Passa ai contenuti principali

LO SFOGO E L'ADDIO

Ci sono volte in cui hai voglia di sfogarti, come una valvola a pressione il cui termostato segna rosso da un bel pezzo.
La canzone che in questo ultimo periodo ha scalato la mia ipotetica hit parade è questa:



Io dico addio, a tutte le vostre cazzate, ad un paese non più in grado di ricordare il suo passato, la sua storia caratterizzata da una Costituzione antifascista. All'indifferenza che dilaga nella nostra società, a quel "tanto non cambia niente pensa a te stesso" perchè alla fine sono tutti uguali. Dico addio, all'ignoranza di chi crede di poter fare a meno della cultura.
All'intolleranza, a chi si ritiene superiore, a chi si commuove davanti ad una immagine in televisione e poi tutti dovrebbero ritornarsene al loro paese.
Io dico addio, al degrado politico, economico e umano caratterizzato da questo sistema, il successo nel prevaricare il prossimo e alla paura del domani.
Alla conocorrenza, la competizione in ogni frangente, alla prestazione sessuale, ai farmaci quotati in borsa, a chi non rispetta l'ambiente, a chi altera i cibi pur di venderli, alla tecnocraticaUnione Europea, ai tassi d'interesse sul fumo del denaro, alle banche, alle bombe intelligenti, alla democrazia della guerra, all'informazione corrotta e pilotata, al conflitto di interessi, ad una sinistra imborghesita, a tutto questo schifo.
Io dico addio, alla cattiveria gratuita, alla stupidità umana, allo sfruttamento dei più poveri , al precariato e alla tecnologia usata in questo modo.
Io dico addio, ad una realtà che non ha futuro...

Commenti

desaparecida ha detto…
mi viene da vomitare,pure a me,vedendo scritto tutto qsto!

per un attimo mi sono chiesta ma che cazzo rimango a fare ottimista...
è solo un'attimo,faccio un urlo anch'io...e poi continuo a lottare!

Che l'ignoranza unita all'arroganza è un connubio duro da abbattere.

I tuoi momenti di pausa così come qlli di sfogo riescono a scuote....è una splendida qualità qsta.

semplicemente grazie,ora vado al balcone ad urlare.

ti abbraccio,forte!
SCHIAVI O LIBERI ha detto…
Grazie a te per il bellissimo commento. Dopo aver urlato, non possiamo fare altro che ritornare a lottare.
Un abbraccio a te.
desaparecida ha detto…
fatto.
mi sono sfogata.
ora sto meglio.
i vivini chiameranno la neuro.
ma io sto meglio.

RESPIRO

si ricomincia! :) ()
Unknown ha detto…
ragazzi dobbiamo credere in chi ogni giorno ci spiana l'unica strada che è quella della trasparenza e della giustizia. Niente compromessi, testa alta e schiena dritta sempre! Ciao amico...a presto
Silvia ha detto…
Io ho detto addio da tempo a tutto questo... e se posso ben dire di essere "viva" lo devo a questo addio. Che bella canzone, caro!

***

Davvero volevi chiedermi un'opinione su quella donnaccia proprio ieri???!!! Decisamente, la nostra è telepatia, ormai!!!

PS: nonostante ci siano certe donne indegne che non meritano di essere definite donne... caro, non ricorrere alla misoginia, neppure in quel caso, ti supplico: è una parola troppo terribile, la misoginia! Ci sono io che ne parlo male di quelle donnacce... stai tranquillo!!

Ciaooo, caro...

;-)
Pupottina ha detto…
buon martedì
Anonimo ha detto…
questi urli di rabbia......quei c....in alto non li tocca nemmeno,continuiamo lo stesso ad urlare la nostra rabbia e indignazione e speriamo presto di potergli dare l'addio e spariscano dalla faccia della terra.
buona giornata,
aria
loris ha detto…
Credo non sia fuori luogo citare Gramsci “pessimismo dell’intelligenza e ottimismo della volontà”.
Da un presente che ha purtroppo quelle caratterizzazioni che descrive Guccini, alla nostra presenza sulla rete e concretamente nei territori nelle scuole sui posti di lavoro con un progetto di cambiamento e di riscatto.
Fiordaliso ha detto…
Grande Guccini!!! e grande Schiavi...
Anche io a volte vorrei dire addio a tutte queste cose ma purtroppo non solo è difficile ma è impossibile e allora bisogna trovare una strada...
NADIA ha detto…
hola vorrei urlare la mia paura del futuro ,per e per i miei figli..ma non posso devo e voglio lottare perchè i miei ragazzi meritano un mondo migliore , e non è piangendomi adosso o ritirandomi che potrò fare qualcosa, vorrebbe dire arrendermi e non voglio e non me lo posso mermettere ma soprattutto non voglio dare la soddisfazione di essermi arresa e di essere schiacciata.Chiamami idealista ma finche avrò una voce, finchè tutte le mattine mi alzero rabbiosa non sventolerò la bandiera bianca, ma continuerò e sognare di sventolare una VERA e forte e onesta BANDIERA ROSSA per la mia libertà!!!
hasta siempre!!!
Anonimo ha detto…
Aggiungo la mia firma al commento di Loris.
Se fosse diversamente staremmo tutti qui a perdere il nostro tempo.
Ciao
Unknown ha detto…
Ma lo sai che volevo scrivere un post con uno sfogo simile? Lo scriverò comunque. Un modo per sfogarsi e poi ricaricarsi è anche questo!
Mo quasi quasi faccio come Desa, però veramente poi finisco alla neuro ;)
articolo21 ha detto…
Il tuo sfogo ha ragioni da vendere. E meno male che esistono questi mezzi per farlo. Perchè ltrimenti rimarremmo tutti chiusi nelle nostre gabbie mentali.
Anticlericale89 ha detto…
Io darei addio subito e volentieri...purtroppo devo avere pazienza,intanto non resta che lottare.
desaparecida ha detto…
X INCARCERATO= mi hanno appena rilasciato...passare una notte con i matti aiuta....nn ti senti + tanto "diverso" e soprattutto ti ricarica....
fammi sapere che in caso passo a trovarti! :)
MelaAcerba ha detto…
a volte mi viene la tentazione di andare a vivere su un eremo.
con mucche, galline e capre, niente tv, radio e niente soldi.
ma forse dovrei andare su un altro pianeta.
confido nei viaggi interpaziali.
nella prossima dichiarazione dei redditi devolverò il mio 5X1000 alla NASA.
:)
Unknown ha detto…
Guarda DESA io un po' matto ci sono, sicuramente mi troverò meglio con loro che con quelli che vogliono apparire per forza "normali".

Hai proprio ragione cara, ma devo per forza ricoverarmi per ricevere una tua visita? ;)
Bastian Cuntrari ha detto…
Di questi tempi sto leggendo molti commenti come il tuo, Schiavo o Liberi: è un brutto segno.
Per i ciechi e i sordi, lascio questo pensiero:
"L'ottimista pensa che questo sia il migliore dei mondi possibili. Il pessimista sa che è vero"
.
Oscar Wilde
Franca ha detto…
Ah, grande Guccini...
Schiele ha detto…
aggiungerei "io non mi sento italiano" di Gaber ^^
Crocco1830 ha detto…
Diciamo addio a tutto questo ... ma non alla voglia di ritrovarci!
desaparecida ha detto…
X INCARCERATO = assolutamente no!
mi considero invitata a trovarti!
Mi piacciono i matti,io temo solo gli stupidi! ;)



Un abbraccio get..... :)
Pipoca ha detto…
un ciao tristissimo
sono così impegnata nella sopravvivenza,
che nemmeno ho nemmeno più la forza di scrivere.

la scuola è già distrutta.
hanno iniziato a distruggerla attraverso uno sottilissimo, ma purtroppo efficacissimo, sistema mediatico.

distruggere la credibilità ed il valore della figura e del ruolo dell'insegnante ha significato preparare il terreno per la distruzione definitiva.

all'interno della scuola si vive un clima pessimo, dove non c'è più il vero senso dell'istruzione.

siamo al collasso e
senza scuola non c'è futuro.

ieri pensavo ad uno studente che grazie all'amore delle sue ex-insegnanti si è conquistato una dignità e una speranza per il futuro.
una piccola storia, di una piccola scuola, che ha rappresentato l'alternativa ad una famiglia del cazzo.

quest'anno non ci sono insegnanti per lui, il prossimo anno non ci sarà nemmeno la scuola.

se facessimo il conto di quanti ragazzi ogni anno, in ogni paese del cazzo, riscattano la loro vita grazie alla scuola...

ma questo non conta.
non conta più.

come nessuno sa che cosa sia l'analfabetismo di ritorno...

sfogo, triste
Gianna ha detto…
Non smettiamo di lottare marco,abdicare è come suicidarsi!
il Russo ha detto…
Concordo con Stella, addio un cazzo! Qua si resta e si rompe i coglioni a tutto ciò alla grande, eccheccazzo!
Gatta bastarda ha detto…
io dico addio a tutte le vostre cazzate infinite.... quanto vorrei urlarlo al parlamento italiano!

Post popolari in questo blog

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…