Passa ai contenuti principali

PACCHE SULLA SPALLA BERLUSCONI E BUSH

Qualche pacca sulla spalla, il clima disteso e festoso, mentre l'economia mondiale va a picco. Loro, che hanno insegnato al mondo un nuovo concetto di democrazia fatto di guerra, hanno fatto della libertà uno strumento di prevaricazione sui più deboli, ora festeggiano. Loro, che hanno detassato i ricchi per dare respiro all'economia precarizzando il lavoro e riducendo al minimo il sociale, ora festeggiano e brindano.
Roubini afferma che sarà la peggiore recessione degli ultimi 40 anni, le perdite per il comparto finanziario potrebbero arrrivare a 3 mila miliardi di dollari, vale a dire 2 anni del Pil dello stato italiano che tra l'altro è uno dei paesi, essendo nel G8, con il prodotto interno lordo più alto.
Loro festeggiano, mi verrebbe da dire quasi alla faccia di chi li ha votati, di chi crede che la libertà sia poter fare i soldi alle spalle degli altri, arrivare al successo in ogni modo perchè il fine giustifica i mezzi. Ora, che la sua politica ultraliberista sta fallendo, lo stato diventa fondamentale per salvare il mercato, la stessa entità che per salute, istruzione e pensioni decenti (a chi ci arriva dopo una vita venduta al capitale), non ha mai fondi. E poi, si lavano la bocca con parole come pace, amore, democrazia, quando la storia, se non verrà modificata in base agli interessi, li ricorderà sotto altre voci che parlano di morti per interessi "strategici occidentali".
Ora brindano, certo è già troppo tardi, ma nella storia, il tempo degli onori è finito per tutti.

Commenti

desa ha detto…
loro festeggiano...alla faccia di tutti,purtroppo!

buonanotte :)
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Desa, è vero, ma l'importante è non aver contribuito con il proprio voto ad eleggerli.
Almeno, anche se magra consolazione, la colpa non sarà nostra.
Buonanotte
Silvia ha detto…
Ora brindano... con il nostro stesso sangue, mi verrebbe da pensare.

Credo che non si rendano conto fino in fondo relativamente alla situazione attuale, o magari ne sono consapevoli e ne gioiscono allegramente...

"... E poi, si lavano la bocca con parole come pace, amore, democrazia, quando la storia, se non verrà modificata in base agli interessi, li ricorderà sotto altre voci che parlano di morti per interessi "strategici occidentali...", appunto. Sì, la Storia dirà ben altro ai posteri di loro... sempre se riuscirà a sopravvivere, la Storia.

:*-(

***

Decisamente vero, una scrittura che rasenta il poetico...

;-)
Pupottina ha detto…
d'accordo con Desa....

anche se non li abbiamo votati noi... loro hanno comunque raggiunto i loro obiettivi.... significa che tanti sono stati imbambolati..... per non dire peggio!
Rouge ha detto…
A te viene da dirlo, io lo dico: alla facciazza di chi li ha votati! Sarà una magra consolazione ma sempre consolazione é.
stella ha detto…
Baci e abbracci,onori a tutt'andare alla faccia nostra!

Ma per favore...
l'incarcerato ha detto…
Sono sicuro che non ci sarà nessun revisionismo storico che riuscirà a legittimare queste due persone.
Silvia ha detto…
Ancora non riesco a capire come si può essere così meschini, così subdoli, diabolici!?

E soprattutto come si può essere talmente stupidi da votarli?

Mah!E'un mistero...

Buona giornata!
Punzy ha detto…
..gia..il Columbus Day e' stato praticamente spacciato come un festa per il nano..bastardi
Crocco1830 ha detto…
Sta venendo fuori il fallimento del mondo secondo il liberismo. Quel liberismo (e non ne conosco altri) che produce ricchezza per pochi e miseria per gli altri; che produce guerre e morte; che approfitta delle catastrofi che contribuisce a produrre; ...
Eppure stanno finanziando di nuovo quel mondo, per ricominciare più o meno come prima. Ma solo dopo aver lasciato sul campo, altra miseria e disoccupazione.
NADIA ha detto…
hola non è che non avendoli votati mi consolo, mio caro Marco, ma vederli sorridere e festeggiare mi fa veramente incazzare, e scusa ma non trovo un altra parola,possano schiatta!!!!!
almeno festeggeremo noi!!!
un abbraccio!!!!!
Beh... sono sempre stati una "bella coppia"... in realtà Berlusconi ama il triangolo inserendoci anche Putin...
Fiordaliso ha detto…
Non averli votati non consola neanche me..
E devo dire che l'immagine di quei due che se la ridono mi fa pensare che speranze ce ne sono poche.
Quando si diceva che la globalizzazione avrebbe portato alla crisi globale qualcuno se la rideva e ora che la crisi mondiale c'è qul qualcuno ride più forte perchè chi l'aveva preannunciato non c'è più.

P.S. Confessione: comincio a provare una certa gelosia per colpa di Silvia... Non ti fa troppi complimenti?! :P
Silvia ha detto…
@Fiordaliso: intendi dire gelosia per colpa mia????!!!!

:-o

Mi dispiace.... Ma Marco è il mio manager e non posso non fargli continuamente i complimenti...

;-))
Fiordaliso ha detto…
Non ti preoccupare Silvia... non ce l'ho con te stavo giocando!!!:P
gap ha detto…
Che bello!!!!! una scenata di gelosia. Dovrò ringraziare il nanomalefico per questo spettacolo.
Alessandro Tauro ha detto…
Condivido tutto, parola per parola!
E sono d'accordissimo con il tuo commento: non ho contribuito in nessun modo a supportare questo sistema o a consentire a questi due fenomeni di gioire alle nostre spalle.
Non cambierà nulla a livello pratico? Certo che no. Ma almeno non avrò assolutamente nulla da recriminare.
Quanti un giorno potranno dire in tutta sincerità lo stesso?
Pellescura ha detto…
x daniele verzetti,
il triangolo no, non l' avevo considerato :-)
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Mi sa che dovrò cambiare nome al blog....
il Russo ha detto…
Ma insomma, sei schiavo della liason con Silvia o di quella con Fiordaliso? E poi si definisce libero, tsè....
Silvia ha detto…
Marcolino!!! Oggi il tuo blog è stato animato... in maniera inaspettata, ehhhhh????!!!!

Scherzare e sorridere fa così bene!!!

Ciaoooo, caro!!!!

;-)))
Gatta bastarda ha detto…
come vorrei che venissero ricordati per quello che sono (e non ho abbastanza isulti) ma verranno ricordati come grandi statisti come cercano di fare con mussolini... che schifo.
stella ha detto…
Marco è anche ...mio!
Che dici russo caro?

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…