Passa ai contenuti principali

CRIMINE

Foto choc di violenze sui minori. 3 arresti, uno e' un incensurato padre di famiglia.

Questa, è una di quelle notizie che non vorresti mai leggere. Certo, purtroppo in questo nostro mondo le violenze sono all'ordine del giorno, ma si sà, una creatura indifesa sulla quale si esercita abuso riesce sempre a ferire maggiormente la sensibilità. Qui, verrebbe facile scaraventarsi contro quegli animali che si macchiano di questi crimini, risulterebbe scontato quell'impeto che tramite l'uso della violenza induce a farsi giustizia. Ma in questo caso, forse è più utile fare capire il male che si crea, far notare come si possa trovare il coraggio di violare una speranza, il futuro. Perchè un bambino, è il nostro proiettarsi nel tempo, è un sorriso che se oscurato lo resta per sempre. Forse sbaglio però, è inutile spiegare, questi non sono uomini, mi rifiuto di pensare che queste persone siano del mio stesso genere, non voglio crederlo. Purtroppo non è così: sono uomini, esseri umani che si macchiano di uno dei crimini più orrendi. Ora però, nonostante stia in tutti i modi cercando di contenere una rabbia che rischia di straripare, non posso trattenermi dal definirli bastardi, esseri che valgono meno di una merda. Non sono per la pena di morte, ma da ragazzo, che ancora ricorda di essere stato bambino, gli auguro tutto il male di questo mondo.

Maledetti bastardi!!!!

Commenti

Andrea De Luca ha detto…
ma che schifo, che vergogna...
ciao, buon sabato
Gianna ha detto…
Non sono uomini,non possono essere uomini,ma bestie feroci...
O sono malati,troppo malati?
Anonimo ha detto…
Marcire in galera: una soluzione.
Anticlericale89 ha detto…
Galera e castrazione chimica per chiunque si macchi di reati a sfondo sessuale.

Non mi piace il buonismo,no alla pena di morte(ci mancherebbe) ma chi usa gli "arnesi" in modo sbagliato se li deve vedere togliere.

Mi rifiuto di pensare di fare parte dello stesso genere animale di questi individui.
articolo21 ha detto…
quando si dice "buttare via la chiave"
desaparecida ha detto…
E' sempre un delicato parlare di certe cose....
Ed anche io contengo la rabbia con molta difficoltà....

Galera subito senza il classico di 2 giorni e poi fuori con la condizionale.
Nientre potrà eguagliare l'orrida violenza fatta ad un bambino....ma pene dure si....
E x come la vedo io devono essere anche curati...e nn lo dico x addolcire la pillola.

un abbraccio
Silvia ha detto…
Che tristezza :-/
Poveri bambini...Ma come si può?!
Franca ha detto…
La mia ricetta è sempre quella: sbatterli in cella, chiudere la porta e gettare la chiave...
Silvia ha detto…
CASTRAZIONE CHIMICA! (e, bada bene, ad "accontentarmi" di semplice "chimica" sono stata persino magnanima...).

Non c'è altra via per rieducare animali che oltraggiano creature, spesso gli stessi figli; non si possono rieducare in nessun altro modo... se non castrandoli.

E sai la cosa più disgustosa? Che aldilà del fatto di non poter ritenerli esseri umani come noi... Il più delle volte chi si macchia di tali aberrazioni sono quegli INSOSPETTABILI che si celano dietro quella "patina di normalità e rispettabilità esteriore" che tanto piace alla società bacchettona e moralista che apprezza solo l'ipocrisia delle azioni schifose compiute nell'ombra. E infatti: quanti padri di famiglia fanno cose del genere??

CASTRAZIONE CHIMICA.
Gatta bastarda ha detto…
fanno solo schifo... meritano di soffrire per tutta la vita...
anche io sarei per la castrazione... ma non sò bene come funzioni... nel senso se non ferma la libido non serve perchè magari non riescono ad usare l'arnese ma possono cmq essere violenti... servono delucidazioni...

Post popolari in questo blog

LETTERA ALLA TERRA

Cara Terra, non so perchè sento il bisogno di scriverti. Forse è semplicemente perchè penso, di essere proprio come te, incompreso. Oppure, per rispetto nei confronti di chi, dall' alto della sua saggezza, ha visto sotto il suo cielo passare ogni cosa. Infatti, hai visto guerre anche di 30 anni, continui ad assistere a genocidi e non per ultimo, vedi fare festeggiamenti per uno stato nato da un' occupazione. Tu, tradita da quell' uomo a cui hai offerto ogni meraviglia, partecipi silenziosa ad ogni avvanimento. Anche alla tua lenta ma inesorabile fine. Ieri leggevo un dato allarmante: ogni 20 minuti circa, si estingue una specie diversa dell'ecosistema. Quanto potrai resistere ancora? Capisci il paradosso? Noi umani, facciamo liste di animali pericolosi quando in realtà, siamo noi i più pericolosi per il tuo benessere. Tuttora incapaci di sentirci parte di te, pensiamo di poterti sfruttare all'infinito dimenticando che solo nel tuo amplesso può esserci vita. Non ri…

CHI CONOSCE AMA, VEDE, OSSERVA...

Colui che non sa niente, non ama niente.
Colui che non fa niente, non capisce niente.
Colui che non capisce niente è spregevole.
Ma colui che capisce, ama, vede, osserva ...
La maggiore conoscenza è congiunta indissolubilmente all'amore ...
Chiunque creda che tutti i frutti maturino contemporaneamente come le fragole, non
sa nulla dell'uva.

Paracelso

Queste parole mi fanno riflettere sul periodo in cui viviamo. Forse perchè penso seriamente, che uno dei problemi della nostra società, sia l' ignoranza che sfocia in una banale superficialità. Guardandomi attorno, noto quanto i media siano riusciti nel compito, di farci credere informati quando in realtà la disinformazione dilaga. Noto quanto le persone siano sempre meno propense a riflettere e a fare una sana autocritica. Mi rendo conto, quanto siamo sempre più incapaci per fragilità, o mancanza di tempo, a gestire i rapporti umani. Quello che voglio dire con queste parole, è quanto sia importante la conoscenza, la riflessione e la …

IL CONSUMISMO

Origini del consumismo

di Andrea Bertaglio

“Se cerco di immaginarmi il nuovo aspetto che il dispotismo potrà avere nel mondo, vedo una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurarsi piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri” (Alexis de Tocqueville, 1835).

Sarebbe molto più facile uscire dall’ondata di depressione a cui stiamo assistendo se non avessimo paura di ammettere che la nostra società di consumi ci rende infelici (Bruce E. Levine, 2007).

Il consumismo è la manifestazione del bisogno cronico di acquistare continuamente nuovi beni e nuovi servizi, con scarso riguardo all’effettiva necessità che si ha di essi, alla loro durata, alla loro origine o alle conseguenze ambientali della loro produzione e smaltimento. Il consumismo è dovuto ad ingenti somme spese in pubblicità con lo scopo di creare sia il desiderio di seguire una moda, un trend, sia il conseguente sistema di auto-compiacimento che ne deriva. Il materialismo è uno dei risultati finali…