora, dove fosse Dio. Ed è stato allora che ho imparato a costruire solo sulle cose visibili, che non sono però il successo, la carriera e i soldi per quanto appetibili, ma nell'impegno e nella consapevolezza che ogni qualsiasi miglioramento debba venire dall'essere umano: dalla sua capacità di riflettere e pensare, come unica chiave per uscire dall'orrore che è in grado di creare.

Sono convinto, che questa crisi economica se fosse interpretata nel modo giusto, potrebbe essere un punto di partenza verso un mondo migliore.
Per questo più che costruire sulla parola di Dio, credo sia maggiormente utile continuare informando a creare consapevolezza.

Commenti

Fiordaliso ha detto…
Sono daccordo.
E' vero che "chi costruisce solo sulle cose visibili, come il successo, la carriera e i soldi, rischia poi di perdere tutto" ma l'unica strada è la riscoperta dell'uomo e dell'unanità.
calendula / trattalia ha detto…
mi hai fatto sorridere con la storia del giocare a pallone ...ma in fondo ci credevo... i miei mi hanno spiegato la teoria dell'evoluzione di Darwin da quando avevo 7 anni, non ho mai e dico mai frequentato il catechismo... non so neanche a cosa serva...io la domenica mattina la passavo in campagna a cercare funghi asparagi o semplicemente a riconoscere le impronte degli animali e le loro cacche!!! mi è stato insegnato il rispetto per ogni forma di vita, senza prevaricazioni da parte dell'uomo... e sono molto contenta di questo, non ho mai smesso di amare i miei simili, e di cercare di aiutarne il più possibile.. riscoprire l'uomo e la sua umanità non passa sicuramente dalla chiesa e dai precetti religiosi pieni di dogmi regole stupide... ho molti amici omossessuali, molti amici divorziati, molti che non sono sposati( io compresa)... per la chiesa questa è sempre umanità ma vale un po meno....le religioni non ci hanno affatto aiutato a scoprire e riscoprire l'uomo e l'umanita... anzi ci hanno rallentato il cammino è ancora lo fanno.
Scusa mi sono dilungata troppo.. spero di non aver offeso la sensibilità di nessuno... ma ci tengo a precisare: io non parlo della fede di ciascuna persona che rispetto, ma della chiesa in generale, che mi sembra una gigantesca macchina per fare soldi.
Un saluto Calendula
Punzy ha detto…
Guarda, trovo soltanto fuori luogo che un tizio che va in giro con le babbucce di Prda faccia la morale agli altri. Detto questo, il senso lo trovo giusto e forse haui ragione, la crisi economica potrebbe essere un'opportunita' di cambiamento...vorrei crederci, non ne vedo le premesse..
Pupottina ha detto…
è vero! sono d'accordo con te!


bella la colonna sonora del tuo blog!
Anticlericale89 ha detto…
Io non ho ancora capito perchè si impiccia in tutte le questioni...non mi risulta che Gesù Cristo,se esistito,facesse il banchiere,nè il presidente di Wall Street nè che studiasse economia.

Da come s comporta sto papa pare più che la chiesa l abbia fondata Paul Wolfowitz!!

Ah papa?ma vaffanculo và,se inizi a non rubarci i nostri 9 miliardi d euro annui vedi che magari qualcosa per non crollare del tutto possiamo tentare d farlo.
Maledetto,facile parlare,quando si vive come lui.
Silvia ha detto…
Sono d'accordo con Benedetto XVI quando sostiene che i valori materiali e degenerati come la rincorsa assurda del successo, del profitto selvaggio e del denaro siano poca cosa e che una volta persi, dopo una vita di rincorsa, ti facciano capire tutta la loro inutilità. Condivido pienamente questo pensiero. In merito alla solidità del messaggio di Dio, per certi versi l'ossessiva autoconvinzione dell'infallibilità di questo messaggio che porta a volerlo applicare sempre e comunque alla vita reale, laddove il più delle volte il precetto religioso funziona in via TEORICA ma non può essere applicata alla vita reale che è fatta di problemi e situazioni che non possono essere risolti con miracoli e belle parole astratte, mostra le medesime "falle" dell'inseguimento del valore materiale. Insomma, per farla breve, qualsiasi tipo di "estremismo" che sia di tipo economico o religioso può diventare dannoso, se non ha contatto con la realtà. Rifiutare i valori materiali è più che lecito e doveroso... ma dare per scontato che qualsiasi dettame religioso sia infallibile e quindi da applicare indistintamente è anch'esso un errore. Gli uomini di Chiesa questo dovrebbero capirlo: poiché spesso dai loro stessi precetti fioriscono ragioni di discriminazione, violenza e intolleranza. La parola di Dio non può essere applicata sempre. Per questo dovremmo imparare a ragionare con la nostra testa e cercare la Verità secondo come noi percepiamo che debba essere, senza lasciarci incantare dalle chiacchiere di altri che pretendono di convincerci di quello che dicono.

Relativamente alla crisi economica attuale, auspico anche io che, nel male della situazione, possa comunque essere da monito, da insegnamento a regolamentarsi diversamente, in maniera che situazioni del genere, dettate dall'avidità, non si verifichino mai più.

***

Ciao, caro!
Rouge ha detto…
Non vedo nulla di male in quello che ha detto il papaRatso: per una volta che parla da prete...
♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
Forse il mio post è semplicistico,molti sono a disquisire sui pro e sui contro di una simile affermazzione"PAPESCA"mi chiedo allora dov'erano loro(chiesa e clero) ma sopratutto cosa facevano prima??Esattamente quel che hanno sempre fatto,solo che ora cominciano ANCHE le loro casse ad essere esangui,di certo non per aver aiutato i poveri del mondo,o perlomeno quando lo hanno fatto è stao solo in minima parte rispetto all'incassato!!sul mio blog ,sul post,non ho scritto un bel vaffanculo per non autosporcarmi,ma il pensiero di base è avviamente questo!"la Papesca" idea,su come abbiamo fatto finora e su come dovremmo fare,cosi tanto per risolvere i problemi dell'economia italiana, LUI c'ha dato un consiglio,un bel consiglio,gia' gia,gia' gia,ABBIAMO COSTRUITO SULLA SABBIA"mentre chi Viaggia nella fede,COSTRUISCE SULLA ROCCIA"
ma ti dico io,un bel vaffa semplice ,semplice,sono zoticona???

Direi che sarebbe ora di fare Outing,sui mali fatti se si vuole essere creduti,poi FORSE noi tutti li perdoneremmo,IN FONDO SIAMO CRISTIANI ...GIUSTO???????
Anonimo ha detto…
Eh, beh: le cose materiali puoi acquistarle e perderle. Quelle immateriali (come la parola di Dio o qualsiasi altra morale) nessuno te le porta via finchè non le cacci tu.
AKUL87 ha detto…
Condivido pienamente questo post
Gatta bastarda ha detto…
mi trovi d'accordissimo!
elena ha detto…
Anch'io.
Prima ci torni i soldi dell'ICI che non paghi, dell'acqua che ti viene fornita gratis, delle scuole confessionali che vengono foraggiate e dell'8 per mille che ti incameri... poi rinunci allo IOR e quant'altro, e DOPO ci vieni a parlare di carità cristiana.
Posso anche pensare che la parola del Signore sia una pietra salda, ma appunto: quella del Signore, che non andava in giro a farsi baciare l'anello su un aereo che non paga...
Ma perché non se lo sono tenuto i francesi???
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Elena, perchè forse avevano già capito a cosa sarebbero andati contro.

Post popolari in questo blog

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Storiella...........................

Figlio: "Papà, posso farti una domanda?"
Papà: "Certo, di cosa si tratta?"
Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?"
Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?"
Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno $100 in un ora"
Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso)
Figlio: "Papà, mi presteresti $50?"
Il padre si infuriò.
Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto.
Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile.

Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta.
L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla doma…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…