sabato 25 ottobre 2008

IL PAESE DELLA VERGOGNA

Mi vergogno di abitare in un paese del genere, lo dico candidamente, con la forza di chi non vuole rassegnarsi, di chi afferma che un Senatore a vita dopo aver detto queste parole



debba quantomeno rassegnare le dimissioni. Perchè chi crede che i propri giovani, il futuro di un paese, debba essere preso a manganellate attraverso loschi espedienti non merita nessuna carica istituzionale. Ma infondo, in questo sistema di merda la Democrazia è un suono, l'illusione con la quale viene fatto percepire al popolo di essere libero di scegliere, giudicare un futuro invece già scritto .
Con queste dichiarazioni, il ricordo e la mente non possono andare a questo



al sangue di migliaia di persone che hanno provato, con l'unico modo concesso dalla democrazia oltre il diritto di voto, a manifestare il proprio dissenso nei confronti di quella globalizzazione oggi una delle cause principali di questa crisi che affossa il mondo dell'economia.
Questo sistema, che sembra aver bisogno dei giovani solo per questioni di mercato, ai quali non è più in grado di consegnare una minima prospettiva di lavoro decente nel dramma del precariato, della solitudine umana e nel deserto morale ha fallito.
Salvate pure le vostre banche, uscite ogni tre giorni con leggi per aumentare la produttività in un sistema che soffre di sovrapproduzione tra l'altro, ma le vostre politiche liberiste hanno fallito.



Potrete salvare banche, iniettare tutta la liquidità che volete nel mercato, ma questo sistema fallirà perchè nel profondo nichilismo si è dimenticato dei suoi giovani.

30 commenti:

Pino Amoruso ha detto...

Si è bevuto il cervello... E' più pazzo dello psiconano

farfallaleggera ha detto...

Che ti stupisci??? nel 77 fece di peggio...Leggi un pò qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Francesco_Cossiga
Simpatico vero? Ciao giò

Anonimo ha detto...

hanno una maschera di ferro che non conosce vergogna !

Non dobbiamo mollare!
ciao,
aria

Pietro ha detto...

Non sei il solo

Franca ha detto...

Viviamo in un Paese in cui la democrazia è solo apparente...

calendula / trattalia ha detto...

Cossiga è sempre stato un grande coglione, con l'eta che avanza la coglionoggine è amumentata proporzionalmente, l'unica cosa che mi infastidisce è vedere lo spazio che gli danno, mi spiego meglio, con la testa non cè più tanto e si vede e si sente...perchè continuano a dargli credito?? perchè gli danno spazio senza pensare che qualche minchione potrebbe ispirarsi alla sue parole è combinare qualche casino? In uno stato di agitazione scolastica come questa le ultime parole che servono sono parole come quelle di berlusconi e apputno di cossiga.. che cazzo di gente abbiamo oer rappresentarci...

l'incarcerato ha detto...

io però mi domando una cosa, perchè Cossiga ha rilasciato questa intervista? Io la vedo in maniera forse addirittura positiva, ha voluto metterci in guardia di stare attenti?

Perchè ha voluto mandarci questo messaggio?
Tu come lo interpreti? Voglio cercare di capire?

NADIA ha detto...

hola molti anni fà scrivevamo cossiga con SS ricordate!!!
forse niente è cambiato, ma l'incarcerato mi fà riflettere...e se veramente ci volesse mettere in guardia????????
Secondo te è proprio così rimbambito???? non sembra un'esagerazione il suo picconare???
buon fine settimana!!!!!

MontezumaII ha detto...

di cose losche, infiltarti, repressioni violente, strumentalizzazioni l'italia ne e' stata piena dal dopo guerra ad oggi ma oggi non ci si vergogna piu' di dichiarare le proprie intensioni pubblicamente perche tanto non siamo diventato un popolo che non è piu capace di indignarsi e un popolo con la memoria corta.
un saluto

articolo21 ha detto...

Io ho già dato su questa cosa ahaha.. ma fa sempre una certa impressione risentirle queste parole.

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

A dire il vero la cosa un po' stupisce anche me. Con questa dichiarazione in pratica ha svelato la tecnica più frequente per reprimere i possibili dissidenti.Noi lo sapevamo, ma purtroppo non è così scontato saperlo.
Io, credo sia stato soprattutto un modo per creare ulteriore paura, per cercare di alzare il livello di scontro fomentando il terrorre anche in quei genitori che si ritrovano figli nei cortei.
Perchè usare la prima persona? Avrebbe potuto esprimersi in altri...

Punzy ha detto...

MI associo
mi vergogno veramente

elena ha detto...

Kossiga è sotto psicofarmaci ormai da anni e questo potrebbe spiegare tante cose... ma al fatto che abbia deciso di mettere in guardia gli studenti da possibili strumentalizzazioni, ci credo proprio poco. Per me è soltanto una specie di "sfida" a Berlusconi. Come dire, guarda noi vecchi DC cosa siamo riusciti a fare. E tu, hai la stessa forza? O il PD ectoplasmatico ti frena più di quanto poteva fare il PCI, opportunamente portato a criminalizzare chiunque esprimesse dissenso al di fuori del PCI stesso?
La differenza - grande, grandissima - è che questa volta insieme agli studenti ci sono pure i genitori e gli insegnanti e i precari... tutti facinorosi? E i poliziotti non hanno fratelli minori o figli che vanno a scuola? Certo che sì - e questo potrebbe essere il motivo per cui l'infiltrazione e la conseguente repressione non riesce. Penso (spero!) io.
Ciao SoL, ti abbraccio.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Cossiga è sempre stato così. E' incredibile che non abbia il timore oggi di dirlo alla luce del sole come se fosse tutto normale.

Marco, non vergognarti di dove vivi, indignati giustamente per chi purtroppo insieme a noi calpesta in modo vergognoso il suolo di questo Paese. NON siamo NOI quelli che dovrebbero aver problemi nel guardarsi allo specchio.

Ciao
Daniele

Pupottina ha detto...

ciaoooooooooooo
buon weekend

Pupottina ha detto...

ciaoooooooooooo
buon weekend

Alessandro Tauro ha detto...

Davvero un post così non può che essere chiuso con un AMEN! Non esiste altro da aggiungere...

Silvia ha detto...

Io sono ancora allibita da tali affermazioni...

sulle prime ho persino pensato (sperato) che fosse uno scherzo...

:*-(

Mi vergogno anch'io di abitare in un Paese del genere che permette che vengano fatte tali affermazioni criminali. Ma come mi ricordi sempre tu, non siamo noi a doverci vergognare: ma loro devono farlo (anche se, sì, mai lo faranno...).

La Democrazia è un suono strozzato in gola e mentre si dibatte disperatamente per sopravvivere, qualcosa va pur fatta per cercare di salvarla. Vero? Qualcosa si deve pur fare.

Vincenzo ha detto...

Concordo con Pino Amoruso...non solo è più pazzo del nano bastardo ma è un terrorista che andrebbe subito arrestato e buttata via la chiave per qualche anno...tanto è vicino all'inferno ormai....vecchio balordo!

riri ha detto...

Ciao Marco,sono daccordo con Daniele,non sei tu,nè noi che dobbiamo vergnognarci,non bisogna mollare....cossiga è sempre stato un idiota
un abbraccio

il Russo ha detto...

Non solo la ferità inferta a Genova alla Democrazia è ancora aperta, ma questi addirittura se ne beano e la portano come esempio: cosa c'è di più eversivo di un senatore a vita che incita alla violenza contro chi manifesta pacificamente?

Annarita ha detto...

Ciao, SOL! La penso esattamnete come Daniele Verzetti e quoto il suo commento.

Buona fine settimana!
Annarita

arial ha detto...

Commento: dichiarazioni gravissime che preannunciano un ritorno alla strategia della tensione? se mixiamo con l'intervista al quotidiano israeliano, dove muove torbidamente le acque senza rivolgersi alla Polizia(un boomerang cmq per Israele, ne riparlerò) la domanda è a chi sta lanciando questi oscuri messaggi e perchè? Tutto ciò in un quadro internazionale dove volano molti avvoltoi , schegge deviate dei servizi segreti, ultimi residui pericolosi di una destra internazionale neocon e nazionalista sempre piùpericolosi e disposti a tutto,la domanda non è retorica ,ma inquietante e drammatica
Non è pazzo, è pericolosamente lucido per me:

PS: ho una comunicazione di Vittorio: dove lo posto?

Anonimo ha detto...

strano quando votava per Prodi era un santo.....che sia fuori è da un pò ma la sinistra al governo lo usava contro berlusca...ragazzi bisogna decidersi

gap ha detto...

Per l'anonimo
mai santificato una come Kossiga, portato rispetto per gli altri senatori a vita non certo per lui. Poi vatti a vedere quante volte ha votato per Prodi e ti accorgerai che non sono poi tante. E poi firmati che tanto sei protetto dalla rete, almeno usa un nick, l'anonimato è proprio non avere il minimo coraggio delle proprie idee. Cmq spero di sbagliarmi e la prossima volta ti firmerai.

Schiavi ti ho risposto.
ciao

Maurone ha detto...

Per me Kossiga è sempre solo Kossiga, un criminale

elena ha detto...

incredibili le dichiarazioni di Kossiga (be', incredibili mica tanto... diciamo piuttosto indecenti)
Cmq, al di là del fatto - sospetto - che sia sparito il link a quotidiano.net, vi informo che è partito un appello a Napolitano:

http://www.firmiamo.it/sign/list/appelloalpresidentenapolitanodichiarazionicossiga

perché mica lo si può lasciare impunito...!
Soprattutto in considerazione del fatto che la paventata riapertura dei manicomi non credo sia fatta in previsione di un SUO ricovero...

♥gabrybabelle(#..#) ha detto...

una passeggitina notturna prima della nanna,prima di lasciare le mie stache ossa su un letto di riposo da questa giornata bellissima ma stancante al massimo-Vado a lasciare un salutino all'amico marco e mi ritrovo sta' faccia di merdaccia,hai letto i miei ultimi due post,quindi hai capito che penso ANCHE di quest'uomo di merxxx che a causa sua nei primi anni 70 abbiamo subito quel che sai quindi?baSTA me ne vado saluto marco e mando un enorme fuck a costui e spero che skiatti presto(con la k) ciao marcolino stanotte un'ora in piu per riposarsi
gabrybabelle

♥gabrybabelle(#..#) ha detto...

ho letto i commenti,in particolare quello di calendula,purtroppo la saga Kossighiana continua,visto che ha sistemato il di lui figlio grazie a Berlusconi in parlamento,quindi ne sentiremo ancora parlare della saga cossiga e company

tommi ha detto...

come detto altrove, meno male che noi blogger amplifichiamo ciò che i media nascondono. riguardo alle parole di cossiga solo schifo e voglia di cacciarlo dal parlamento a calci in culo per ciò che ha detto e ammesso di aver fatto in passato.
tommi