Passa ai contenuti principali

IL SISTEMA

Crisi mutui, l'appello di Confindustria: interventi di Stato per ...
Quando leggo notizie come questa, c'è qualcosa di me che inizia inevitabilmente a girare come eliche impazzite. Nei momenti di crisi, lo stato deve entrare nell' economia per salvare il sedere a questa gente che ormai da 20 anni, ci riempie la testa sempre con le solite sciocchezze di sviluppo e benessere. Solo nei momenti di crisi però, perchè in altri frangenti il mercato deve autoregolamentarsi consentendo di far fare ricchezza sempre ai soliti. Io non ci sto, anche dopo aver letto la bella lettera di Michael Moore , non si può continuare ad accettare questa ipocrisia. Ha ragione Moore, siccome quando compro una casa la banca mi chiede l'ipoteca, e fino a quando non avrò saldato il debito sarò sempre con quella spada di Damocle sulla testa, nel caso lo stato presti denaro alla banca questa diventa automaticamente nostra, dei cittadini fino a quando il debito contratto non sarà rinsaldato. Infondo sono stati loro ad insegnarci che il privato è meglio, che lo stato non deve esistere. Sono loro quelli che lavorano alacramente per promuovere la concorrenza e la competitività. E poi, si pensa sempre alle imprese, ma quanti precari in Italia rischiano il fallimento? A loro niente? Ah già....ma chi crea ricchezza sono i grandi gruppi finanziari non chi lavora. Incredibile, se ci penso rasenta l'assurdo, i poveri lavorano per mantenere il benessere dei ricchi. La Bce, è un anno che inietta liquidità nel mercato per sostenerlo, e tutti abbiamo visto l'inflazione come è aumentata ma per lei non è un problema, mica ha reddito fisso dipendente.
Sempre con questa idea di sviluppo, perseverando nella stessa direzione anche se ormai è evidente che la mano invisibile del mercato crea solo miserie economiche e umane. Il mercato ha fallito, ma questo a differenza del comunismo non possiamo ammetterlo. Altrimenti come faremmo ad avere un mondo più giusto? Una società dove 400 americani non posseggano più dei 150 milioni, circa metà della popolazione Usa, messi assieme. Allora mi verrebbe da rispondere alla presidente: voi ci avete insegnato ad essere egoisti, a sbranarci fra noi per avere un misero posto di lavoro, e adesso godetevi il frutto della vostra propaganda liberista. Ma purtroppo, senza una presa di coscienza collettiva, questo non sarà possibile.

Intanto mi ascolto questa canzone per calmarmi.

Commenti

Silvia ha detto…
"Il mercato ha fallito, ma questo a differenza del comunismo non possiamo ammetterlo"

Perché non si può dire, quando invece è più che lampante che ha fallito il mercato???

IL MERCATO, IL CAPITALISMO HA FALLITO! E i risultati, drammaticamente, sono sotto gli occhi di tutti...
Lucia Cirillo ha detto…
Come non condividere...ora lo ammettono anche i capitalisti (solo perchè fa comodo anche a loro)...però è un segnale positivo e si approfitta del momento per ripensare, o semplicemente riproporre, teorie economiche alternative.
Splendida canzone!
O.T. grazie per le belle parole da me ;-)
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Figurati Lucia. E' un piacere per me. Non possiamo permetterci di perdere per strada persone del tuo calibro.
Grazie a te.
Silvia ha detto…
Si fa sempre di due pesi due misure...Speriamo che questa presa di coscienza collettiva arrivi presto!

Come dice Moore nel nono punto del suo piano di salvataggio:

ABBIAMO TUTTI BISOGNO DI FARE UN RESPIRO PROFONDO, CALMARCI E NON LASCIARE CHE LA PAURA CI ATTANAGLI.

p.s.Aggiungimi pure ai tuoi link...Lo farò anch'io! :)
Pellescura ha detto…
Sistema marcio e le alternative non sono pronte.
articolo21 ha detto…
Il mercato ha fallito... Il comunismo ha fallito... Ci rimane la speranza... sperando che non fallisca anche quella.
Anonimo ha detto…
Grande Bertoli, ha sempre scritto canzoni e vissuto senza ipocrisia ! :-)

grazie Marco,
aria
Alligatore ha detto…
Paura e disgusto a Capri, al convegno dei Giovani industriali ...
natale ha detto…
caspiterina se hai ragione!!! il mercato ha fallito!!! E lo stato deve prestare i soldi alle banche??? Ok ma le banche quei soldi deve restituirceli con gli interessi (con gli stessi tassi proposti da loro, al limite di usura)!!!
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
IL comunismo ha fallito, ma se avesse avuto anche solo la metà del sostegno avuto da questo sistema, forse le cose sarebbero andate in maniera diversa.
Il problema è che se certi Istituti vanno a bagno anche i risparmi degli Italiani vanno a bagno, ossia di gente che non ha colpa dei loro mastruzzi...
il Russo ha detto…
Cribbio, il pc che "mi ospita" non ha le casse, non volevo però mancare di portarti il mio assenso a questo pezzo che avallo in toto.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Daniele, hai ragione, per questo insisto nel dire che lo stato dovrebbe farsi carico dei risparmi delle persone e non di rivitalizzare la speculazione. I soldi, li stanno dando ai ricchi, anche perchè i vari scandali come Cirio, Parmalat e Argentina hanno dimostrato che a loro non interessa nulla dei risparmiatori.
Quindi, pensiamo prima a proteggere i piccoli e i grossi che falliscano pure. Negli Stati Uniti, questo intervento ricadrà inevitabilmente anche sui più poveri denneggiandoli. Perchè non aiutare ad estinguere il mutuo degli insolventi? Che affoghino nel loro egoismo visto che questo mondo, è principalmente colpa sua.
Un saluto.
♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
toc.toc.toc. posta x te marco-[[Vedi Gabry cosa non mi piace di Travaglio?
Questo suo continuo guardare all'america come un esempio.
Del resto però condivido tutto:post e video.]]
-------------------------------
Vedi mio caro marco,Travaglio come sai ,si dichiara uomo di destra,MA ce ne fossero di uomini cosi
se fossero tutti cosi non avremmo nulla da temere,da questi pagliacci di politici cosidetti di destra, non sarebbero nemmeno li
Quelli sono solo fascistelli con la vergogna addosso tanto che NOn si dichiarano fascisti,capisci?
Non hanno nemmeno il coraggio di dire cio' che sono veramente-Detto cio' guardare all'america
puo essere costruttivo,se non altro per capire che un paese come l'america NON avrebbe
permesso mai "porcherie"come quelle che sta facendo questo Governo,con un capo che è convinto
di essere il nuovo re D'ITALIA e noi tutti suoi suddit-
Poi magari in america in molti stati hanno la pena di morte,
e questo fa giustamente orrore,oppure hanno uomini di merda come Bush,e anche questo fa schifo,MA non tutto è da buttare,anzi,al contrario-
Siamo noi Italiani semmai,con un'americanite galoppante e andiamo a prendere sempre le cose
e gli esempi peggiori-Poi ovviamente ne paghiamo le conseguenza e molto duramente-
Perchè loro riescono a spalmare i problemi molto meglio che noi-Ma comunque sarebbe lungo e complicato come discorso per affrontarlo in un commento
Diciamo che anche li c'è il buono e il meno buono,Travaglio fa paragoni(a mio avviso) per far caipre agli
italiani le nostre "deficenzie" e nefandezze-Ad ogni buon conto lui stesso pochi giorni fa ha dichiarato
(oltre a ricordarci che lui è sempre un giornalista e quello fa,la cronca punto per punto per smantellare le nefandezze dei piu)
Dicevo che ha dichiarato :"Da uomo di destra,queste continue convivenze a sinistra mi stanno forviando
(eh,eh,eh,)"
è chiaro e lampante che lui sta piu a sinistra di molti uomini cosidetti di sinistra,capisci a me...
Questo post si aggancia al discorso sull'america e su cio che michael Moore andava e va ancora dicendo a tutti,fra i milel discorsi messi sempre in mezzo c'erano i caimani delel borse ,ma nessuno lo ascoltavva,forse per paura o melgio chi lo ha ascoltao s'è salvato dla grande crack borsisitco-Trovo Michael Moore,il grillo parlante ma con basi solide,solidissime,che mette in musica e video le tante "atroci verita' nascoste" dell'america Bushiana,e ha fatto molto bene,sempre,ripeto,troppo spesso inascoltao o poco ascoltato,ma oggi chi lo ha fatto non se n'è pentitto-sono anni che le suona a sti zoticoni di americani Yupper's,forse ora FINALMNTE capiranno anche che cosa lui voleva dire sull'11 settemre con il suo film,e tu lo capisti?
----------------------------
Marco grande,smakkete ;-)
hai messo i tazenda,ho consumato i loro c.d.li adoro,
anche se il capo è venuto meno
ci sono tutti gli altri a ricordarci la grandezza di questo popolo fiero-
(di cui anch'io per sangue faccio indegnamente parte,eh,eh,eh,)
me la sono riascoltata con gioia-
E poi questa song in particolare
ha qualcosa di super speciale-Con Bertoli,che grande persona,
Nell'altro blog di blogspot,mi devo ricordare di riportare un po' dei loro magnifici canti che sono vere poesie nella poesia-
buona domenica marco ;-) gabrybabelle
Blogger ha detto…
Il mercato ha fallito anche perché la corda è stata tirata eccessivamente.
Non sono un economista, non so aggiungere molto al tuo post.
Concordo con te che è inaccettabile che lo Stato intervenga a suo piacimento.
Ciao, a presto, ti leggo volentieri.
Grazie per i commenti sul mio blog.
Dario
ITALY ITALIA

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…