Passa ai contenuti principali

IL SOGNO E L' ILLUSIONE

Faccio solo una piccola premessa al video, visto che dura 20 minuti circa. Questa è la testimonianza di un migrante, che racconta di alcuni abusi subiti lungo il cammino intrapreso per provare a raggiungere quel sogno chiamato Europa. Il video è lungo, ma sentirsi dire alcune cose, aiuta ogni volta a capire quanto si può essere distanti dall'immaginario. E siamo nel cosiddetto terzo millennio.

Commenti

Andrew ha detto…
lo guarderò con più calma domani
notte
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Io naturalmente te lo consiglio Andrew. Non perchè l'ho pubblicato io, ma perchè è veramente una testimonianza che aiuta a capire quanta sofferenza ci possa essere alle spalle di chi rifiutiamo o rinchiudiamo in lager chiamati CPT.
Buona notte a te.
Pupottina ha detto…
lunghissimi ma interessanti!

O_O

buona domenica

^________________^
sirio ha detto…
Ciao marco,drammatica testimonianza di una persona a cui già la Libia sembrava un miraggio,poi rivelatasi in realtà tutt'altra cosa.
E noi saremmo i razzisti? no,il modo in cui è stato perseguitato Roman è molto peggiore "perchè cristiano".
Alla faccia del terzo millennio...!

Buona domenica.
desaparecida ha detto…
Nn riesco a vederlo...la musica si sovrappone al video....
riprovo dopo...

un abbraccio
riri ha detto…
Ciao Marco,il video lo guardo oggi,a pochi passi da casa mia c'è un cpt,ti assicuro che la gente ha una grande intolleranza,ma queste persone,purtroppo,sono sempre di più trattate come bestie,ma i veri animali sono i secondini di questi carceri.
Un abbraccio , buona domenica e grazie.
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Pupottina: Buona domanica.Grazie

Be... Sirio, a me quello che interessa non è il motivo per il quale si è perseguiti, ma è l'essere perseguiti di per se che è sbagliato.
Che sia per motivi religiosi, politici o etnici non fa nessuna differenza è una piaga da debellare.
Grazie buona domanica Sirio


Desa: se non ho frainteso il problema, schiaccia pause sul display da dove parte la musica sulla destra.
Grazie un abbraccio.

Riri: Grazie per la sensibilità e la testimonianza.
Un abbraccio a te e buona domanica.
Maurone ha detto…
Stamattina sul Manifesto le pagine 2 e 3 sono dedicate alla riproposizione dei fatti più ecclatanti di razzismo negli ultimi 170 giorni.
Dall'accusa infondata nei confronti di una giovane rom di voler rapire una bambina a Ponticelli (Na) il 13 maggio scorso, che portò a un assalto ad un campo rom con bottiglie molotov, alla denuncia del 3 ottobre di una cittadina italiana di origini somale scambiata a Ciampino per una trafficante di clandestini, denudata e maltrattata dagli agenti......
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
Maurone benvenuto nel blog. Grazie per la visita ripassa quando vuoi.
Un saluto
l'incarcerato ha detto…
Ancora non ho visto il video Marco, ma questi CPT sono una vergogna, Guantanamo si trova anche qui!
Vedo sicuramente il video anche se purtroppo so bene (ricordo quando Gatti dell'Espresso fece finta di essere un immigrato clandestino per fare un reportage sui CPT) che sono dei veri e propri lager lontani o quasi da occhi indiscreti.
Punzy ha detto…
Eccomi, sono appena rientrata in rete e passo per un saluto. Sempre sull'onda dell'attualità eh?
Confesso, non ce l'ho ftta ad ascoltare tutta la testimonianza, mi si stringe troppo lo stomaco.
♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
ciao marco,giuro che torno,con calma domani passo a guardarlo tutto,poi d ti diro' che ne penso(anche se sai come la penso e ti raccontero 'un fatto successo ieri)
ora scappo sono passata solo per dirti questo......
Alle volte penso che quello dei bloggher stia assomigliando sempre piuad uno sporco lavoro,ma qualcuno deve pur farlo,visto che chi è "pagato"per questo poco glie ne cala o se ne preoccupa,o ancora non dice la verita'
Scusa il ctrl+ v ctrl+ c ma capisci a me...ragassuolo oggi brutta vicenda da ste parti,sono stata impegnata per giorni a raccattare questua
per pagare mille Euri(diconsi mille)la pappa è poca,ma il cantante della serata si prospetta
ricco e felicemente gaudente,attorniatoda ceffi gra$$i e contenti,baracconi e poppe molli
prossimamamete spifferero' tutto
vado a spiar....gabrybabelle
il Russo ha detto…
Vedendo questo video non posso che pubblicizzare, per l'ennesima volta, il libro di Gatti: Bilal.
Ritroverai questa storia raccontata da un grande giornalista che l'ha vissuta in prima persona.
Pino Amoruso ha detto…
Ciao, passo per un saluto e per invitarti a leggere l'ultimo mio post ed a diffondere l'iniziativa. Ora più che mai bisogna fare "rete"...

A presto ;)
giovane del PDL ha detto…
non ho bisogno di vedere alcun video per potervi dire senza ombra di dubbio che gli immigrati clandestini sono un serio problema per l'Italia rubando il lavoro agli onesti lavoratori e causando problemi di criminalità laddove, incapaci di trovare un lavoro, si dedicano ad attività criminose.

Io penso che vadano regolamentati dove possibile ed espulsi dove possibile. Occorre anche rivedere le leggi in materia di profughi e quant'altro.

ricordo anche a voi, come già fatto in altro blog, che questo governo, in pochissimi mesi si è occupato e si sta occupando del problema risolvendo in maniera netta altri gravosi problemi del Paese, primo fra tutti quello dei rifiuti in Campania, rifiuti non più presenti sul territorio e questo malgrado decenni di governo di centro-sinistra.
Per esempio nel 2002 poco è stato fatto da Prodi per risolvere il problema.
Allo stesso modo il lodo alfano garantisce più tranquillità al presidente del consiglio.

seguiranno poi delle leggi per diminuire i poteri del parlamento e per regolamentare gli abusi di libertà in internet e nei giornali.

e scusate se è poco

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…