Passa ai contenuti principali

NELLE DIFFICOLTA'

Purtroppo, la situazione è grave, già prendere atto di questo è fondamentale per poter attuare delle contromisure alla deriva che caratterizza questo nostro contesto storico. Noto, da un po' di tempo a questa parte, una sorta di rassegnazione, un pessimismo strisciante in tutte le persone che non credono in questo tipo di società. Bene...ragazzi, se non ci crediamo più nemmeno noi è finita davvero. Per carità, io non sono l'oracolo e nemmeno l'unto dal signore, non conosco le problematiche che affliggono ognuno di noi nel suo mondo, ma lasciarsi andare in questo momento è la cosa più sbagliata. Il vento soffia contrario, il mare è in forte tempesta, ma credo che paradossalmente sia proprio adesso il momento di dimostrare salde convinzioni in ciò che crediamo. Infondo questo sistema, non può essere imperituro: creato da uomini finirà per mano di uomini. Lo so, con questo post potrei essere etichettato come presuntuoso, anche al di fuori dalla realtà, ma non mi interessa: se riuscirà ad infondere voglia di ricominciare anche ad una sola persona avrà raggiunto il suo scopo. Non è facile, a volte il peggio sembra veramente non trovare il suo limite, ma nessuna conquista è stata facile, e noi, che ci rifacciamo ai valori della Resistenza, dovremmo saperlo. Certo, questa volta il nemico è più subdolo, purtroppo si nasconde anche dentro di noi, ma non possiamo di certo rassegnarci a vendere le nostre vite.
E poi, parafrasando Goethe, preferisco stare con le minoranze perchè di solito sono le più intelligenti.
Dimostriamo di essere diversi e più intelligenti.

Commenti

Pupottina ha detto…
viva le minoranze!

;- buona giornata
luce ha detto…
Carissimo, io ci sto e ci credo che forse qualcosa migliorerà, sono i corsi e ricorsi storici: si sale, si scende, poi si risale e poi si riscende.
Io sono in ascensore adesso perchè ai piani alti, con i pensieri alti, alti si è veramente, come te.
Buona giornata Marco cuore impavido e ottimista.
stella ha detto…
Marco condivido e lo dimostra il mio post di stamattina. Non lasciamoci schiacciare e un po' di ottimismo non guasta!
Fiordaliso ha detto…
Condivido quello che dici anche se diventa ogni giorno più difficile su tutti i fronti... è così difficile!!!!
Nicola ha detto…
Una volta la politica era sporca,oggi siamo riusciti, purtroppo, a farla diventare anche frivola.
Un caro saluto a presto
articolo21 ha detto…
La maggioranza non è in possesso della verità. Lo ha detto anche Benedetto XVI. Vedo che stai andando nella sua lunghezza d'onda. ahaha scherzo. buon post
l'incarcerato ha detto…
Carissimo, io invece mi sto preoccupando, siamo diventati un po tutti troppo nichilisti, troppo disfattisti, dobbiamo avere più fiducia nelle cose e credere che qualcosa si può fare e anche cambiare. Io ora vivo a roma, ma prima abitavo in una piccola cittadina dell'Abruzzo con una mentalità borhese mista all'ignoranza, eppure io e qualche altra persona avevao costruito i giovani comunisti...sembrava impossibile eppure ce l'avevamo fatta. Pensa che era nato anche un social forum.

Questo per dire che noj dobbiamo mai arrenderci e osare sempre!

ps è sempre stata la minoranza a fare le rivoluzioni, pensaci!
Alessandro Tauro ha detto…
Ottimo post! Condiviso in pieno come sempre.
Non importa essere maggioranza numerica in un paese. Il lavoro di reale cambiamento di sistema ed istituzioni spesso nasce dalle menti di pochi.
Bisogna essere testardi, inclini alle altre idee ed aperti al confronto, ma forti nella necessità di cambiare radicalmente le strutture (e le storture) di questo nostro paese (e non solo).

Bisogna solo non farsi scoraggiare. E credere che se non adesso, comunque potrà accadere a breve. E che ci tocca fare del nostro meglio perché davvero tutto possa accadere.
Rouge ha detto…
La situazione è veramente pessima, sotto tutti i punti di vista e motivi per essere ottimisti ne vedo uno solo: che questo sistema è certo che finirà.
Silvia ha detto…
Bello leggere che c'è ancora qualcuno che la pensa così :)

Bel post e bel blog!

Un saluto...
Lucia Cirillo ha detto…
Anch'io credo che le minoranze siano una risorsa...se non esistesse la maggioranza. E' quella che decide per tutti. Da sempre.Purtroppo resistere - io credo - non basta più per cambiare alcunchè. Almeno io non lo penso più.
calendula / trattalia ha detto…
io non ho mia smesso di sperare... e per ora non smetto.. anche se a dirla tutta certi giorni e proprio dura... vedi le cose intorno e su 10 ce ne sono 9 che vanno male...e non sai da dove iniziare per portare rimedio, aiuto, conforto....
sirio ha detto…
Ciao marco,tu non sei affatto presuntuoso,sei realista!
Avere delle convinzioni ferme è necessario per dare una spallata decisa alla rassegnazione e al pessimismo; se mi sento parte di una minoranza numerica ne sono orgoglioso!

P.S.abbasso i cervelli al'ammasso...!!
Pellescura ha detto…
Il punto di non ritorno forse si avvicina (toccatevi pure):-)
riri ha detto…
Sì,mai abbattersi,continuare a combattere..sempre!!!
Un abbraccio
Crocco1830 ha detto…
Più che rassegnazione, mi pare sia forte un'apatia mentale. Di fatto in troppi lasciano che qualcuno decida per loro.
Manca insomma una forte coscienza politica, che possa contribuire all'emancipazione dal decisionismo autoritario.
Silvia ha detto…
Avrebbero vinto LORO se ci arrendessimo all'evidenza, giusto? E per questo dobbiamo proprio resistere e lavorare affinché questo momento oscuro - che di certo non può essere infinito - passi in fretta. E' nelle difficoltà che ci scopriamo più forti e determinati a combattere!

Che bel post, caro!

;-)
NADIA ha detto…
hola il mio motto è credere e lottare sempre arrendersi mai!!!
la vedo dura, ma veramente!!

Comunque su con la vita e come diceva Rossella o'hara in "via col vento":-"domani è un'altro giorno"
un abbraccio sorridente e ottimista!!!!
il Russo ha detto…
Io non sono granchè intelligente, ma questo non mi vieta di stare con le minoranze.
Lascio ai più furbi stare comodamento al caldo con i più forti, i prepotenti, quelli che comandano.
gap ha detto…
Mi rendo conto che ti ho trascurato!!!!!
Ti sono semopre vicino e concordo, a priori, con tutto quello che dici.
Mi schiero con il Russo.
Minoranza illuminata.... forse, sicuramente minoranza.

Ora dobbiamo resistere, e cercare di continuare a credere che possiamo cambiare le cose e che la realtà può subire mutamenti importanti e positivi.
natale ha detto…
Ca...spiterina se hai ragione... Dobbiamo riprenderci ma non solo a parole... Dobbbiamo darci da fare... E non attendere che migliori!!! Dobbiamo farla migliorare!!!
italiano vero ha detto…
il pessimismo io non lo vedo, vedo solo l'allarmismo creato ad hoc dai compagni i quali sfogano le elezioni usando i metodi del libro rosso del comunismo, al capitolo IV in cui si vuole sobillare la massa per creare la dittatura del proletariato, come anche ben specificato dal kgb.

riguardo alle minoranze dico subito che vengono trattate bene, come meritano, come tutti.
poi possono tornare a casa loro se non gli va bene.
arial ha detto…
è uscito l'aggiornamento di Vittorio da Gaza: lancinante. Scusa ,ma non sapevo come avvertirti
elena ha detto…
Resistere non basta più. Dobbiamo tornare all'offensiva, penso.
Con l'etica comunista e la solidarietà nel cuore.
Anonimo ha detto…
ma basta con sto comunismo!! siete riusciti solo a farvi le leggi ad personam quando eravate al potere. siete stati capaci di fare danni.

basta
Gatta bastarda ha detto…
purtroppo la sociologia ionsegna che non è quando si è al peggio delle situazioni che la gente reagisce come dovrebbe ma solo quando c'è già in atto un minimo di cambiamento, quando c'è una sorta di spiraglio su cui puntare...

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…