Passa ai contenuti principali

PER LORO NIENTE CONSIGLI STRAORDINARI

Si muore cadendo da un ponteggio, si muore alla guida di un camion, si muore all’improvviso o si muore dopo mesi in un letto. Così in tutta Italia: tre morti, 27 invalidi permanenti e 2.500 incidenti al giorno (1.200 vittime in totale nel 2007, 800 mila gli invalidi). Così in Liguria, dove il bilancio dei morti e degli infortuni sul lavoro ha registrato un netto aumento, rispetto all’anno scorso. Eclatante quello dei deceduti: da gennaio ad agosto quest’anno sono morti 19 lavoratori, in tutto l’anno scorso sono stati 15 e 14 nei primi otto mesi. Intorno agli 11 mila, quest’anno, gli infortuni, nel 2007 in tutto l’anno si era arrivati a 15 mila. Molti, inoltre, continuano ad ammalarsi. L’ultimo caso è quello di una bidella di una scuola genovese, che dopo una vita passata nelle cucine si è vista diagnosticare, la settimana scorsa, una forma di mesotelioma con probabile origine da amianto.

Potete trovare l'articolo completo qui.

Per loro, non ci saranno riunioni speciali del consiglio dei ministri, non ci saranno interventi coordinati dei vari governi come è accaduto per le banche. Tutti faranno la sua stima annuale ma nessuno dirà alle varie istituzioni che è l' emergenza preminente da risolvere, che serve intervenire subito come si è intervenuti per salvare il sistema creditizio. Per loro ci saranno le parole, quelle che durano il tempo di prendersi l'onore per essersi indignati, magari una pagina di giornale, un veloce annuncio a qualche tg e niente più. Un giorno, tanto basta per essere seppelliti nel dimenticatoio, per rendersi conto di quanto valore venga attribuito alla vita umana.

Commenti

Pellescura ha detto…
Le contraddizioni del sistema, ci si accorge delle malattie e dei morti sul lavoro nei momenti di relativo benessere, quando il problema sarà di mettere insieme il pranzo con la cena , nessuno ci penserà più.
natale ha detto…
ciao SoL... è da un po' che non passo e da molto di più che nn leggo!!! uno di questi giorni avrò molto da leggere... XD

Ci si becca che stoi facendo lezione di informatica laboratorio...
articolo21 ha detto…
E si, la penso come pellescura
Silvia ha detto…
E' una delle vergogne del nostro Paese... ma considerando che il nostro Paese non prova vergogna del proprio scempio...

I dati sono mostruosi, spendono due trafiletti distratti sui quotidiani (perché i tg, salvo casi eclatanti, non ne fanno menzione...) e chi s'è visto s'è visto. Non c'è volontà di CAMBIARE la situazione, perché comincio a credere che questa mattanza quotidiana faccia comodo a tanti; quindi non si interviene in modo adeguato per porre fine a tutto questo. E continuerà a succedere, e continuerà, continuerà, continuerà...

... e in consiglio dei ministri hanno ben altro di cui preoccuparsi.

:*-(
Ragazzi di Chieti ha detto…
E' una vera vergogna, sono d'accordo! Si parla troppo e si agisce sempre meno o quando è troppo tardi!
Bisognerebbe veramente porre rimedio a questo dramma che ormai sta diventando una piaga quotidiana!
Saluti
and ha detto…
...non gliene frega niente a nessuno. anche perchè adesso che le borse risalgono, nessuno più se ne frega.
era fantastico vedere in questi giorni gli imprenditori, i politici, i finanzieri fare ridicoli mea culpa, dire che in questi anni si era giocato col fumo...beh, quel fumo, erano anche i lavoratori sempre più precari, ridotti a carne da macello, erano fabbriche chiuse e trasferire altrove....e si potrebbe fare un elenco di milioni di chilometri.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Ragazzi di chieti e and benvenuti nel blog. grazie dei commenti.
Fiordaliso ha detto…
Bravo Schiavi!!
Delle morti sul lavoro e di lavoro bisogna parlare spesso perchè vengono spesso dimenticate!
l'incarcerato ha detto…
Bravo a ricordarle di nuovo, lo dovremmo fare più spesso in effetti.
Bastian Cuntrari ha detto…
Ogni sera, su La7 (quella TV l'ha assunto come impegno morale dopo i fatti della Tissen), danno il resoconto dei caduti sul lavoro: cifre spaventose.
E la ripetizione serotina della new, anziché mitridatizzarmi, mi lascia sempre più angosciata.
No, niente riunioni speciali o tavoli allargati, per loro: solo la solitudine e la disperazione
di chi è rimasto a piangerli.
Ottimo post, amico!
Alessandro Tauro ha detto…
I conti in banca contano più delle migliaia di esseri umani che ogni hanno perdono la propria vita morendo di lavoro.

L'aumento di stranieri genera subito un bel consiglio dei ministri d'urgenza. Idem la spazzatura di Napoli, gli scontri allo stadio e la crisi finanziaria.

Le migliaia di morti sul lavoro? Normalità...
Silvia ha detto…
E' orrendo essere considerati come dei numeri...Soprattutto quando si tratta di questione di vita o di morte!

Un sauto...
Crocco1830 ha detto…
Hai ragione: per loro, per fermare le morti sul lavoro, niente provvedimenti.
Ho pubblicato a tal proposito, una lettera di Marco Bazzoni (RLS) al Presidente Napolitano. Molto concreta, contro le solite chiacchiere che da più parti si sentono.
Ciao.
Dino ha detto…
C'è gente che muore di fame,da viva, e non ce ne frega niente a nessuno figuriamoci per i morti sul lavoro.
Contano molto di piu' i conti in banca come dice Alessandro Tauro
Maurone ha detto…
Forse un giorno Silvio volerà di officina in officina, di cantiere in cantiere, di capannone in capannone a salvare vite umane grazie ai suoi superpoteri da giovane e capace premier..... eh ma questo è un film che non fa audience, cribbio!!!!!
gap ha detto…
Carissimo,
che cosa vuoi che commenti, tento solo di mettermi nei panni dei familiari di questi nuovi martiri, ma ogni volta che leggo queste notizie mi viene lo stesso pensiero di Pellescura. Mi viene in mente l'Homo homini lupo dei latini.
Non mi sento nemmeno di dire di resistere sempre e comunque, cosa ti vuoi resistere di fronte ad una morte subita per guadagnare il pane per la propria famiglia?
Coraggio.
Pino Amoruso ha detto…
Ciao, mio malgrado qualcosa mi costringe a promuovere una iniziativa contro la Riforma Gelmini che mira a distruggere la scuola pubblica ed a creare migliaia di disoccupati. Troverete da me i link per sottoscrivere una petizione e per inviare una mail al Presidente della Repubblica...

Continuiamo a far "RETE"... Aiutatemi a diffondere il messaggio!!!

A presto ;)
Pupottina ha detto…
pellescura ha centrato ancora una volta il senso...
sono d'accordo con pellescura e articolo21
Gatta bastarda ha detto…
già per loro non ci sarà niente... se non alcune persone come te che lottano almeno perchè queste cose continuino a circolare e non ci si scordi delle morti bianche... grande!
stella ha detto…
Marco oggi è toccata ad un altro muratore che cercava di arrotondare lo stipendio per la famiglia...

La moglie,saputo la tragica notizia,ha tentato il suicidio.
Franca ha detto…
Ognuno ha le sue priorità...
Anna ha detto…
I morti sul lavoro non fanno notizia. Sono solo scomodi e suscitano commozione passeggera e falsa. Che tristezza.Io lavoro nei cantieri e vedo che nessuno o quasi rispetta le regole di sicurezza. Ed i controlli sono sempre pochi.....

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…