Passa ai contenuti principali

SOLO PIETA'

Pietà, sei morti sul lavoro in un solo giorno sono insopportabili.
Pietà, anche un solo morto sul lavoro al giorno è insopportabile.
Pietà, smettetela di ridurre il costo della manodopera e della sicurezza.
Pietà, basta considerare uomini ingranaggi utili al funzionamento del sistema.
Pietà, perchè non riesco a trovare le parole per dire altro.

Commenti

Silvia ha detto…
E' la vergogna del nostro Paese, è la vergogna del nostro Paese...

:*-(

***

PS: grazie per il messaggio di solidarietà, caro! Quanti animali ci sono in giro...
Alessandro Tauro ha detto…
Sottoscrivo: la vergogna del nostro paese.
E ne parlano come di un problema causato da forze maggiori. Come una caduta di meteoriti...
Si tratta di persone che muoiono DI lavoro! Se è accettabile, che lo dicessero a chiare lettere!
NADIA ha detto…
HOLA sono sempre più disgustata da tutto questo, non mi arrendo non lo faccio ma credimi è proprio una lotta contro i mulini a vento, ieri 6 lavoratori ci hanno lasciato la vita, padri, fratelli, mariti quanti ancora!!!!!

p.s. grazie per la solidarietà sono così incazzata(scusa l'espressione) perchè al solito sono sola contro una manica di stronze!!!
un abbraccio!!!!
calendula / trattalia ha detto…
più che pietà provo rabbia, e senso di impotenza che è la cosa che mi fa più male.....
Crocco1830 ha detto…
Ieri ascoltavo una trasmissione su una TV privata locale che parlava di sicurezza sul lavoro. La notizia è arrivata in diretta.
La rabbia è salita ancora di più quando ho sentito le solite frasi, sulle cause delle morti sul lavoro: "La verità sta nel mezzo. Un po' di colpa ai datori di lavoro. Un po' di colpa ai lavoratori." Il motivo addotto? Con un esempio: misure di sicurezza non adottate dal datore di lavoro da una parte. lavoratori che non indossano i DPI dall'altra. Una stronzata! Chi si occupa di sicurezza e parla in buona fede, sa che questa è una stronzata!
stella ha detto…
Testimonianza forte quella di Fo. Ne ero all'osscuro.
Bravo,Marco!
AKUL87 ha detto…
BASTA MORTI SUL LAVORO!
♥gabrybabelle(#..#) ha detto…
Non si va mai a perseguire i veri colpevoli di queste continue stragi,hai voglia ad urlare
Credo che ormai nessuno piu faccia seco il dramma dei morti sul lavoro,la questione è bipartisan
Ripeto nessuno se ne vuole fare carico,perchè in fondo in quel marasma di leggi che regolano il mondo
del lvoro e la sicurezza da applicare in favore dei lavoratori,spesso,c'è il lasso di extra guadagno per i padrono
La cosa terribile è che il bisogno fa perdere di vista la sicurezza
il ricatto lavorativo dei padroni o meglio dei tanti capi e caporali fa si
che il rispetto della vita umana non si sa dove stia di casa ma di ca$$a si e anche qualche lavoratore
(e forse qulcuno di troppo) si fa coninvolegere in questo "Girone Dantesco"Non c'è piu
la conoscenza e la solidarieta' fra lavoratori,dettata dalla paura di finire male,di finire in mezzo alla strada
Non hai notato come,QUANDO e quanto piu si restringono i cordoni della borsa,piu la gente fa
finta di nulla,anzi al contrario per scacciare brutti pensieri sul futuro anzichè farsi accorto ci si lascia andare-
Con la mera illusione che NON pensarci aiuta,parlo in tutti i sensi,in tutto cio' che giornalmente
ci coinvolge e si fa attorno alla nostra vita e a quella degli altri-Noi siamo noi,maANCHE gli ALTRI,
siamo sempre noi-E' perdendo di vista questa piccola logica che si diventa nei caini,infliggendo
e autoinfliggendoci le piu feroci atrocita',qualcuno riesce a toccare il fondo e poi a rislaire la china
scoprendo con i propi occhi che piu giu di cosi non si puo'-Ad altri questo "dono"non è dato
e rimane coinvolto nel vortice di massa da cui non si riprende piu-Fra' costoro ci sono ovviamente
"Quelle brave Persone"Chiamate Capi-Padrone-per intenderci dei mastini simil Marcegaglia-
A costoro che puoi fare,?poco o nulla,solo le ribellioni di massa hanno portato dopo un grande kaos
alla ricottruzione del tutto-NON abbiamo ancora toccato il fondo,c'è chi sta grattando con le unghie ,ogni
barile che incontra-Finite le unghie e spolpate le mani si raggiungera' l'osso,o si muore o ci si ribella
non c'è soluzione a questa continuita' dei Poteri Forti contro i deboli
ciao marco ,grazie del commento,non lo scrivo quasi mai ma in questo caso so' che hai capito l'essenza del post e mi ha fatto enorme piacere ;-)
Alicesu ha detto…
sono d'accordo con ogni parola detta da Fo...
articolo21 ha detto…
Una strage che continua ad essere un problema sociale di secondo ordine.
Lucia Cirillo ha detto…
Il mio rammarico è avere 32 anni in quest'epoca: potenzialmente ho molto ancora da vedere...e ne sono terrorizzata
riri ha detto…
Ciao Marco,sono incazzata e disgustata al massimo.Scusami l'espressione volgare.
Un abbraccio
Anonimo ha detto…
disgusto,rabbia per tutte queste morti innoccenti!
altro che bel paese:(

aria
SCHIAVI O LIBERI? ha detto…
alicasu, benvenuto nel blog.
Un saluto.
Nicola ha detto…
Ciao Marco,tutti i giorni,gli operai e gli schiavi vengono assassinati sui posti di lavoro e dalle bombe intelligenti,dopodichè il silenzio...
Oltretutto,nessuno parla del nuovo modello contrattuale che interesserà circa 20milioni di lavoratori e la confindustria vorrebbe gratificarci con aumenti inferiori all'inflazione,in questo momento sembrerebbe che solo la cgil voglia contrapporsi,poi si vedrà.Probabilmente questa sarà la mia ultima esternazione politica e mi dedicherò a tempo pieno a fare il nonno ed il pensionato..fotografando la natura...
Un caro saluto
gap ha detto…
Siamo un paese in guerra, in guerra con noi stessi e con i nostri simili. Siano essi lavoratori, immigrati, diversi, prostitute ed altro. Una guerra senza regole dovunque e comunque.
Caro Nicola, condivido anche le virgole di ciò che scrivi, quindi, non tirarti indietro, fallo per te stesso, i tuoi figli e principalmente per i tuoi nipoti, facciamo si che almeno essi vedano e vivano in un mondo migliore. Coltiviamo almeno la speranza!!!
Torno a chiudere come sempre anche se in alcuni momenti mi scoraggio profondamente.
Resistere sempre e comunque
ladyoscar ha detto…
anche oggi 6 famiglie saranno orfane di un loro componente.
e per cosa mi chiedo?
Che orrore! per un misero stipendio? Una vita vale così poco?
E la cosa assurda è che nessuna parte politica se ne vuole fare carico veramente... signori siamo soli abbandonati a noi stessi.
Sono disgustata.
il Russo ha detto…
Ma voi ve lo siete già dimenticato Castelli (non un secolo fa, anzi)che diceva che le cifre dei morti sul lavoro erano gonfiate e che la metà moriva per incidenti d'auto sulla strada del lavoro? Da quella volta, ad ogni notizia come questa, mi incazzo doppiamente.
enio ha detto…
Basterebbe rispettare le norme anti infortunistiche che ci sono oggi per eliminare quasi gli incidenti sul lavoro.
Gatta bastarda ha detto…
già e io ringrazio sempre che a mio padre non sia mai successo niente visto che lavorando sulle navi e in porto ...bè la sicurezza non si sà manco cosa sia... ma ne ha viste di tutti i colori... ora è in pensione...sano e salvo!

Post popolari in questo blog

Considerazioni

La crisi morde, e il degrado al quale stiamo assistendo lascia sbalorditi. Tutto ormai si riduce ad una contrattazione al ribasso in  qualsiasi campo della vita politica, economica e sociale di questo paese. Sotto il peso del ricatto della crisi e di questa stolta teoria di sviluppo, subiamo miserie che fino a qualche decennio passato pensavamo buttate nel dimenticatoio della storia.
Così ci ritroviamo qui a difendere nel terzo millennio l'acqua come bene pubblico, ad aggrapparci ad un lavoro che nella maggior parte dei casi subiamo come violenza psicologica e sociale senza una qualche speranza di realizzazione professionale; a lottare per ciò che ritenevamo elementari diritti di una società civile come poter godere di una vecchiaia senza il dover pensare a come fare per mantenersi.
Siamo in crisi, in crisi di sistema economico e antropologica: ci hanno cambiati in questi 40 anni, adattati ad un pensiero unico che, promuovendo individualismo e competizione, ora ci sta conducendo …

Per la mia candidatura a rappresentante sindacale

La situazione economica che stiamo attraversando necessita di un’ analisi accurata.
Se guardiamo all’Europa e alla sua politica deflazionistica, dettata dai padroni della finanza per ridurre il potere dello Stato , lo scenario assume contorni apocalittici.
Ai vari Stati membri infatti, vengono imposte politiche di austerità condite con massicci piani di privatizzazioni e liberalizzazioni: una vera e propria macelleria sociale ( qui si apre anche la questione democratica sul perché due organismi come BCE e Commissione europea , i cui membri non sono eletti dai cittadini, possano decidere la politica di Stati con parlamenti eletti dai popoli). Senza parlare poi di questa globalizzazione, la quale serve solo ad una ristretta cerchia di persone al di sopra di tutto per arricchirsi ai danni dell’intera umanità.
In questo contesto la lotta capitale - lavoro, che qualcuno mistificando la realtà ci aveva detto superata, diventa non lotta per migliorare la propria condizione esistenziale,…

IL SENSO DI ESSERCI

Tutti noi siamo alla ricerca della felicità, di una vita tranquilla con i nostri cari. Ma cosa è la felicità, il benessere al quale tutti noi ambiamo in ogni anelito di vita? Questo sistema continua a illuderci che la felicità dipenda da un qualcosa di esterno da noi, dall'aver più cose, una bella famiglia o un amore per il quale scioglierci. Eppure, il consumo di psicofarmaci nell'occidente considerato ricco aumenta, e sempre più persone si aggrappano a effimere condizioni per superare il vuoto che attanaglia il quotidiano. Qui allora nasce l'eterno quesito filosofico sul quale sia lo scopo della nostra vita; possibile che lo scopo della vita sia accumulare cose che comunque un giorno dovremo lasciare in ogni caso? O la felicità e il senso di esistere dipendono da un percorso interno che porta all'autorealizzazione indipendentemente da ciò che ci circonda, da ciò che abbiamo o lavoro facciamo? Questi quesiti nascono in me dopo anni di impegno politico, credendo di po…