Passa ai contenuti principali

SODDISFATTO PROPRIO NO

Cori fascisti e botte per Bulgaria-Italia. La partita finisce 0 a 0, Lippi soddisfatto

Gli Ultras Italia erano arrivati allo stadio a piedi, scortati da una moto della polizia e alcuni agenti: e durante il percorso per le strade di Sofia e' stato un miscuglio di cori calcistici, di ricordi per Gabriele Sandri, il tifoso della Lazio ucciso da un colpo di pistola di un agente di polizia italiano, e soprattuto di 'Faccetta Nera', 'Duce Duce' e altri cori fascisti.Poi, all'arrivo allo stadio, l'ingresso nel settore loro riservato e subito il tentativo d'assalto agli spettatori bulgari. Un gruppo di italiani ha percorso tutti i gradoni cinghie dei pantaloni in mano, e' arrivato fino alla cancellata che delimita il settore e ha cominciato a menar fendenti e a tirare oggetti dall'altra parte. La tensione e' stata molto alta per alcuni secondi, prima che una trentina di poliziotti con caschi, corpetti e manganelli entrasse e riportasse con calma indietro i sostenitori italiani.

L'articolo intero lo potete trovare Qui

In ritorno da Roma, questa notizia non poteva passarmi inosservata. Lippi soddisfatto della partita? Togliendo il fatto, con tutto il rispetto, che non vedo cosa ci sia da essere poi così soddisfatti per uno zero a zero con la Bulgaria, provo solo vergogna ad essere della stessa nazionalità di queste merde che chiamano tifosi. No...non sono proprio soddisfatto.

Commenti

Andrew ha detto…
soddisfatto di nulla (risultato compreso)
l'incarcerato ha detto…
Soddisfatto proprio no, ma anche perchè no ho avuto il tempo di partecipare alla manifestazione. Ma lo fai un bel resoconto??
l'incarcerato ha detto…
ps hai ricevuto la mia e mail?
desaparecida ha detto…
è uno schifo ne sentivo parlare poco fa alla radio!

resoconto resoconto resoconto

ti ho pensato...un abbraccio! :)
Anticlericale89 ha detto…
Lippi soddisfatto?ma pensa....

A parte il risultato risibile,potevamo vincere 10 a 0 ma non credo che si sarebbe comunque potuto definire soddisfatto...
Misteri della fede(questa volta calcistica)
il Russo ha detto…
Come ben sai ieri pomeriggio ero fuori dal mondo, però avendo visto queste immagini ieri sera ho definitivamente cambiato idea.
Sono sempre stato per la prevenzione negli stadi, ma dopo questi fatti divento più autoritario e giustizialista di questa destra all'amatriciana che abbiamo in Italia, forte coi deboli e debole con gli amichetti neri: REPRESSIONE!
articolo21 ha detto…
Che storia incredibile.
SUB ha detto…
Dire che è schifo è poco.
Del resto: Buffon, Aquilani, Cannavaro, Abbiati. Tutti fascisti.

Non mi sorprende poi che questi crescano come funghi nelle curve.
Rouge ha detto…
A mia memoria è la prima volta che capita un fatto del genere, almeno per la nazionale. Non è un bel segnale.
@enio ha detto…
Ho appreso oggi le notizie dalla TV, ieri non si era capito un granchè durante la telecronaca 8 e dire che il servizio pubblico RAI dovrebbe essere il migliore-lo paghiamo col canone!).Appena ho sentito,ieri, che c'era Bagni a commentare ( una nullità meno meno a blaterare insieme al cronista)ho capito subito che non avremmo fatto un buon risultato e ho spento alla fine del 1° tempo (sto "signore" ci ha fatto perdere una coppa dei campioni ai rigori, è un portasfiga che te lo raccomando).Per il fatto dei cori nazisti e dei casini verificatisi,(bruciata una bandiera ospite) speriamo che gli otto che hanno arrestato li buttino in carcere per un mesetto a pane e acqua e se protestano, una bella dose di legnate per contorno. Ne abbiamo piene le tasche di questa gente che deve infangare tutto e ad ogni costo... delinquenti e come tali vanno trattati.
Fiordaliso ha detto…
Ciao
io il calcio non lo seguo proprio e poi ieri sera sono tornata abbastanza tardi e non ho sentito neanche i racconti e i commenti...
Certa gente bisognerebbe mandarla a scuola ma non la scuola della Gelmini... oppure in galera.
Fare un pezzo di strada insieme a te è stato veramente un piacere...
Un abbraccio
Bastian Cuntrari ha detto…
Del risultato della Nazionale mi secca: i campioni del mondo,
0 a 0 con la Bulgaria... Mah!
Mi indigna, invece, che questa teppaglia, con il vuoto pneumatico sotto la calotta cranica, riesca ad andarsene impunita in giro per il mondo e per le nostre strade spacciando i propri istinti belluini per "tifo".
Repressione e carcere duro per tutti: "amichetti" neri, rossi o verdi che siano.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Bastian Cuntrari: benvenuta nel blog. Scusami se sono pignolo, ma tengo a precisare che questa volta sono neri però....
riccardo gavioso ha detto…
Lippi sarà stato soddisfatto perchè in campo l'Italia ha pareggiato, fuori ha perso quattro a zero.
Maurone ha detto…
Le tifoserie nere sono parecchie, un gran problema, visto l'abitudine infamante di lamare (accoltellare) i tifosi avversari, e non solo i tifosi.
Anche oggi i tifosi del Frosinone hanno fatto il saluto romano allo stadio del Livorno...

Intanto sul mio blog foto della manifestazione di ieri. Dove l'orgoglio di essere "indicibile" si è sposata con il desiderio di fare qualcosa di concreto e non chiacchere.
Gatta bastarda ha detto…
soddisfatta di sto cazzo direi.. e scusate se sono volgare...
sto calcio ha rotto, è solo violenza è razzismo...
♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
lasciamo perdere le finte dichiarazioni di larussa che sono di prammatica,per il risultato si devono vergognare altro che pizza e fichi sti strapagati del menga
ciao marco gabrybabelle
Pino Amoruso ha detto…
Ciao 250mila firme in un solo giorno!!!

Buon inizio settimana ;)
Silvia ha detto…
A porte chiuse... finché non s'impara la civiltà del vivere e dello sport! Mi spiace solo per i tifosi quelli seri, onesti e rispettosi che ci rimettono sempre da incolpevoli. Io che sono tanto amante del calcio e dello sport in generale... soffro per tutto questo schifo...

:*-(

E me ne vergogno... (anche se, come mi dicevi tu, non dobbiamo mai dimenticare che noi non siamo come loro).

***

Ahhhhh, e tu hai udito la notizia tornando da Roma... Mmmmm... perché sei stato a Roma??!!

Ciao, caro! ;-))
ladyoscar ha detto…
La partita è stata uno schifo, bagni porta sfiga davvero e blatera a vanvera, e i tifosi.. ma quelli sono tifosi? no quelli sono delinquenti e basta! Calcio a porte chiuse non ci sono alternativa. Dispiace per i tifosi quelli veri.
stella ha detto…
Essi non sono italiani,caro marco !
Non rappresentano l' Italia...
sirio ha detto…
La nazionale ha il titolo di Campione del Mondo,ben venga: la squadra vista ieri è la parente povera,non a caso è stato richiamato Lippi per tirarla su "ex novo",direi.

Tutto il resto non ha nulla a che vedere con lo sport,almeno quello che dovrebbe essere.
Domandina : perchè acquisto e ingaggio dei calciatori non subiscono gli effetti della recessione? Allora è una bufala che stiamo male,se si continua ad andare all'estero,in trasferta dietro la propria squadra (e la chiamano squadra del cuore,ma il cuore dove sta?) Naturalmente non parlo per tutti,il tifo vero e sano esiste,per fortuna!
Come in tante cose,per colpa di pochi esaltati ci si rimette in tanti.

Ciao marco,buon inizio settimana!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…